Protesi corneale all’ospedale universitario di Montpellier: il paziente ha riacquistato la vista una settimana dopo l’operazione

Grande successo e speranza: il paziente Julien M, operato lo scorso 10 novembre all’ospedale universitario di Montpellier, ha riacquistato la vista dall’occhio destro, mentre la sua cornea è stata danneggiata da una serie di infezioni causate dall’herpes. Questa mattina ha avuto una visione completa: 10! Sollievo dopo le vicissitudini che hanno reso necessaria una seconda visita al compound, l’11 novembre. Il professor Dane, che ha installato la rivoluzionaria protesi corneale israeliana in uno studio clinico, rimane cauto.

La palpebra è ancora gonfia e l’occhio è sensibile alla luce. Ma Julian M, 38 anni, della regione di Bordeaux, ha riacquistato la vista all’occhio destro che aveva perso negli anni dopo una serie di cheratiti. È stato sostituito il 10 novembre da una cornea artificiale, inventata in Israele, dopo che era stata danneggiata. Il professor Vincent Daine, capo del dipartimento di oftalmologia dell’ospedale universitario di Montpellier, ha realizzato intervento giudiziario Con l’aiuto della collega Fanny Babu, questo è stato il quinto al mondo (tre in Israele e uno a Parigi) nell’ambito di una sperimentazione clinica che consente l’esercizio di due centri francesi e sette operazioni sono previste a Montpellier entro la fine del 2022 .

Questo martedì mattina ha un 10/10, inaudito con un trapianto di cornea

“Lunedì ha riacquistato la vista 5 decimi e questo martedì mattina ne ha 10/10, inaudito con un trapianto di cornea, è promettente”.Osserva il professor Dane che afferma che “Ci vorrà un anno per consolidare il risultato”. “È come se fossi stato sott’acqua per anni e lì avessi trovato il mio ossigeno”Da parte sua, motiva il paziente operato, che deve tornare a casa alla fine della settimana, prima che il team di oftalmologia del CHU lo segua rigorosamente.

Sensibilizzare attraverso uno show televisivo

Faccia “Alti e bassi della vita reale” e l’ignoto Nuovi dispositivi chirurgici.Giuliano M. Tuttavia, ha subito una seconda operazione l’11 novembre: “È stato molto stressante perché c’era molta attesa. Abbiamo dovuto rimettere la cornea, stringere i punti e fare un intervento di cataratta in questo occhio a causa di infezioni successive, poiché all’inizio non era un’emergenza, ma ha impedito il dispositivo di metterlo in posizione”, afferma il professor Dayne, che spera di operare un secondo paziente a gennaio o febbraio.

Il candidato sarà selezionato rigorosamente: “Dobbiamo essere molto attenti ai criteri di inclusione”, insiste Vincent Daine, che ricorda che il dispositivo non è per le persone con AMD, “non è la retina”.

“diventato invivibile”

Julien M., che è stato seguito al Purdue University Hospital, è giunto alla fine delle cure attuali, a un punto morto, e “altamente motivato” : “La mia vista sta regredendo da quando avevo 23 anni e questo fenomeno è peggiorato per un anno. Ho visto solo un barlume. I laser e le iniezioni che mi hanno fatto non hanno dato nulla, sono diventato invivibile, mi sono versato un bicchiere e l’acqua è stata che scorre nelle vicinanze”Spiega trenta cose. “A causa degli occhi, degli effetti collaterali, del mal di testa e dell’ipersensibilità alla luce, non potevamo più uscire, anche solo per andare in bicicletta e andare al mare”, ricorda il suo compagno.

Vivo di nuovo, ma non pianifico a lungo termine

Julian ha riacquistato la speranza grazie ai media: “Ho visto un programma che parlava di questa protesi, ho chiamato la società israeliana che mi ha indirizzato al Montpellier University Hospital. Quindi, ho raddoppiato l’opportunità! Ho visto di nuovo, ma non ho intenzione di a lungo termine, so che siamo in una sperimentazione clinica”.

L’avventura della cornea artificiale e la sperimentazione clinica condotta presso l’ospedale universitario di Montpellier saranno oggetto di comunicazione a Sesto giorno di oftalmologia a Montpellier, incontro dedicato ai professionisti, il 20 novembre, a Corum a Montpellier.
READ  Prossimamente Primo Foglio Mag.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *