Pogacar solo al mondo, i francesi in agguato…Cosa dobbiamo aspettarci dall’edizione 2024?

Pogacar solo al mondo, i francesi in agguato…Cosa dobbiamo aspettarci dall’edizione 2024?

Tappe vincenti, caccia alle diverse maglie distintive, vittoria finale a Roma… questa 107esima edizione del Giro si preannuncia ricca di spettacolo ed emozione. Chi succederà a Primoz Roglic, vincitore uscente?

Il 26 maggio la città di Roma festeggerà i suoi corridori. Ma prima, i 176 partecipanti dovranno percorrere 3.400,8 chilometri distribuiti su un percorso di 21 tappe (2 cronometro, 6 tappe di pianura, 8 tappe di valle e 5 tappe di alta montagna) tra Venaria Reale (provincia di Torino) e Roma.

Oltre alla battaglia per le maglie Ciclamino (miglior velocista), Blu (miglior scalatore) e Bianca (miglior giovane), sarà soprattutto la lotta per la Maglia Rosa di leader della classifica generale ad animare queste 3 settimane di gare. Il grande favorito per succedere al connazionale sloveno Primoz Roglic, Tadej Pogacar (Emirati Arabi Uniti) dovrà diffidare degli outsider. Geraint Thomas (Ineos), Romain Bardet (DSM) e Daniel Martinez (Bora), solo per citarne alcuni, cercheranno di sfidare i pronostici sulle strade transalpine.

Il Giro prima del Tour per Pogacar

Ci ha lasciato il 21 aprile, alzando le braccia al cielo belga dopo la sua vittoria, la seconda, sulla Liegi-Bastogne-Liegi. Due settimane dopo aver vinto la sua sesta “Monumento”, Tadej Pogacar si prepara a partecipare per la prima volta in carriera al Giro d’Italia. Lo sloveno è il grande favorito e ne è consapevole. “Ogni volta che inizio una gara, la gente dice che sono il favorito. Ci sono abituato, ho imparato a conviverci e sono preparato. So che tutti vorranno battermi e che spetterà alla mia squadra controllare la gara.lo ha dichiarato giovedì in una videoconferenza stampa.

Mikkel Bjerk, Rafal Majka, Juan Molano… il leader dell’UAE Team Emirates avrà al suo fianco corridori d’esperienza. La squadra emiratina è forse la più completa e forte in campo. Ma conquistare la maglia rosa non è un traguardo scontato per il 25enne corridore. Conosce i suoi principali avversari (Thomas, Bardet, Martinez) e sa che sono preparati. Tadej Pogacar si rammarica addirittura che alcuni riassumano nella sua persona questa 107esima edizione del Giro: “È un po’ ‘schifoso’ perché è irrispettoso nei confronti degli altri piloti. Tutti hanno lavorato duro e vogliono vincere, ed è possibile.”.

Questo primo tour di 3 settimane rappresenta un vero test per lo sloveno, che prenderà il via anche dal Tour de France (29 giugno-21 luglio). L’obiettivo del corridore degli Emirati Arabi Uniti è chiaro, vuole vincere entrambi gli eventi. Un risultato che non si raggiungeva da 26 anni e dalla doppia incoronazione di Marco Pantani nel 1998. Per lo sloveno un’occasione d’oro per entrare un po’ più in là nella storia del ciclismo.

READ  “Il lettore francese vuole capire l’Italia attraverso la sua letteratura”

Visma privato dei suoi vertici

Primoz Roglic, partito per la Bora-Hansgrohe, Jonas Vingegaard, in pieno recupero dopo la pesante caduta durante il Giro di Catalogna e Wout Van Aert, troppo debole fisicamente, il Visma | Lease a Bike deve fare a meno dei suoi capi. La squadra olandese è comunque la campionessa in carica in questa prima gara di tre settimane della stagione prima del Tour de France (29 giugno-21 luglio) e della Vuelta (17 agosto-8 settembre).

