Orano ospita i Giochi del Mediterraneo, un evento multisport pensato per la Federazione

La prima volta che l’Algeria ha ospitato i Giochi del Mediterraneo è stato nel 1975 ad Algeri.

Oggi, dopo 47 anni, i Giochi tornano sul suolo algerino, con la diciannovesima edizione che si svolge ad Orano.

L’evento multisport, iniziato il 25 giugno, riunisce più di 3.000 atleti provenienti da 26 paesi della regione mediterranea. I festeggiamenti sono iniziati nel magnifico Stadio Olimpico della seconda città più grande dell’Algeria. Il luogo ha accolto 40mila fortunati, che hanno potuto assistere alla cerimonia di apertura dei Giochi in tutto il suo splendore.

Decine di migliaia di persone sono scese in piazza anche per questo attesissimo evento, accogliendo visitatori provenienti dall’Africa e dall’Europa.

“Vengo da Orano e sono venuto appositamente da Varsavia in Polonia per partecipare ai Giochi”, dice uno dei visitatori.

Quanto a una giovane donna, ha detto che ospitare i Giochi va oltre lo sport: “È motivo di orgoglio per noi di Orano e per l’Algeria ospitare questi Giochi del Mediterraneo. È fantastico!”

Maestosa cerimonia di apertura

In occasione del ritorno dei Giochi in Algeria, è stata organizzata una sontuosa cerimonia di apertura alla quale hanno partecipato centinaia di artisti, musicisti e ballerini. Due ore di intrattenimento con uno spettacolo pirotecnico animato che celebra il paesaggio algerino, la sua storia e l’influenza nella regione mediterranea.

Le delegazioni dei 26 paesi partecipanti sono partite in un clima vivo, un vero motivo di gioia.

Secondo la consuetudine, la delegazione greca, che tradizionalmente rappresenta la culla dei Giochi Olimpici, è stata la prima ad entrare nella pista di atletica. La delegazione algerina ha ricevuto un caloroso benvenuto dal pubblico.

READ  Louis-Delluc per Onoda - cineuropa

Tra gli atleti anche il portabandiera Iman Kalev, il pugile che detiene il titolo di vice campione del mondo nella categoria ultraleggeri. La cerimonia e il compito di portare la bandiera sono stati motivo di orgoglio per la giovane atleta che ha segnato la storia della boxe femminile nel suo Paese. Nel maggio 2022, è diventata la prima algerina a giocare in una finale del campionato del mondo.

“Sono molto felice e orgoglioso di vedere il mio paese ospitare i Giochi del Mediterraneo”, ha detto il pugile 23enne. “Posso dirvi che l’intero bacino del Mediterraneo è nel mio paese. Come atleti ci sentiamo come un’unica famiglia… Siamo atleti del bacino di Italia, Spagna, Egitto e Tunisia. Tutti questi paesi formano un unico paese”.

Giochi di celebrazione dell’Unità

isolamento. Questo è il motto di questi giochi che uniscono tre continenti: Africa, Asia ed Europa. La competizione multisportiva è la seconda dopo i Giochi Olimpici, dove si incontrano culture, religioni e lingue diverse.

La chiave è la partecipazione, comme l’explique le président du CIJM, David Tisano : « Il ya une grande diversité parmi les peuples de la Méditerranée, mais il ya aussi une grande unité, et le sport devient un fil rouge qui unit. Spiccano i pilastri del movimento sportivo, ovvero: stare insieme, conoscere nuove culture, mescolarsi con altre culture, rendersi conto che non esiste un mondo in sé, e che tutto ruota intorno a noi, ma ci sono più mondi di essi, e ciascuno di loro ha il suo mondo, quindi lo integriamo.

Punto d’incontro mediterraneo

Per 12 giorni, gli atleti vivono in un “villaggio mediterraneo”, creato per l’occasione su un’area di 39 ettari, a pochi chilometri da Orano. Nel villaggio dormono, mangiano e fanno anche esercizio. Ogni nazione ha il proprio edificio, ma incrociarsi per le strade del villaggio permette ai giovani atleti di conoscersi e creare legami che trascendono culture e tradizioni diverse.

READ  [Cinéma] Marco Tullio Giordana, visionario "antidolorifico"

“Vogliamo tutti vincere il giorno della competizione, ma alla fine ci abbracciamo e ci rispettiamo, e questa è la vera vittoria”, afferma Luigi Bossa, karateka italiano, portabandiera e campione olimpico di Tokyo 2020. “Perché a un certo punto la vita sportiva passa, ma i rapporti umani con le persone con cui abbiamo combattuto rimangono sul tatami o in pista o altrove. Ed è ciò che deve continuare per le generazioni future”.

atleti soddisfatti

L’evento sportivo si svolge in 37 sedi sparse in città e nei dintorni. Alcuni sono nuovi e alcuni sono stati rinnovati per concorsi e lezioni. Il lavoro andò avanti per anni, e il risultato sembrava piacere a tutti, come testimonia il pallavolista e portabandiera francese Luca Pesek.

“E’ vero che rispetto ad altre competizioni a cui siamo abituati come pallavolisti, l’organizzazione è diversa, ammette. Ma siamo davvero felici di essere qui adesso. Siamo impazienti di scoprire tutto, divertirci e far amare lo sport, ed è quello che cercheremo di fare. »

I Giochi del Mediterraneo proseguiranno ad Orano fino al 6 luglio.

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.