Aborto spontaneo: le donne vedono i loro nomi sulle tombe dei feti a Roma

Aborto spontaneo: le donne vedono i loro nomi sulle tombe dei feti a Roma

Giovedì la città di Roma ha ricevuto una grossa multa da un poliziotto italiano per la protezione dei dati, per aver inserito i nomi di donne che avevano abortito sulle tombe dei feti senza il loro consenso.

Alla fine di settembre 2020, la scoperta di queste tombe di feti abortiti sepolti nel cimitero Flaminio all’insaputa dei loro parenti, i cui nomi figuravano sulle tombe, ha fatto arrabbiare le associazioni per la difesa della donna e i diritti delle donne coinvolte. , che hanno denunciato la violazione della loro privacy.

In base al divieto di pubblicazione dei dati relativi all’interruzione di gravidanza, il Garante per la protezione dei dati personali ha deciso di irrogare una sanzione di 176.000 euro al Comune di Roma e un’ulteriore sanzione di 239.000 euro all’AMA, l’azienda pubblica preposta alla gestione dei cimiteri. dalla capitale italiana.

Nel suo comunicato stampa, l’Autorità ha anche lanciato un avvertimento alla Cassa di assicurazione sanitaria primaria di Roma, che aveva violato la legge sulla protezione dei dati lesiva della privacy trasferendo alla WADA l’identità di ciascun feto di una donna che aveva abortito.

Oltre a queste sanzioni, l’autorità ha anche ordinato alla cassa malattia della capitale di “non riportare più esplicitamente l’identità nei permessi di trasferimento e nei certificati medici obbligatori”, suggerendo che questi dati vengano mascherati o crittografati per evitare la possibilità di identificare la donna. che diede alla luce il feto abortito.

La cooperativa di credito deve notificare al Fondo monetario arabo la scelta e l’adozione di tali misure entro due mesi.

“Abbiamo dovuto aspettare molto tempo ma oggi giustizia è stata fatta per molte donne e per tutti coloro che hanno commesso questi torti”, ha detto Elisa Ercole, presidente dell’associazione per i diritti delle donne Differenza Donna. Citato dall’agenzia italiana AGI.

READ  François Trokenes, Presidente del 23° Festival Baume d'Or di Beloeul

Lo scandalo è scoppiato nel settembre 2020, dopo che una donna che aveva abortito ha scoperto il suo nome su una croce nel cimitero Flaminio e ha pubblicato una sua foto su Facebook che ha avuto ampia diffusione.

Pratiche simili furono scoperte più tardi in un cimitero nella città settentrionale di Brescia.

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *