Perché questa foto del feto nero è diventata virale?

Questo è il taglio frontale di un feto nero nel corpo di una donna incinta. Questa volgare foto medica, pubblicata all’inizio di dicembre sui social network, è stata un successo clamoroso. Disegnato da Chidiebere Sunday Ibe, uno studente di medicina e illustratore nigeriano di 25 anni, il grafico è stato apprezzato centinaia di migliaia di volte su Twitter all’inizio di dicembre.

E per una buona ragione, come sottolinea questo utente di Internet: “Non ho letteralmente mai visto un feto nero in vita mia”. Questo significa che c’è un problema di diversità nelle rappresentazioni mediche? di certo.

“Storicamente, [les illustrations médicales] Hanno sempre mostrato forti corpi maschili bianchi, e lo fanno ancora oggi”., spiegare di Ford, che presiede il comitato diversità della Society of Medical Illustrators, in un’intervista alla CNN.

“Questa foto è stata creata come tutte le altre, non mi aspettavo che diventasse virale. L’obiettivo era continuare a parlare di ciò che mi eccita – l’equità sanitaria – e anche mostrare la bellezza delle persone di colore”, Expiqué Chidiebere Sunday Ibe, interrogare Parlare Huffington Post Regno Unito.

Effetti sulla qualità

Infatti, chiunque desideri diventare un neurochirurgo pubblica regolarmente immagini mediche che rappresentano corpi neri.

Non abituarsi a vedere queste immagini ha implicazioni per la pratica medica, secondo Nee Ka Ford:

“Senza un’equa rappresentanza e a causa dell’uso permanente di soli pazienti bianchi sani descritti nei libri di testo medici, i professionisti medici sono limitati nella loro capacità di diagnosticare e curare accuratamente le persone non idonee. Questo stampo […] Gli operatori sanitari possono quindi tendere a fare affidamento su stereotipi e generalizzazioni razziali a causa della mancanza di conoscenza su come i sintomi appaiono in modo diverso sui toni della pelle più scuri, il che porta a maggiori cure.

Ma c’è di peggio secondo il pittore, e poi il “I professionisti della salute possono provare meno empatia per i gruppi non rappresentati”, che possono ridurre la qualità delle cure che ricevono. In Francia, si parla di “Sindrome del Mediterraneo” per riferirsi alla convinzione che i pazienti dei paesi mediterranei siano più ampiamente espressivi del loro dolore, come abbiamo spiegato in precedenza. pallonetti nel 2018.

READ  Quando la scienza governa le nostre vite

“Abbiamo bisogno di illustrazioni mediche che rappresentino la piena estensione della diversità umana e il campo sta iniziando a vedere cambiamenti”.L’illustratrice medica Hillary Wilson ha detto alla CNN. Spero che in un prossimo futuro queste immagini saranno in tutte le sale d’attesa.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *