Una dieta ricca di fibre aiuta a rallentarne la progressione

di base

  • In Francia, ogni anno vengono diagnosticati da 4.000 a 6.000 nuovi casi di sclerosi multipla.
  • I batteri ritenuti utili per l’IBD sono stati ridotti nei pazienti con SM, che avevano livelli più elevati di Lcn-2 nelle feci.

E se la chiave per combattere la sclerosi multipla fosse guardare il contenuto del piatto? Questo è ciò che suggeriscono i ricercatori della Rutgers New Jersey Medical School negli Stati Uniti. In uno studio pubblicato sulla rivista Frontiere in ImmunologiaHanno rivelato che mangiare cibi ricchi di fibre può aiutare a rallentare la progressione della malattia.

La sclerosi multipla è associata all’infiammazione intestinale e alla disbiosi intestinale (uno squilibrio nella biodiversità della nostra flora). Gli studiosi hanno scritto. Come parte di questo lavoro, hanno voluto concentrarsi sulle cause dell’infiammazione intestinale associata alle malattie autoimmuni. Per questo, il team ha esaminato l’infiltrazione intestinale delle cellule immunitarie nei topi transgenici.

Alto biomarcatore di gastroenterite nei pazienti

Quando questi roditori sono cresciuti e hanno sviluppato un’encefalomielite autoimmune sperimentale, una condizione simile alla sclerosi multipla, gli autori hanno osservato un aumento delle cellule infiammatorie nel colon e la produzione di una proteina antimicrobica chiamata “Lipocalina fecale (Lcn-2)”, È un biomarcatore dell’infiammazione intestinale.

Quindi i ricercatori hanno cercato di dimostrare che questo stesso processo si verifica nelle persone con sclerosi multipla. Per questo, hanno analizzato le feci e identificato livelli significativamente elevati di lipocalina fecale. Livelli elevati di Lcn-2 sono associati a una ridotta diversità batterica e a livelli aumentati di altri marcatori di infiammazione intestinale. Possiamo leggere nelle ricerche.

Sclerosi multipla: la fibra riduce l’infiammazione intestinale

Secondo gli scienziati, cambiare la dieta, mangiando più fibre, aiuta a ridurre l’infiammazione intestinale e a rallentare la progressione della sclerosi multipla. “Le cattive abitudini alimentari, come il basso consumo di fibre e l’alto consumo di grassi, possono contribuire al significativo aumento della SM. (…) Nei paesi in cui le persone mangiano molte fibre, la SM è meno comune”, Kouichi Ito, autore dello studio, ha dichiarato: dichiarazione.

Ora, il team prevede di reclutare adulti con sclerosi multipla per un esperimento che determinerà in che modo i loro microbiomi e il loro sistema immunitario sono influenzati da un integratore alimentare ricco di fibre.






















READ  Un ampio studio avverte di 10 primi segni

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.