In assenza dei suoi dirigenti, il management sportivo punta sui giovani. A soli 21 anni, Cian Uijtdebroeks avrà una squadra a sua disposizione per ottenere il miglior risultato possibile. “Se riesco a fare un’altra Top 10, è molto positivo (…) Sarei più felice di essere nella Top 10 piuttosto che ottenere una vittoria di tappa,” ha dichiarato. 7° nell’ultima Tirreno-Adriatico, il belga sarà accompagnato, in particolare, da Olav Kooij e dal francese Christophe Laporte. Gli ultimi due avranno forti argomenti da portare avanti per vincere le tappe in queste 3 settimane. A cominciare dalla loro velocità di punta.

Geraint Thomas, il vendicatore

Nel ciclismo tutto è questione di tempo. L’anno scorso Geraint Thomas fallì per quattordici secondi dietro Primoz Roglic, privandolo della sua prima consacrazione al Giro. Quest’anno il corridore 37enne intende indossare la casacca rosa sulle spalle il 26 maggio a Roma. “La mia preparazione è andata bene e mi sento bene prima della partenza, si è confidato al sito della formazione Ineos prima di riprendere. Abbiamo una squadra solida e c’è un buon legame con questo gruppo. Il nucleo è lo stesso della squadra del Giro dell’anno scorso, con alcune aggiunte interessanti per quest’anno. Sappiamo cosa dobbiamo fare e ci sentiamo tutti molto motivati ​​a portare a termine il lavoro.»

READ  Il Milan si spaventa a Frosinone
Geraint Thomas
Zen/Zuma/Panoramica

Il gallese sarà affiancato da Arensman, Foss e Narvaez, a suo agio quando la strada sale. Potrà contare anche su Ganna, Sheffield e i cugini Swift, Ben e Connor, per imporre un gran ritmo in testa al gruppo e iniziare così a sfiorare. Steve Cummings, direttore sportivo della squadra britannica, crede nelle possibilità di vittoria del suo leader: “Pogacar è molto difficile da battere, ma serve costanza nel modo in cui lo metti sotto pressione, metti sotto pressione la tua squadra, bussi alla porta tutto il tempo. Geraint Thomas ha questa esperienza e questo track record. Molto spesso è presente alla riunione.»

Bardet/Alaphilippe, i tricolori a seguire

Saranno 22 i francesi al via questo sabato a Venaria Reale. Tra questi, Romain Bardet e Julian Alaphilippe. Il corridore della DSM-firmenich e quello della Soudal-Quick Step sanno che sono attesi dietro l’angolo.

Il primo è stato giustamente nominato leader della sua squadra. Resta con due buoni risultati. È arrivato secondo dietro a Pogacar a Liegi dopo aver ottenuto il 5° posto assoluto al Tour of the Alps. Per la sua terza partecipazione al Giro, il corridore 33enne rappresenta la migliore occasione francese – se non l’unica – di salire sul podio finale a Roma il 26 maggio. Il suo buon inizio di stagione contrasta con quello del suo omologo, Giuliano Alafilippe.

Voglio divertirmi, correre come voglio”

Giuliano Alafilippe.

A 31 anni il corridore della squadra belga guidata da Patrick Lefévère parteciperà al suo primo Giro d’Italia, avendo già vinto la Milano-San Remo e le Strade Bianche. A questo si aggiunge la sua incoronazione di campione del mondo nel 2020 sulle strade transalpine di Imola. L’Italia riesce quindi piuttosto bene ad Alaphilippe. In un’intervista quotidiana Il gruppo ci ha confidato cosa cercava in queste 3 settimane di gare: “Vengo a riscoprire il gusto della vittoria. Vincere una tappa è davvero il mio obiettivo.» Alla domanda sulla possibilità di indossare la maglia rosa, il corridore della Soudal-Quick Step ha detto che non ci pensava: “Non ci penso nemmeno (ride). Non sono per niente preparato per la classifica generale, non sono tra i favoriti.» Una cosa è certa, il pettorale 131 sarà attore e non spettatore. “Con le gambe che avrò sono pronto a correre aggressivo”, ha dichiarato. Il francese non verrà a rimontare i numeri e intende vivere la sua gara come meglio crede.

READ  L'Italia con Capuozzo contro la Namibia

GUARDA ANCHE – Champions League: Marquinhos resta fiducioso per la semifinale di ritorno contro il Dortmund

” data-script=”https://static.lefigaro.fr/widget-video/short-ttl/dugout/index.js” >

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *