Veneto e Friuli rinviano al 31 gennaio la riapertura delle scuole: “Troppi rischi”. Campania, deciso ritorno graduale a partire da lunedì 11

Veneto e Friuli Venezia Giulia non aspettano le decisioni del governo in merito riapertura delle scuole e annunciare che gli studenti continueranno con l’apprendimento a distanza almeno fino al 31 gennaio. Il governatore veneziano, Luca Zaia, e l’Assessore friulano all’Istruzione, Alessia Rosolen, ha annunciato che sono pronte le ordinanze dei rispettivi consigli regionali. Anche lì Campania non aspetta Roma e sceglie un percorso autonomo: lunedì 11 gennaio – e non il 7, come previsto – solo bambini da scuola elementare e le prime due classi di Scuola elementare, mentre gli altri studenti dovranno aspettare almeno il 18 gennaio, al liceo il 25.

Il governo, che domenica sera ha incontrato le Regioni, sta lavorando a un nuova disposizione con il misure restrittive che dovrebbe essere valido almeno fino a metà mese. Sul tavolo c’è anche il tema del scuole: dal 7 gennaio tutti gli studenti, infatti, sarebbero dovuti rientrare lezioni faccia a faccia (tutti superiore almeno con l’apprendimento a distanza al 50%). Tuttavia, molti governatori hanno chiesto di attendere almeno il prossimo monitoraggio delIss, prevista per l’8 gennaio, sostenendo che è ancora troppo presto per partire. Virologi, medici, presidi e sindacalisti hanno anche fatto appello al governo, chiedendogli di aspettare almeno metà gennaio per prendere una decisione. Il ministro dell’Istruzione, Lucia Azzolina, un il fatto Quotidiano ha respinto la proposta, precisando che “la scuola è già stata troppo sacrificato. Meno di due settimane fa, il 23 dicembre, l’incontro tra governo, regioni e province aveva approvato le “Linee guida” per la ripresa sicura dell’anno scolastico: il documento prevedeva la riprogrammazione del trasporto pubblico locale, le ore sfalsate e una selezione della popolazione studentesca.

READ  Renzi tiene aperto lo scontro con il governo: "Ritiro dei ministri? Tutto ancora sul tavolo. Ebbene dal metodo, ora dipende dal merito"

“Continuare a tergiversare alla data di riapertura delle scuole procrastinando il ritorno dei nostri studenti, come stanno facendo molti presidenti regionali, non è più accettabile ”. gli esponenti del Movimento a 5 stelle nella commissione educativa del Senato. “Lo scorso 23 dicembre – aggiungono – alcuni sono stati presi accordi tra governo e regioni, messo nero su bianco, che deve essere rispettati“A maggior ragione – ragionano i senatori del M5s – per il fatto che i dati delIstituto Superiore di Sanità ci dicono che frequentare gli ambienti scolastici non è un amplificatore di infezioni e che se si seguono regole rigide come la comunità scolastica sta facendo da mesi, la riapertura non solo è possibile ma è un dovereI pentastellati vogliono anche sottolineare che “le regioni hanno ricevuto di più 150 milioni di euro, che si aggiungono alle oltre 300 già ricevute nel periodo estivo, per quelle che sono le esigenze del trasporto pubblico locale rispetto alle scuole. A questo punto ognuno assume il proprie responsabilità“.” Ulteriori ritardi e rinvii per ilincapacità qualcuno non è più idoneo ”, conclude la nota.

La regione Veneto –Non ci sembra prudente – ha spiegato Zaia – in una situazione epidemiologica di questo tipo in Italia riaprono le scuole. Questo è ciò che dobbiamo fare oggi per il bene della comunità. Ringrazio il direttore scolastico regionale Palumbo, Ho parlato con i consiglieri, ho avvertito il Prefetto di Venezia Zappalorto. Credo che molti colleghi faranno un passo simile. Non abbiamo problemi di trasporto, Ci tengo a precisarlo “. Lo ha voluto sottolineare anche il governatore non è “un problema politico perché le ordinanze sono sul profilo sanitario. La Regione – ha proseguito – può intervenire con ordinanze sul rischio salute, non è in contraddizione con le normative nazionali. Non sono sorpreso che il file Ministro Azzolina lotta per la riapertura perché è il ministro della Pubblica Istruzione, ma al momento non è prudente. Quando abbiamo portato l’accordo delle Regioni sui protocolli per la riapertura non eravamo arrivati ​​a questa situazione. La situazione sta peggiorando e dobbiamo rispondere con misure ad hoc “.

READ  Covid, riapertura palestre, teatri e centri estetici a rischio a metà gennaio - Corriere.it

Friuli – La stessa decisione potrebbe essere ufficializzata definitivamente anche in Friuli, come ha spiegato l’assessore Rosolen: Fedriga “ha immaginato un’ordinanza che rinvierà il rientro in classe dei ragazzi delle scuole superiori dopo il 31 gennaio”, ha dichiarato. “Ovviamente – ha aggiunto – ci sono possibilità di intervenire da qui al 31 gennaio, a seconda di come cambierà la curva epidemiologica nelle prossime settimane”. L’ordinanza, precisò in seguito, arriverà firmato oggi e estenderà l’uso dell’insegnamento digitale integrato al 100% per le scuole superiori fino alla fine del mese. Questo “per dai il certezza dei tempi nelle scuole, non vogliamo ricominciare da capo per fermarci e vogliamo garantire alle scuole di organizzare il loro lavoro fino al 31 gennaio. La scuola ha predisposto i piani di rientro su cui hanno lavorato prefetti, dirigenti scolastici, ufficio scolastico regionale e amministrazione regionale. In questo momento la nostra responsabilità verso l’intera comunità regionale è di ridurre al minimo tutte le possibilità di esplosione di dati. La scuola non è distaccata dal contesto regionale in cui è inserita “.

La Campania – Le scuole riapriranno lunedì 11 gennaio quando gli alunni del scuola elementare e del primo due classi del Scuola elementare, esattamente come prima chiusura per le vacanze di Natale. È il frutto dell’incontro diUnità di crisi della Regione chi ha valutato i dati epidemiologico in relazione alla possibilità di un ritorno in presenza: ci sarà un ordine entro martedì. A partire dal 18 gennaio dal punto di vista epidemiologico generale la possibilità di tornare in presenza per tutta la scuola primaria e da 25 gennaio, per la scuola secondaria di primo e secondo grado.

READ  Discendente del re d'Italia chiede perdono agli ebrei per le leggi razziali di Mussolini

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *