Un sabato nel cuore della Data Science per gli studenti delle scuole superiori

Un sabato nel cuore della Data Science per gli studenti delle scuole superiori

“È davvero impressionante che siate venuti tutti qui sabato!” ha esclamato Jean-Yves Jamin, Senior Consultant di Ernst & Young (EY). I biglietti per il Discovery Day organizzato dal campus dell'Université de Montréal sono esauriti. Infatti, perché dedicare un sabato soleggiato ad un'attività di statistica? “Ne abbiamo sentito parlare a scuola ed eravamo curiosi”, ha detto Richarli, una studentessa di terza elementare.H Liceo presso l'École Cavelier de Lasalle.

Ventisei giovani di 3 anniH,4H E 5H Si sono recati negli uffici di EY nel centro di Montreal il 10 febbraio alle 9:00 e sono rimasti lì dopo le 15:00, data che ha segnato la fine dell'attività.

Cooperazione fruttuosa

Questa giornata ha lo scopo di introdurre gli studenti delle scuole superiori alla matematica, alla statistica e alla scienza dei dati. È stato l'EY Black Professionals Network a rivolgersi al campus di Cap per proporre la loro prima collaborazione per il Black History Month. “CAP Campus è felice di collaborare con le aziende, il che ci dà l'opportunità di mostrare come la conoscenza viene applicata sul campo”, ha affermato Aisha Al-Saghiri, Presidente di CAP Campus. L'Istituto canadese di scienze statistiche ha partecipato all'organizzazione dell'attività.

Questa partnership, tra le altre cose, ha permesso ai partecipanti di visitare gli imponenti uffici EY, che si trovano al 23H Pavimento Maison Manouvre. “È interessante poter portare i giovani in bellissimi uffici, dove spesso non hanno l'opportunità di andare”, afferma Aisha Al-Saghiri. Oggi è stata davvero un'avventura per alcuni. “È la prima volta che prendo la metropolitana!” ha detto Rachani, una studentessa di terza elementare.H Liceo presso l'École Cavelier de Lasalle.

READ  Un uomo riacquista la vista dopo l'impianto di una cornea artificiale

L'altra faccia della statistica

La giornata è iniziata con un divertente workshop di matematica presentato dagli studenti di matematica dell'UdeM Kaylan Bruno, Andre Juvenal Agbano e Lemke Angie Docpon.

Promise frequenta la Saint Laurent High School. Inizialmente non era molto attratta dalla statistica, nonostante il suo amore per la matematica, ma alla fine l'attività le è piaciuta: “Sinceramente mi è piaciuta molto. Era necessario trovare una modello In qualcosa che era un po' casuale. Questo è uno studente di 4 anniH La scuola superiore ha già partecipato ad una settimana di immersione estiva nel Campus Kapp e intende continuare a partecipare alle attività unitarie.

Il workshop è stato seguito da una tavola rotonda moderata da Mary Pearl Nkosi, consulente presso EY, che comprendeva quattro studenti: Bagwedam Sambiani, uno studente di dottorato in statistica, Vincent Lafontaine, uno studente di laurea con doppia specializzazione in matematica e informatica, Annie Hutkamer , uno studente che sta facendo una laurea in matematica, e Carmel Shango, studente di dottorato in matematica, opzione statistica. La conversazione ha dimostrato la diversità dei percorsi – due relatori hanno descritto l’inizio dei loro studi musicali – e le difficoltà che hanno dovuto affrontare. Carmel Shango è così tornata alle barriere che ha dovuto superare come donna nel suo campo di studi e alla necessità di studiare ciò che amava.

Nel corso del popolarissimo workshop sugli emoji e sulla cultura africana, condotto da Dorothy Bee (Sahara Nile Publications), i giovani hanno imparato di più sulle statistiche globali sull’utilizzo degli emoji, oltre a creare un emoji nella propria foto. Alla domanda su quale fosse la loro attività preferita della giornata, Rachasani e Richerly hanno concordato: “Workshop sugli Emoji!” Il duo ha vinto un premio per l'emoji che hanno progettato. “Quello che mi è piaciuto è che abbiamo ascoltato la storia di qualcosa che esiste da sempre per i giovani della nostra età”, ha detto Richarli.

READ  Sei domande sulla BPCO, une maladie qui touche 4 million de Français

Fai parlare i numeri

Dopo un workshop presentato da Afromusée de Montréal, la giornata si è conclusa con un dibattito che ha riunito professionisti di diversa estrazione guidato dal laureato in matematica e giornalista scientifico Philippe Robitaille-Grou. Hanno sfruttato l’opportunità per demistificare, definire e differenziare la statistica e la scienza dei dati. “La statistica è uno strumento per praticare la scienza dei dati”, ha affermato Jean-Yves Jamin.

Contrariamente alla credenza popolare, “Non è necessaria una laurea in matematica per fare statistica”, afferma Frédéric Anthony Galli, analista di business intelligence presso HEC Montréal e alunno UdeM. “Non ero bravo in matematica”, ha detto Rama Su, ora esperto di scienza dei dati e CEO di The Study Project. “Le statistiche aiutano a formare un'opinione sui fatti osservabili”, ha continuato.

“Quello che ho imparato è che puoi rispondere alle domande utilizzando le statistiche e puoi usarlo nella tua vita quotidiana”, riassume Promis. Inutile dire che la matematica e la statistica hanno molteplici usi nella vita di tutti i giorni. “In ogni programma, lavoro e campo c’è la matematica”, ha osservato Federico Antonio Galli. Che tu sia un appassionato di matematica come Hana Zouiten, consulente presso EY, o meno, i dati sono preziosi. “Quando vogliamo orientarci nel mondo, possiamo utilizzare queste informazioni. Le statistiche aiutano a sviluppare il pensiero critico”, ha sottolineato Jean-Yves Jamin.

La giornata si è conclusa con le parole di Dorothy William, attivista e storica specializzata in storia nera, che ha incoraggiato gli studenti presenti a continuare il loro viaggio. “Non dimenticare mai l'importanza della perseveranza”, ha ricordato.

Visita capcampus.umontreal.ca Per saperne di più sulla missione e sulle iniziative di Cap Campus.

READ  Video: il peso è finito: guarda il Moonwalk a Science North

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *