Bacteria riceve una nuova celebrazione come restauratore d’arte in Italia

Le sfere di marmo di Michelangelo nella Cappella dei Medici sembravano sporche, quindi un team di conservatori d’arte ha deciso di imbrattare il vettore con i batteri. Microbi specializzati hanno ripulito secoli di sporcizia, lasciando le statue di marmo come nuove, Il New York Times Rapporti.

Il team ha selezionato ceppi di batteri specializzati per colpire le diverse macchie sul marmo. Alcuni tipi di batteri possono prosperare in ambienti difficili e gli adattamenti al consumo di cibi che possono causare problemi agli esseri umani. Questi batteri possono abbattere cose come gli inquinanti in componenti relativamente innocui.

In questo caso, il team ha cercato ceppi batterici che divorassero le macchie e altri adesivi, senza danneggiare il marmo stesso, e ha testato le loro migliori opzioni su un pezzo di marmo poco appariscente dietro un altare nella chiesa. Hanno trovato alcune specie che avrebbero funzionato e hanno usato un gel per deformare le statue. Vari ceppi di batteri divorarono i resti del cadavere non trattato gettato in una tomba nel 1537, colla e persino macchie.

I risultati del progetto saranno pubblicati a giugno, ma puoi avere una piccola anteprima guardando le foto su Il New York Times Oggetto – carico.

Non è la prima volta che i batteri vengono introdotti in un servizio di pulizia tecnica. L’Italia, in particolare, è nota per utilizzare i microbi negli sforzi di conservazione. Sono stati utilizzati batteri di zolfo Rimuovi “scale nere” In alcune parti del Duomo di Milano, ha funzionato meglio di un trattamento chimico simile. A Pisa, un ceppo batterico che mangia sostanze inquinanti ha contribuito a ripulire i dipinti murali danneggiati Sulla cupola della cattedrale E per Cimitero vicino alla Torre Pendente di Pisa.

READ  Stillwater: un americano a Marsiglia

Altri ricercatori stanno mappando batteri e altri microrganismi In precedenza Vivi sui dipinti. E hanno scoperto che alcuni microbi che si sono depositati sui coloranti potrebbero effettivamente aiutare a preservarli. Il degrado opera in primo luogo.

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *