Rally Ajaccian rinviato: ‘Non andiamo più avanti’

Doveva essere un festival di sport motoristici. Ma questo fine settimana, come molti altri, alla fine sarà insapore, senza emozioni e senza passione. La gomma non si riscalda sull’asfalto nella regione di Ajaccian e dura da due anni! Infatti, dopo la cancellazione totale dello scorso anno, l’edizione 2021 del Rally Pays Ajaccien è stata posticipata. Pertanto, gli organizzatori della gara sono stati costretti a prendere questa decisione, di fronte al rifiuto delle autorità di concedere il permesso affinché la gara si svolgesse senza intoppi, con l’avvicinarsi della primavera.

Leggi anche. Dakar 2021: Mika Pisano estrae informazioni sulla sua gara

Questo nuovo passo indietro è venuto a smorzare le speranze degli equipaggi che sono stati privati ​​del loro sport per diversi mesi. Oggi, in Francia, la marcia è completamente vietata. Per quanto riguarda il Paese Aiaccinu, questo ci rende una prostituta. Ma lei è a immagine della società in cui viviamo attualmente. Il pilota Jean Matteo Lindri ha detto: “Non andiamo più avanti”.

” Non è giusto “

Il rifiuto indicato dal governatorato ha sorpreso tutti, soprattutto per quanto riguarda la natura del test. Le gare automobilistiche infatti si svolgono all’aperto, all’aria aperta, dove il rischio di inquinamento è quasi nullo! Rispetto ad altre attività autorizzate, il sentimento di ingiustizia è sempre più diffuso tra gli atleti.

“Questo è ingiusto perché altri sport all’aria aperta possono essere praticati, anche in macchina. So, ad esempio, che gli eventi del circuito si svolgono regolarmente, anche tra i dilettanti. Tuttavia, penso che ora ci siano percorsi abbastanza convenienti che possono Continua a salire . Possiamo essere messi alla prova. Possiamo anche considerare, se necessario, di vietare gli spettatori nei parchi di servizio. Ci sono soluzioni. Sarà molto utile a molte persone. Invece, noi, come tutti, siamo limitati e dobbiamo accontentarci del esercizio del sonno Al lavoro, come sottolineato da Jean Matteo Lindery.

READ  Moto GP. In Qatar, l'italiana Bagnaya si piazza al primo posto davanti a Quartaro

Eldorado è italiano

In effetti, come i residenti, i piloti tollerano sempre meno questo isolamento senza fine. Paul Antoine Santoni, l’ultimo vincitore di Paese Aiaccinu, nel 2019, sostiene sempre di più questa carenza. Non possiamo fare nulla contro la crisi sanitaria. Questo è certo. Ma penso che questo incontro potrebbe aver avuto luogo attraverso un protocollo sanitario. Potremmo anche rispettare i tempi del coprifuoco creando un programma graduale adeguato. Sfortunatamente. “

Di fronte a questo burnout, alcuni decidono di agire fino a quando non potranno finalmente ritrovare la loro passione. Così, questo fine settimana, Jean Matteo Lindri prenderà il via il Rally Del Ciocco, la prima prova del campionato italiano. Questo accadrà in Toscana. L’attesa è ormai troppo lunga per un pilota ajacciano per competere con la Volkswagen Polo R5.

“Questo ci permetterà di pedalare di nuovo. Ho fatto questa scelta perché l’Italia ha deciso di rilanciare il motorsport e permettere al Campionato Nazionale Rally di funzionare normalmente. Dovremo seguire un protocollo sano e fare test in particolare. Ma questo non ci fermerà. dal divertirmi e affrontare una grande sfida con il mio partner in Leadership, Alexander Correa “, ha dichiarato.

L’equipaggio della Corsica avrà l’opportunità di competere negli stadi sacri poiché Thierry Nouvel e Craig Brin gareggiano nell’evento italiano.

Questa vista fugace delle Alpi non sfuggì neanche a Paul Antoine Santoni. Quest’ultimo ha detto di essere “in discussione” con la sua squadra sulla possibilità di partecipare al secondo turno del torneo, che si terrà il prossimo aprile. “Ovviamente una cosa che mi interessa. Vedremo prima se riusciremo ad avere un buon budget da abbinare. Oggi, se volevamo correre, è solo l’Italia. Comunque, se sono sicuro, Paese Aiaccinu si svolgerà a giugno, Sarebbe discutibile quale sia la mia scelta. Ma ci sono così poche possibilità qui che mi chiedo “, ha detto il pilota Ajaccian.

READ  La Juventus respinge l'Inter Lukaku e si qualifica per la finale

“Non vediamo l’ora di rivederci.”

Sia Paul Antoine Santoni che Jean Matteo Lindrey avrebbero dovuto lasciare Bais Iacchino questo fine settimana. Questo ritardo li ha inevitabilmente spinti indietro di due anni, quando il primo ha vinto la gara davanti al secondo. “Ho una grande memoria a riguardo.” “Mi sono sentito a mio agio in macchina, per tutto il weekend”, ricorda Santoni.

Quell’anno, quest’ultimo abdicò solo una volta dal suo secondo classificato, Jean Matteo Lindery. Paul Antoine mi colpisce sempre. È davvero efficace in questo rally e anche in altri. Penso che entrambi abbiamo fretta di incontrarci di nuovo a questo evento che mi piacerebbe vincere un giorno. Anche quello si può fare “.

Scommettiamo che il suo desiderio si avvera!

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *