L’idea di un’aliquota fiscale minima sulle società a livello globale sta guadagnando terreno

Sul tavolo del Tesoro degli Stati Uniti, con il sostegno del Fondo monetario internazionale, e lodato da paesi come Francia e Germania, la prospettiva è vicina alla fissazione di un’aliquota fiscale globale minima.

Leggi anche: Wall Street ha chiuso leggermente al ribasso, dopo aver registrato il giorno precedente

Leggi anche: Il capo di Amazon Jeff Bezos sostiene un aumento delle tasse sulle società

Leggi anche: Un leader repubblicano al Congresso vuole “combattere” il piano Biden

La riforma, che mira a porre fine alla concorrenza fiscale tra paesi, sarà nella lista dell’ipotetico incontro dei principali finanziatori del G20 di mercoledì con possibilità di accordo tra ministri delle finanze e banca centrale governatori degli stati membri. Il 9 e il 10 luglio.

L’idea, già promossa dall’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, è stata recentemente adottata dal segretario al Tesoro degli Stati Uniti Janet Yellen, come amministrazione democratica, per finanziare un massiccio piano infrastrutturale, e gli Stati Uniti cercano di aumentare le tasse sulle società che Donald Trump ha stato gravemente offensivo.

Lo stesso capo di Amazon Jeff Bezos ha detto martedì che sostiene l’aumento di quelle tasse negli Stati Uniti, pochi giorni dopo che Joe Biden si è lamentato del fatto che il gruppo non aveva pagato le tasse sui suoi guadagni.

“Nel 2019, un’analisi indipendente ha rivelato che ci sono 91, confermo, 91 società che fanno parte (…) delle più grandi società del mondo, inclusa Amazon, che ha utilizzato vari trucchi legali e non ha pagato una sola tassa federale penny sui profitti. “Il presidente degli Stati Uniti ha espresso il suo rammarico.

READ  Trattamento degli uiguri | Le sanzioni di Pechino contro il Canada sono "inaccettabili", il giudice Trudeau

Questo coordinamento fiscale, volto a tassare al minimo le aziende indipendentemente dal Paese in cui si trovano, mira a risolvere l’annoso problema dei giganti digitali, che spesso praticano l’ottimizzazione fiscale, stabilendo la loro sede dove l’aliquota fiscale è la più basso.

Martedì, il ministro francese dell’Economia Bruno Le Maire ha accolto il ministro francese dell’Economia Bruno Le Maire: “L’accordo globale sulle tasse internazionali è ora a portata di mano” dopo questa proposta americana, e ha chiesto di “cogliere questa opportunità storica”.

Accogliamo con favore il sostegno degli Stati Uniti per le imposte minime sull’imposta sul reddito delle società. Ci auguriamo inoltre di poter andare avanti con Janet Yellen sulla tassazione dei servizi digitali al fine di raggiungere un accordo globale a livello dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico la prossima estate “, ha aggiunto Le Maire in una dichiarazione all’Agence France- Presse.

Anche la Germania ha accolto con favore i progressi martedì e il Fondo monetario internazionale (FMI) ha annunciato di sostenere questa riforma fiscale internazionale per adattarla specificamente all’era digitale.

Il ministro delle finanze tedesco Olaf Schultz ha descritto la proposta statunitense come una “svolta” e l’ha considerata “realistica ora che siamo d’accordo su di essa quest’anno”.

La Commissione europea ha anche accolto con favore i commenti della signora Yellen, sperando che “dia un nuovo impulso a un accordo su una soluzione di consenso globale entro l’estate”. Il portavoce dell’UNHCR Daniel Ferry ha affermato che il blocco ha invitato “tutti i partner globali a continuare a partecipare a queste discussioni ea continuare a lavorare senza indugio”.

Janet Yellen ha detto lunedì che gli Stati Uniti stanno lavorando “con i paesi del G20 per concordare un’aliquota minima per l’imposta sulle società”.

READ  L'Egitto rimuove il velo da una città che fu sepolta 3000 anni fa

L’obiettivo, ha affermato, è “porre fine a questa corsa al ribasso”, a cui partecipano i paesi, attraverso i quali, per attirare le aziende nelle loro terre e garantire loro un ambiente competitivo, è offrire alle aziende aliquote fiscali più elevate di mai prima d’ora. Debole.

La riforma di questo sistema fiscale internazionale riguarda due aspetti: la creazione di un’aliquota minima globale e un sistema che mira ad adeguare l’imposta sulle società in base ai profitti realizzati in ciascun paese, indipendentemente dal suo istituto fiscale, e la sezione finale riguarda aziende tecnologiche multinazionali in particolare. .

L’ammontare di questo tasso inferiore percepito è informale e sono state menzionate soglie che vanno dal 12,5% al ​​21%.

Sempre martedì, il Fondo monetario internazionale ha dichiarato di sostenere un’imposta minima globale sulle società.

Gita Gopinath ha spiegato che i governi stanno affrontando una diffusa evasione fiscale e dirottando denaro verso i paradisi fiscali, il che “ci preoccupa molto” perché “riduce la base imponibile attraverso la quale i governi possono raccogliere entrate e spendere per bisogni sociali ed economici”, il capo economista del Fondo monetario internazionale.

“Pertanto, sosteniamo fortemente l’imposizione di una tassa minima globale per le società”, ha aggiunto.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *