indecenza europea | Giornalismo

Mentre i talebani hanno preso il controllo di Kabul, creando un piano di salvataggio senza precedenti, il cancelliere austriaco Sebastian Kurz si è detto pronto a rimandare gli afgani nei loro paesi di origine se la loro domanda di asilo fosse stata respinta.


È frustrante.

La Grecia sta costruendo un muro al confine terrestre con la Turchia per impedire l’ingresso di potenziali rifugiati mentre il presidente francese Emmanuel Macron chiede che l’Europa sia protetta dai “grandi flussi migratori irregolari” che potrebbero derivare dalla crisi afgana.

La mancanza di empatia è palese.

Il primo ministro populista sloveno Janez Jansa, che detiene la presidenza del Consiglio d’Europa, ha dichiarato lunedì che “l’Europa non aprirà alcun corridoio migratorio” per gli afgani. Risposta da altri paesi dell’UE? Silenzio radiofonico.

È molto fastidioso.

Gli europei leggono le stesse notizie e vedono le stesse immagini strazianti dall’aeroporto di Kabul come noi? Ti viene da chiederti quando ascolti i loro leader politici che sembrano cantare slogan anti-rifugiati nel coro in questi giorni.

Alcuni, Germania compresa, preferiscono non dire nulla per paura di alienarsi gli elettori.

Questi stessi paesi, la maggior parte dei quali coinvolti nello sforzo bellico statunitense in Afghanistan, stanno evacuando in questi giorni i propri cittadini e gli afgani che li hanno sostenuti negli ultimi vent’anni. Sanno esattamente cosa sta succedendo sul campo e cosa accadrà.

E le ultime notizie non sono affatto rassicuranti. Un attentato suicida rivendicato dal gruppo dello Stato Islamico giovedì ha ucciso decine di persone all’aeroporto. Un nuovo rapporto di Amnesty International conclude che all’inizio di luglio i talebani hanno torturato a morte tre uomini della comunità di minoranza sciita Hazara nella provincia di Ghazni e ne hanno uccisi altri tre.

READ  Biden affronta i repubblicani nella morsa di Trump e delle sue teorie del complotto

Non c’è dubbio che migliaia di membri di questa minoranza – l’obiettivo principale dei talebani – cercheranno di raggiungere l’Iran, dove centinaia di migliaia di loro si sono già rifugiati.

Le migliaia di persone terrorizzate che hanno affollato l’aeroporto della capitale in cerca di asilo sono solo i resti sull’iceberg della disperazione afghana. In meno di una settimana, più di 500.000 persone sono fuggite insidiosamente dalle loro case. Anche prima che il governo afghano cadesse in mano ai talebani, la situazione umanitaria era disastrosa: 14 milioni di persone rischiavano la fame, ovvero un terzo della popolazione del Paese. Attualmente, i talebani stanno chiudendo tutte le frontiere terrestri, ma molti afgani cercheranno di mettersi in salvo fuori dal Paese il prima possibile.

Il cortile dei paesi vicini è pieno. Il solo Pakistan ospita 1,5 milioni di rifugiati afgani. Quindi il resto del pianeta deve partecipare. A cominciare dai paesi che hanno combattuto in Afghanistan. A differenza dell’Unione Europea, Stati Uniti, Gran Bretagna e Canada hanno già annunciato che si impegneranno ad accogliere nelle loro case qualche migliaio di profughi. Un contributo modesto, ma essenziale.

Con tutto il rispetto per i politici europei, il diritto internazionale conferisce alle persone in fuga da guerre e persecuzioni il diritto di chiedere asilo in un altro paese.

Questo diritto, sancito dalla Convenzione di Ginevra del 1951, è nato dalle ceneri della seconda guerra mondiale. Si stima che 60 milioni di europei siano stati costretti a fuggire durante questo enorme conflitto e negli anni successivi.

Alcuni sono stati accolti a braccia aperte, altri – tra cui molti profughi ebrei – hanno bussato alle porte delle nazioni ribelli, compreso il Canada, e sono stati rimandati indietro quando sono morti. È particolarmente importante garantire che una situazione del genere non si ripeta mai più, poiché un importante accordo internazionale è stato scritto e firmato da 145 paesi.

READ  Forte terremoto 8.2 suoni di sirena

Oggi l’Europa sembra averlo dimenticato, affermando di aver già accolto abbastanza rifugiati nel 2015, principalmente dalla Siria e dall’Afghanistan. Dobbiamo però ricordare che a quel tempo l’Europa accoglieva un milione di profughi in un gruppo politico di 500 milioni di cittadini? Questo è relativamente il doppio del numero di rifugiati e cinque volte meno di immigrati che il Canada riceve in un anno medio. Da allora, l’Europa ha fatto del suo meglio per tenere i migranti lontani dai suoi confini, arrivando persino a rimandare i profughi in mare!

È tempo che Canada, Stati Uniti e paesi che ospitano il maggior numero di rifugiati – Libano, Turchia e Pakistan – parlino collettivamente. L’Unione europea, oltre a voltare apertamente le spalle alle sue responsabilità internazionali, mantiene la paura dei rifugiati. L’oscenità va avanti da abbastanza tempo!

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *