Muore la leggenda del calcio Luigi Riva

Muore la leggenda del calcio Luigi Riva

AIl Calcio ha perso un'icona. È morto lunedì 22 gennaio, all'età di 79 anni, Luigi Riva, detto Gigi Riva. Considerato uno dei più grandi giocatori della storia del calcio italiano, ha avuto un infarto domenica scorsa nella sua abitazione e da allora è ricoverato all'ospedale di Cagliari, città dove ha trascorso gran parte della sua carriera da giocatore tra il 1963 e il 1977.

“Quello che ci ha lasciato è un vero monumento nazionale. Gigi Riva ha incarnato la leggenda di un uomo libero e di un calciatore eccezionale”, ha detto in un comunicato stampa il presidente della Federcalcio italiana Gabriele Gravina.

Durante la finale di Supercoppa Italiana di lunedì a Riad, in Arabia Saudita, i giocatori di Inter e Napoli hanno osservato un minuto di silenzio prima dell'inizio del secondo tempo. Le società del campionato italiano, a cominciare dal Cagliari, sua antica società, hanno elogiato il miglior cannoniere della storia della Nazionale italiana, “una leggenda italiana”, secondo quanto affermato dal club romanista.

Semifinale storica contro la Germania

Soprannominato “Rombo di Tono” per la sua eccezionale potenza offensiva, ha segnato la storia del calcio italiano. Con 35 gol in 42 partite internazionali, diventa il capocannoniere di tutti i tempi del club e vince la Champions League nel 1968. Ma è durante i Mondiali del 1970 in Messico che scrive le pagine più belle della sua carriera calcistica. Calcio mondiale.Leggi anche Le dichiarazioni pazzesche di Cristiano Ronaldo sul campionato francese

L'importo totale dei danni subiti dalle città di Gianni Rivera agli attori delle semifinali ha ricevuto 4 o 3 giorni dall'Italia di fronte a All Magneto, come le partite più importanti di questa storia della competizione. Riva ha segnato uno dei cinque gol segnati negli straordinari tempi supplementari che hanno portato l'Italia alla finale, dove ha perso contro il Brasile di Pelé (4-1).

READ  Michel Campagnaro, il giocatore della nazionale italiana, entra a far parte della squadra di rugby di Colomier

“Eroe immortale”

Riva è nato nel nord Italia, in Lombardia, sulle rive del Lago Maggiore, il 7 novembre 1944. È in Sardegna che Riva si è fatto un nome segnando 164 gol in 315 partite in tutte le competizioni e alzando il titolo di capocannoniere nel campionato italiano tre volte. Coppa (1967, 1969, 1970). Anche se avrebbe potuto unirsi a squadre d'élite della Serie A, Riva rimase sempre fedele al Cagliari, che gli offrì il suo unico titolo italiano nel 1970, uno dei titoli più emozionanti e inaspettati della storia, prima di rompersi una gamba la stagione successiva.

Dopo la carriera da giocatore, Riva ricoprì per un breve periodo l'incarico di allenatore, e poi per breve tempo anche quello di presidente del club, che era ancora al Cagliari. Dal 1990 ha ritrovato un'altra squadra del cuore, il Nacional, questa volta con il titolo di direttore generale, attraverso cinque edizioni di Europei e diverse finali di Mondiali, tra cui quella vittoriosa in Germania nel 2006, prima di ritirarsi un anno dopo. .Leggi anche È morto il “Kaiser” Franz Beckenbauer, leggenda del calcio tedescoAnche se non godette della fama internazionale di cui godettero il brasiliano Mario Zagallo e il tedesco Franz Beckenbauer, morti all'inizio del mese, Riva fu, secondo il presidente della FIFA Gianni Infantino, “un eroe immortale”. […]“La storia del calcio è un puzzle che ha perso uno dei suoi pezzi più belli”.


You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *