Morso della vedova nera: i ricercatori hanno finalmente trovato un antidoto

Morso della vedova nera: i ricercatori hanno finalmente trovato un antidoto

La vedova nera, il ragno più pericoloso di Francia, provoca dolori particolarmente forti quando morde, perché il suo veleno attacca il sistema nervoso. Dato che gli antiveleni scarseggiano e non sono sufficientemente sicuri, i ricercatori hanno cercato una soluzione che consentisse un accesso illimitato all’antidoto mentre questo ragno si diffonde sempre di più in Europa.

Il suo morso è raramente fatale, ma è comunque particolarmente potente e terrificante. Là Vedova nera europeaO latrudictus trisimagotatus, Abita la regione del Mediterraneo, anche se si è verificato recentemente a causa del cambiamento climatico Ha ampliato il suo habitat. Oggi l’unica soluzione contro gli effetti più gravi legati al loro morso è ottenere anticorpi di derivazione equina. Ma può avere effetti collaterali dannosi. Tuttavia, un team di ricercatori tedeschi lo ha appena scoperto Trova un antidoto che sembri più adatto agli esseri umani.

Il ragno più pericoloso della Francia

Non c’è dubbio che l’ampliamento dell’areale di distribuzione abbia portato ad un risveglio dell’interesse per questo ragno, che rimane senza dubbio il più pericoloso in Francia. La sua puntura, Molto dolorosoIn realtà può avere gravi conseguenze: il veleno della vedova nera contiene una neurotossina chiamata Alfa latrotossinada Attacca il sistema nervoso Provoca anche ipertensione, mal di testa e nausea. secondo lancioQuesto è ciò che attende la vittima di questo piccolo ragno nero: in primo luogo, “Disagio accompagnato da sudorazione intensa”Poi, “Il cuore batte forte, il dolore si irradia, accompagnato da un senso di rovina imminente.”Finalmente il paziente può soffrire “Erezione incontrollabile”.

Vengono prodotti gli anticorpi che esistono oggi Grazie ai cavalli Fortifichiamo e sanguiniamo per questo motivo. Per promuovere il benessere degli animali, ma anche e soprattutto per evitare che i pazienti ricevano cure Effetti collaterali potenzialmente graviPiace Reazioni allergicheI ricercatori dell’Università Tecnica di Braunschweig in Germania hanno affrontato questa domanda e sono riusciti a svilupparla Meglio l’antiveleno. Espongono il loro lavoro in Frontiere dell’immunologia.

Un antiveleno più conveniente

In effetti, gli scienziati hanno sviluppato una nuova forma di antitossina, questa volta utilizzando anticorpi umani. “Per la prima volta presentiamo anticorpi umani che hanno dimostrato di neutralizzare il veleno del ragno vedova nera in un test basato su cellule”. Il professor Michael Heist, biologo e autore principale dello studio, ha dichiarato: Sebbene la qualità degli anticorpi equini sia stata variabile, questa nuova tecnologia rende possibile fornire anticorpi prodotti in laboratorio in quantità illimitate, poiché la loro sequenza di DNA è nota. Ma sono necessari test preclinici prima di utilizzarli in condizioni reali. “Questo è il primo passo nella sostituzione dei sieri di cavallo che sono ancora utilizzati per trattare i sintomi gravi dopo il morso di un ragno vedova nera”.– ha aggiunto il professor Host.

READ  Cancro uterino: cos'è il mese Verte di giugno, questo mese è dedicato alla consapevolezza del virus del papilloma

Questo antidoto è stato sviluppato utilizzando una tecnologia utilizzata FagiOppure virus che infettano i batteri, per identificare gli anticorpi che aiutano a combattere il veleno. Questi fagi vengono modificati incorporando diversi geni anticorpali. Vengono quindi esposti all’antigene (alfa latrotossina presente nel veleno). I virus con un’affinità più forte per l’antigene consentono l’identificazione di anticorpi che possono quindi essere isolati, amplificati e utilizzati per produrre un antidoto. Gli esperimenti dei ricercatori hanno rivelato che 45 dei 75 anticorpi prodotti erano in grado di neutralizzare l’alfa-latrotossina in laboratorio e si è scoperto che uno degli anticorpi aveva una “capacità di neutralizzazione eccezionalmente elevata”.

Il successo dello studio e di questa tecnica potrebbe consentire al team di sviluppare anticorpi su misura per curare altre malattie, tra cui la difterite, una grave infezione batterica che colpisce le mucose del naso e della gola.

Potrebbe interessarti anche:

New York sarà presto invasa da questi grossi ragni!

Perché non uccidere i ragni domestici?

Questi sono i ragni più pericolosi al mondo

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *