Un cliente del giocatore è stato “ucciso” due volte in quattro mesi dai media

Milano | Il famoso agente dei calciatori Mino Raiola ha espresso la sua “indignazione” per l’annuncio da parte dei media della sua morte giovedì, una “falsa notizia” denunciata dall’italiano e dal suo entourage.

“Lo stato di salute attuale per coloro che si chiedono: arrabbiato. Mi hanno ucciso per la seconda volta in quattro mesi. Sembrano anche in grado di rianimarmi”, ha detto l’account Twitter dell’agente 54enne, poco dopo la sua morte annunciato da diversi media italiani, tra cui Gazzetta dello sport.

I suoi rappresentanti hanno smentito l’informazione all’Afp: hanno detto: “Mino non è morto, questa è una notizia falsa”, senza fornire dettagli sulle sue condizioni di salute o dove si trova.

L’agenzia di stampa italiana ANSA ha riportato le dichiarazioni di Alberto Zangrillo, capo del reparto di terapia intensiva dell’ospedale San Raffaele vicino a Milano, secondo cui Raiola stava combattendo per la sua vita.

“Sono indignato dalle telefonate di falsi giornalisti che speculano sulla vita di un uomo che litiga”, ha detto Zangrillo all’ANSA.

Mino Raiola, che gestisce privatamente gli interessi di Erling Haaland, Paul Pogba e Zlatan Ibrahimovic, ha annunciato il 12 gennaio di aver superato “esami medici che richiedono anestesia”. “Gli esami sono programmati, non un intervento urgente”, ha detto l’agente.

READ  Un gesto nobile di Mario Mandzukic che rifiuta di ricevere lo stipendio per il mese di marzo ...

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.