Josep Borrell afferma che la regione del Vicino e Medio Oriente è “sull’orlo di una guerra regionale”

Josep Borrell afferma che la regione del Vicino e Medio Oriente è “sull’orlo di una guerra regionale”

Il capo della diplomazia europea esorta il G7 a rafforzare la difesa aerea dell’Ucraina e ad espandere le sanzioni contro l’Iran.

annuncio

Giovedì il massimo diplomatico dell’Unione Europea ha esortato i ministri degli Esteri del G7 a compiere passi rapidi e concreti per fornire più sistemi di difesa aerea all’Ucraina, avvertendo che un ritardo prolungato potrebbe far pendere la bilancia a favore di Mosca.

Senza più sistemi missilistici di difesa aerea Patriot per proteggersi dagli attacchi russi, “Il sistema elettrico dell’Ucraina sarà distrutto. Tuttavia, nessun Paese può combattere senza elettricità in casa, nelle fabbriche, in prima linea”.Josep Borrell, capo della diplomazia europea, ha messo in guardia.

Stava parlando a margine di un incontro dei ministri degli Esteri del G7 sull’isola italiana di Capri, dove la guerra guidata dalla Russia in Ucraina e le crescenti tensioni in Medio Oriente in seguito all’attacco senza precedenti dell’Iran contro Israele erano al centro del dibattito. ordine del giorno.

Il segretario di Stato americano Antony Blinken ha fatto eco all’appello di Borrell, dicendo che spera che il Congresso approvi presto i finanziamenti statunitensi per l’Ucraina, ma che altri alleati debbano intervenire.

“In questo momento, è urgente che tutti gli amici e i sostenitori dell’Ucraina facciano ogni sforzo per fornire all’Ucraina ciò di cui ha bisogno per continuare a difendersi efficacemente dall’aggressione russa”.Lo ha detto Blinken dopo l’incontro con il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba.

Il ministro degli Esteri italiano Antonio Tajani ha aperto la prima sessione di lavoro chiedendo nuove sanzioni all’Iran per l’attacco del fine settimana e offrendo un aiuto concreto all’Ucraina per difendersi dall’invasione di Mosca.

READ  Inès de la Fressange: le sue due figlie, Nine e Violette d'Urso, un connubio perfetto tra lei e il loro defunto padre

“Se l’Ucraina perde, Putin non siederà mai al tavolo delle trattative”.Ha avvertito il signor Tajani.

La guerra della Russia in Ucraina e la guerra tra Israele e Hamas sono state al centro dell’incontro di Capri dei ministri degli Esteri di Regno Unito, Canada, Francia, Germania, Italia, Giappone e Stati Uniti, che è stata la continuazione di altri sforzi diplomatici regionali. Obiettivo di inviare gli stessi messaggi.

I leader dell’Unione Europea riunitisi mercoledì a Bruxelles hanno promesso di inasprire le sanzioni contro l’Iran e di indirizzare le sue spedizioni di droni e missili ai suoi delegati a Gaza, Yemen e Libano.

Borrell ha affermato che l’attuale regime di sanzioni dell’UE sarà rafforzato e ampliato per punire Teheran e aiutare a prevenire futuri attacchi contro Israele. Ha aggiunto che allo stesso tempo Israele deve dar prova di moderazione.

“Non voglio esagerare, ma siamo sull’orlo di una guerra, una guerra regionale in Medio Oriente, che avrà ripercussioni sul resto del mondo, e sull’Europa in particolare”.E ha avvertito. “Allora fermati.”

Kuleba e il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg hanno partecipato come ospiti all’incontro di Capri.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *