Parigi, la città francese più colpita dal basso giro d’affari commerciale

La regione parigina, particolarmente colpita dalle restrizioni sanitarie e dall’assenza di turisti, ha visto un forte calo del fatturato commerciale, in particolare nel settore dell’abbigliamento. Secondo uno studio dell’Alliance du Commerce/Retail Int sul tema, Parigi è la città francese più colpita dalla crisi sanitaria.

“A differenza del resto della Francia, che ha registrato un ritorno dell’attività quasi normale a giugno rispetto al 2019 (-1% del volume delle vendite), Parigi non riesce a riprendersi e soffre di un crollo del volume delle vendite (-21%). “, spiega questo studio da The start, pubblicato lunedì 26 luglio.

Tra i 15 quartieri dello shopping più colpiti dall’emergenza sanitaria, 9 sono a Parigi e 6 sono nella periferia interna. E se la regione Ile-de-France nel suo complesso sembra meno colpita della capitale, quest’ultima mostra comunque un calo del fatturato dell’8%, secondo questo studio.

“I commercianti devono affrontare una Parigi abbandonata dai turisti internazionali e francesi”, ha affermato Thierry Veron, presidente della Federazione dei commercianti e delle associazioni di artigiani di Parigi (FACAP), aggiungendo che anche i residenti dell’Ile-de-France, che, secondo lui, costituiscono “un gran numero di clienti”, “e che si allontanano dalla capitale.

Le zone turistiche più colpite

Non sorprende che le zone turistiche siano le più colpite. Infatti, il distretto degli Champs-Elysees (ottavo) risulta essere il più colpito dal calo delle vendite, con un calo del 39%. Seguono l’Opera e Boulevard Hausmann (9), che soffrono secondo lo studio della “sparizione dei turisti stranieri”.

Segue il quartiere Hyper Centre di Parigi, con zone come Saint-Germain-des-Pres (6) e Saint-Michel (5), che registrano un calo delle vendite del 28%, ma anche il Marais (quarto) o Rivoli e Forum des Halles (al centro) I), che, rispettivamente, hanno registrato un calo delle vendite del 25% e del 21%.

Altre aree commerciali, considerate meno turistiche, risentono poco del calo di attività. È il caso dei quartieri “che attirano più clienti dell’Ile-de-France”, come Beaugrenelles (- 18%) o Italia Doux, nel 13° arrondissement di Parigi (- 25%).

READ  Microsoft and GM's Cruise partnership on self-driving cars

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *