Negli Stati Uniti è possibile sporgere denuncia contro trailer ritenuti falsi

Ana de Armas, interrotta durante il montaggio

Gli studi di Hollywood potrebbero essere citati in giudizio per pubblicità ingannevole se i trailer dei loro film si rivelassero fuorvianti, come ha stabilito martedì scorso il giudice federale Stephen Wilson, secondo i rapporti. varietà.

Questa decisione è stata presa nel contesto di un caso riguardante il film ieri (2019), la commedia musicale di Danny Boyle in cui un uomo si sveglia in un mondo in cui i Beatles non esistono.

Due fan dell’attrice Ana de Armas hanno citato in giudizio lo scorso gennaio, sostenendo di aver elogiato il film dopo aver visto l’attrice nel trailer. Unico inconveniente: il taglio durante il montaggio non appare nel filmato.

Il trailer è artistico?

prodotto globale ieriha cercato di far archiviare la causa, affermando che i trailer sono protetti dal Primo Emendamento della Costituzione degli Stati Uniti (che proibisce la restrizione della libertà di parola).

Per gli avvocati della Universal, il trailer è soprattutto un'”opera d’arte” che racconta in tre minuti la storia ei temi di un film. Per questo motivo non deve essere considerato un prodotto di marketing.

Questa argomentazione, tuttavia, è stata respinta dal giudice Stephen Wilson: “È vero che le offerte promozionali della Universal coinvolgono la creatività, ma quella creatività non supera la loro natura commerciale”.

Risarcimento da 5 milioni?

Tuttavia, è comune che i trailer, che spesso vengono realizzati mentre i film non sono ancora finiti, presentino scene assenti dal montaggio finale. era un caso Jurassic Parkma anche molti Marvel e Fallout di missione impossibile.

Ana de Armas avrebbe avuto un ruolo importante in ieriMa la trama del film è stata affondata durante il montaggio, perché non ha attratto il pubblico dalle proiezioni di prova, come ha spiegato lo sceneggiatore del film Richard Curtis in diverse interviste.

READ  Da Maria Antonietta a Karl Lagerfeld, ecco 5 punti salienti dell'Hôtel de Crillon

I querelanti, Connor Wolfe e Peter Michael Rosa, sono entrambi inquilini ieri Su Prime Video per $ 3,99. Sperano di ottenere un risarcimento di 5 milioni di dollari.

I telespettatori americani cercano regolarmente di attaccare gli studi per falsa pubblicità. Nel 2011, residente nel Michigan denuncia contro ComandoConsiderando che non era… veloce e arrabbiato.

Articolo originale pubblicato su BFMTV.com

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.