Raccogli la scienza: la musica fa bene alla salute

(ETX Daily Up) – Lo sapevi? La musica non solo ammorbidisce la morale, ma è anche un potente alleato per la nostra salute. Ascoltare e praticare la quarta arte non solo migliora il nostro benessere mentale, ma porta anche alla plasticità cerebrale e alle nostre capacità cognitive. decodifica.

Nessuno è (o quasi) insensibile al potere della musica. Se le preferenze differiscono, la quarta arte ci tocca profondamente nei nostri cuori… e nel nostro cervello. Questo è il motivo per cui la comunità medica è sempre più favorevole all’ascolto e alla pratica della musica. Questo è fin dalla tenera età. Gli studi hanno dimostrato che la musica agisce come stimolante dei nervi nei bambini, in particolare nei bambini prematuri.

I ricercatori svizzeri dell’Ospedale universitario di Ginevra hanno Scoprire La musica migliora lo sviluppo delle funzioni sensoriali e cognitive in questi neonati. Per raggiungere questa conclusione, gli scienziati hanno incaricato il compositore Andreas Vollenweider di creare tre melodie per accompagnare i bambini che si svegliano, si svegliano e dormono. Hanno scoperto che le reti neurali dei bambini esposti a queste canzoni si sono sviluppate in modo più efficiente rispetto a quelle di altri neonati prematuri.

L’effetto della musica sulle funzioni cognitive ed esecutive del nostro cervello non ha più bisogno di essere dimostrato, soprattutto in figli. Recenti scoperte mostrano che l’arte IV modula i processi biochimici del cervello migliorando la plasticità cerebrale. Questo spiegherebbe perché ha un effetto benefico sullo sviluppo intellettuale dei bambini piccoli.

Il Affare Di Kristina Gao e Patricia Kuhl, i ricercatori dell’Institute for Learning and Brain Sciences dell’Università di Washington, lo hanno già confermato nel 2016. Hanno scoperto, supportati dal neuroimaging medico, che l’ascolto della musica influisce sullo sviluppo delle capacità di apprendimento del linguaggio nei bambini. Christina Chow spiegò all’epoca: “Sappiamo che i bambini imparano rapidamente da una vasta gamma di esperienze e crediamo che la musica possa essere un’esperienza importante che può influenzare il loro sviluppo cerebrale”. Notizie CBS.

READ  NASA's Curiosity spacecraft celebrates 3,000 days on Mars with a stunning panorama of the planet

Riproduzione di musica, “una tentazione di tutto il cervello”

Questo effetto benefico sulla plasticità cerebrale si estende per tutta l’infanzia e la vita adulta. Pertanto, la pratica dello strumento consente di sviluppare più rapidamente il quoziente di intelligenza (QI). Un team di ricercatori guidato da esperti della Stanford University School of Medicine ha studiato le funzioni cognitive di 153 musicisti e non musicisti. Ho notato un’enorme differenza nella struttura cerebrale dei musicisti che hanno iniziato presto a suonare uno strumento L’età più giovaneChe si tratti di pianoforte, clarinetto, tromba o violino. Quest’ultimo ha connessioni cerebrali più forti di coloro che hanno iniziato la formazione musicale in ritardo.

Per Anita Collins, una ricercatrice specializzata nello sviluppo del cervello e nell’apprendimento musicale, suonare uno strumento musicale equivale a un “esercizio per l’intero cervello”. spiegato in TED Talk 2014. “Suonare uno strumento musicale coinvolge contemporaneamente quasi ogni area del cervello, in particolare la corteccia visiva, uditiva e motoria. Come con tutti gli esercizi, la pratica sistematica e strutturata migliora queste funzioni cerebrali, permettendoci di applicare questo potere è per altre attività.”

Una cosa è certa, più ti eserciti a suonare uno strumento, più trarrai beneficio da questi effetti. Ma ascoltare la musica può anche portare molti vantaggi. In primo luogo, regola l’umore. La neuroscienza cognitiva afferma che la musica fornisce una sensazione di piacere attivando il nostro circuito di ricompensa. Questo sistema, messo in atto dalla selezione naturale per regolare i nostri desideri e le nostre emozioni, aumenta il rilascio di dopamina, il famoso “ormone della felicità”. Tanto che la musica è ora utilizzata come strumento terapeutico in ambito sanitario.

READ  Ecco i modi migliori per sbarazzarsi del grasso della pancia secondo la scienza!

stabilità della memoria musicale

Anche la musicoterapia si è dimostrata valida trattamento dello stress e gestione del dolore. I laboratori musicali stanno proliferando per aiutare le persone con il morbo di Parkinson, l’epilessia e persino Emicrania. Un team di ricercatori francesi, tedeschi e americani ha condotto l’esperimento su una ventina di pazienti con emicrania. Gli è stato offerto di ascoltare musica per 20 minuti due volte al giorno per tre mesi. Il risultato: gli attacchi di emicrania sono notevolmente distanziati. La metà dei partecipanti lo studio Hanno anche detto che sono stati tagliati a metà.

I benefici della musica curativa non si fermano qui. Diverse opere indicano che la quarta arte stimola quasi tutte le forme di memoria, anche in gli anziani. Hervé Plattel, professore di neuropsicologia all’Università di Caen, è uno dei primi ricercatori, negli anni ’90, a notare la persistenza della memoria musicale. Ha scoperto che i malati di Alzheimer sono stati in grado di imparare nuove canzoni in poche settimane, quando pensavamo che le loro capacità di memoria fossero perse. Questo è anche nella fase avanzata della malattia.

Ma possiamo dire, con tutto ciò, che la musica fa invecchiare il cervello? I ricercatori rimangono cauti su questo tema. Tuttavia, su un punto erano unanimi: ascoltare musica, ricco Oppure suonare uno strumento musicale ha molteplici benefici sul funzionamento cognitivo generale del cervello, a tutte le età. Ecco un motivo in più per approfittare della Fête de la Musique il 21 giugno.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.