oltre 430 migranti bloccati su SeaWatch3 al largo di Agrigento

oltre 430 migranti bloccati su SeaWatch3 al largo di Agrigento

Pubblicato su :

Nel Mediterraneo gli attraversamenti sono in aumento. Più di 1.000 persone sono state soccorse nei giorni scorsi dalle navi umanitarie che operano in mare a bordo, i passeggeri, esausti o traumatizzati, sono arenati sui pontoni in pieno sole. Le Ong chiedono al più presto un porto sicuro in Italia.

Con il nostro inviato a Roma, Blandine Hugonnet

Da giorni tre navi umanitarie stanno effettuando operazioni di soccorso in mare per canoe improvvisate, pneumatici sgonfi, barche alla deriva… e a bordo persone stremate, che hanno lasciato la Libia o la Tunisia.

Come su altre scialuppe di salvataggio, sul pontone del SeaWatch, i sopravvissuti sono sopraffatti dal caldo e dall’affollamento. Uomini e donne, alcuni dei quali in gravidanza e altri che hanno ferite o malattie che richiedono cure. Diversi hanno già dovuto essere evacuati dalla nave tedesca nelle ultime ore.

Abbiamo bisogno subito di un porto sicuro per le persone soccorse ! »: a bordo, Anne è il capo delle operazioni di SeaWatch3.

Con oltre 430 sopravvissuti in attesa dallo scorso fine settimana, la nave si è avvicinata all’Italia, alla costa siciliana e ora si trova di fronte al porto di Agrigento, in attesa di una risposta dall’Italia.

Una mancanza di reattività denunciata dal manager umanitario: “ Sono le nostre navi di soccorso civili che stanno attivamente cercando di prevenire morti nel Mediterraneo centrale e rimpatri illegali. Quello che sta accadendo oggi non è né una sorpresa, né un incidente, né un’emergenza… È la conseguenza di una decisione politica dell’Italia e dell’Europa, di mettere deliberatamente in pericolo la vita di persone migranti. »


In totale, in quattro giorni, ci sono quasi 1.200 naufraghi tra cui diverse centinaia di minori non accompagnati che gli equipaggi di SeaWatch, SOS Méditerranée e Medici Senza Frontiere hanno salvato al largo delle coste africane. Questi candidati all’esilio hanno tentato la traversata mortale e ora sperano di mettere piede sul suolo italiano il prima possibile.

READ  Tempesta mortale: diversi morti da deplorare in Italia, Francia e Austria

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *