“Non c’è più niente da dire”: Trump non testimonierà nel processo civile per frode finanziaria

“Non c’è più niente da dire”: Trump non testimonierà nel processo civile per frode finanziaria

Mentre lunedì avrebbe dovuto testimoniare in sua difesa nel processo civile per frode finanziaria, Donald Trump ha cambiato idea e domenica ha annunciato che non avrebbe preso posizione perché “non aveva altro da dire”.

• Leggi anche: Donald Trump torna in tribunale per il processo per frode civile

• Leggi anche: L’America è “sonnambulista” verso la dittatura di Trump?

• Leggi anche: Trump potrebbe essere ritenuto civilmente responsabile per l’attacco al Campidoglio, secondo il sistema giudiziario statunitense

L’ex presidente, 77 anni, ha pubblicato un messaggio a sorpresa sul social network Truth, dicendo che “ha già testimoniato tutto” nel processo in corso contro di lui, i suoi figli maggiori Donald Jr. ed Eric e altri dirigenti della Trump Organization.

Quest’ultimo è accusato di aver gonfiato il valore di grattacieli, hotel di lusso o campi da golf nel cuore del suo impero nel primo decennio del XXI secolo, per ottenere prestiti migliori dalle banche e condizioni assicurative migliori.

Da quando il processo è iniziato il 2 ottobre, il miliardario repubblicano si è opposto alla giustizia ogni volta che si è presentato in tribunale, denunciando una “caccia alle streghe” o “un processo degno di una repubblica delle banane”. Dopo gli attacchi al suo impiegato, un giudice ha vietato a Donald Trump di parlare della sua squadra e gli ha inflitto due multe per un totale di 15.000 dollari per aver violato l’ordine.

A differenza dei processi penali che lo attendono nel 2024, compreso quello relativo alle sue presunte manovre volte a ribaltare l’esito delle elezioni presidenziali del novembre 2020, Donald Trump non rischia il carcere in questa causa civile.

READ  Iniziano le deliberazioni nel processo a Ghislaine Maxwell

Ma sta giocando alla grande e le cose iniziano male.

Ancor prima dell’inizio del procedimento, il giudice Arthur Engoron stimava alla fine di settembre che l’accusa avesse presentato “prove conclusive che tra il 2014 e il 2021 gli imputati hanno sovrastimato il patrimonio” del gruppo di “812 milioni (a) 2,2 miliardi di dollari”. dollari” per anno, nei numeri registrati nei rendiconti finanziari annuali di Donald Trump.

In seguito a “frodi ripetute”, ha ordinato la liquidazione di società che gestivano tali beni, come la Trump Tower sulla Fifth Avenue a New York o il grattacielo che sarebbe stato costruito un secolo fa al 40 di Wall Street. I provvedimenti sono sospesi in appello.

Il processo riguarda diversi altri reati, come la frode assicurativa e le sanzioni pecuniarie richieste dall’ufficio del procuratore generale dello Stato di New York, che chiede 250 milioni di dollari.

Gli avvocati di Donald Trump denunciano il dossier vuoto.

Essi affermano che le valutazioni immobiliari sono necessariamente soggettive e che le banche, debitamente indennizzate, hanno effettuato operazioni finanziarie sane. Nelle ultime settimane, i testimoni chiamati dalla difesa, tra cui un attuale ed ex dirigente della Deutsche Bank, uno degli istituti di credito, sono andati in questa direzione.

Ma secondo Michel McCarty, un altro banchiere d’investimenti, il capo della MM Dillon & Co., le banche avrebbero forse deciso di aumentare i tassi d’interesse se avessero avuto a disposizione un quadro meno roseo della situazione finanziaria di Donald Trump. Le perdite sugli interessi sono state stimate a 168 milioni di dollari dal 2014 al 2023, una cifra contestata dalla difesa.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *