sedici persone arrestate in Italia

sedici persone arrestate in Italia

Sedici persone sono state arrestate e undici misure cautelari sono state adottate, giovedì 29 febbraio 2024, in Italia, a seguito di un'operazione condotta dalla polizia giudiziaria antimafia e dalla polizia per la tutela dell'ambiente e per la sicurezza energetica, nell'ambito della c.d. vicenda dei rifiuti.

Gli arrestati in Italia sono sospettati di aver commesso il reato di attività organizzata finalizzata al commercio illecito di rifiuti, registrazione fittizia, smaltimento illecito di rifiuti e realizzazione di discarica abusiva, nonché frode in materia di pubblico approvvigionamento, indicano gli italiani. media.

L'ex deputato Majdi Karbai ha precisato, in mattinata a Mosaïque FM, che sono stati emessi due mandati di arresto contro due tunisini, il direttore generale della società Soreplast, latitante, e un funzionario dell'Agenzia tunisina per la gestione dei rifiuti, che era processato in Tunisia.

L'inchiesta in Italia prosegue, altre persone verranno smascherate ma la cosa pericolosa è che sicuramente abbiamo restituito una parte dei rifiuti ma abbiamo 1900 tonnellate che sono state bruciate e non conosciamo ancora l'identità dei colpevoli. Non sappiamo ancora quando verranno restituiti questi rifiuti, che sono depositati a Msaken. Il ministro dell’Ambiente ha dichiarato nel 2022 che sarebbero stati restituiti e che la Tunisia avrebbe chiesto un risarcimento e avrebbe fatto ricorso alla giustizia internazionale. Al momento la Tunisia non è stata risarcita e non è stata intentata alcuna azione legale contro la parte italiana e le 1900 tonnellate di rifiuti bruciati si trovano ancora a Msaken. La questione non è ancora finita! Bruciare i rifiuti è un modus operandi della mafia e ancora oggi non sappiamo chi lo abbia commesso in Tunisia » ha chiarito.

READ  visto per te…. Il turco in Italia, questa domenica all'Opéra Grand Avignon

L'inchiesta, dicono i media italiani, coinvolge intermediari, imprenditori, titolari di società di lavorazione-recupero, società di intermediazione e pubblici ufficiali. I reati contestati riguardano traffico illecito di rifiuti, intermediazione fittizia di beni, gestione illecita di rifiuti, costruzione di discariche abusive e frode negli appalti pubblici.

Il risultato finale del traffico di rifiuti è stato l’incenerimento, l’abbandono o lo smaltimento in discarica dei rifiuti in Africa. Il tutto sulla base di un contratto siglato il 30 settembre 2019, a Polla tra un'azienda campana e una tunisina per il trasporto di 120mila tonnellate di rifiuti verso l'Africa. Nell'operazione sono coinvolte anche due società di intermediazione, una con sede a Soverato e l'altra in Tunisia.

La vicenda è scoppiata nel 2020 dopo che il canale El-Hiwar ha trasmesso un episodio del programma di Hamza Belloumi “Le Quattro Verità” che denunciava una rete di trafficanti la cui missione era liberare l'Italia dai suoi bidoni della spazzatura. Quasi 120mila tonnellate di rifiuti e materiali di recupero dovevano essere trasportate ogni anno in container verso la Tunisia, secondo l'accordo concluso all'epoca tra un'azienda italiana (Sviluppo Risorse Ambientali) con sede a Salerno e specializzata nel recupero di rifiuti, e la titolare di un'azienda tunisina di trattamento dei rifiuti di plastica (Soreplast).

Firmato il contratto, 282 container sono partiti dal porto della città italiana verso la città costiera di Sousse in Tunisia con a bordo 7.800 tonnellate di rifiuti pericolosi secondo la classificazione della Convenzione di Basilea sul controllo dei movimenti transfrontalieri di rifiuti pericolosi e dei loro eliminazione.

La scoperta della capacità dei container da parte dei servizi doganali ha rivelato un vasto caso di corruzione. Sette persone sono state arrestate, tra cui un ex ministro dell'Ambiente, successivamente licenziato, e alti funzionari delle dogane tunisine e dell'Agenzia nazionale per la gestione dei rifiuti (Anged). Sono stati indagati altri undici indagati, tra cui il console tunisino a Napoli.

READ  Thiago Motta, l'apprendimento continua sulle panchine italiane

Due anni dopo, la giustizia tunisina si è pronunciata sulla sorte degli imputati. L'ex ministro dell'Ambiente Mustapha Aroui è stato condannato a tre anni di carcere dalla sezione penale del Tribunale di primo grado di Tunisi. Tre anni di reclusione sono stati inflitti anche ad altre tre persone. Il titolare dell'azienda tunisina responsabile dell'importazione di rifiuti italiani – latitante – è stato condannato a quindici anni di carcere in contumacia, mentre un dirigente del ministero dell'Ambiente è stato condannato a dieci anni. L'ex ministro dell'Ambiente Chokri Belhassen – anch'egli sospettato di essere coinvolto – è stato assolto. Tali sentenze sono state pronunciate in primo grado.

MBZ

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *