Le elezioni presidenziali sono state rinviate al 15 dicembre con l'approvazione del Parlamento

Le elezioni presidenziali sono state rinviate al 15 dicembre con l'approvazione del Parlamento

Nella notte tra lunedì e martedì, l'Assemblea nazionale senegalese ha adottato una legge volta a rinviare le elezioni presidenziali, inizialmente previste per il 25 febbraio, al 15 dicembre 2024. I deputati dell'opposizione sono stati evacuati dalle forze dell'ordine.

Pubblicato su:

4 minuti

Il parlamento del Senegal, in mezzo a grande confusione, ha approvato il disegno di legge volto a rinviare le elezioni presidenziali al 15 dicembre 2024, un voto avvenuto martedì 6 febbraio, che ha gettato il Paese nell'incognita e fatto temere un peggioramento della situazione.

La legge è stata approvata nella notte tra lunedì e martedì quasi all'unanimità, con una maggioranza di 105 voti favorevoli e un voto contrario, dopo che i rappresentanti dell'opposizione che hanno ostacolato il voto sono stati evacuati dalla gendarmeria. Il presidente Macky Sall resterà in carica fino all'insediamento del suo successore, che prevede un'altra disposizione di legge.

“La situazione è assolutamente catastrofica, l'immagine del Senegal è in rovina e non credo che ci riprenderemo presto da questo fallimento democratico, da questo tsunami nello stato di diritto”, ha detto dopo il voto Abe Duffy, membro del parlamento dell'opposizione. .

La discussione, iniziata lunedì mattina, è proseguita fino a mezzanotte in un clima di tensione, e nel pomeriggio i parlamentari hanno addirittura litigato.

Scontri sporadici

La tensione è al massimo in Senegal, a causa della situazione stabile in Africa nell’Ovest, dopo lo stesso anniversario della chiamata del presidente al giornalista nell’ufficio del presidente il 25 febbraio, diversi giorni prima dell’uscita dalle campagne.

Questa decisione senza precedenti, che è stata duramente condannata dai critici come un “colpo di stato costituzionale”, ha causato un enorme scalpore tra i candidati qualificati e nella società civile, compresi gli ambienti religiosi.

READ  Pipì non vaccinato in nome della maggioranza

Lunedì mattina, i gendarmi attorno al Parlamento hanno risposto ai tentativi separati di riunirsi su invito dell'opposizione, con gas lacrimogeni. Gruppi più piccoli si ritirarono ulteriormente e cantarono “Dittatore Macky Sall!”

La regione dell'Altopiano, sede delle decisioni politiche, ha offerto uno spettacolo estremamente raro di piccoli numeri di manifestanti che hanno giocato al gatto e al topo con le forze di sicurezza tra gli abitanti di Dakar mentre svolgevano le loro attività attorno all'assemblea posta sotto la protezione di decine di gendarmi e polizia supportata da mezzi pesanti.

Uno dei manifestanti, Malek Diouf (37 anni), ha detto all’AFP: “La cosa principale per me è dire no a questa agenda politica e a questo colpo di stato per cercare di rimanere al potere”.

Le autorità avevano già represso i primi tentativi di assembramento domenica. Lunedì è stata interrotta la connessione a Internet, un metodo diventato popolare per fermare la mobilitazione e già utilizzato dal governo senegalese nel giugno 2023, nel contesto della crisi politica.

Preoccupazione internazionale

Con l’adozione di questa legge da parte del Parlamento, la situazione in questo paese, che ha regolarmente eletto i suoi presidenti e non ha mai assistito a un colpo di stato, una rarità nel continente, rimane estremamente instabile.

La Comunità degli Stati dell'Africa Occidentale (ECOWAS), l'Unione Africana, gli Stati Uniti, l'Unione Europea, la Francia, il Regno Unito e la Germania, importanti partner del Senegal, hanno espresso le loro preoccupazioni.

Molte organizzazioni per i diritti umani, sia senegalesi che internazionali, hanno condannato le restrizioni di Internet e la sospensione della licenza della televisione privata Walf TV. Hanno invitato le autorità a guardarsi dall'uso eccessivo della forza, dagli arresti arbitrari e dagli attacchi alle libertà. “Il Senegal è stato a lungo considerato un modello di democrazia nella regione”, ha scritto Human Rights Watch, “questa realtà è ora minacciata”.

READ  Donald Trump, accusato, afferma di essere vittima della "caccia alle streghe"

La crisi fa temere al Senegal un altro attacco di febbre come quello a cui ha assistito nel marzo 2021 e giugno 2023, che ha causato decine di morti e centinaia di arresti.

Mesi di incertezza del presidente Sall riguardo a una nuova nomina nel 2024 hanno contribuito alle tensioni dell’epoca. Alla fine ha annunciato nel luglio 2023 che non avrebbe cercato un nuovo mandato.

Nonostante il diffuso malcontento sui social media, la protesta contro il rinvio delle elezioni presidenziali non ha raggiunto le strade su larga scala. L’Università di Dakar, centro storico della protesta, è stata chiusa dopo i disordini del 2023 e il partito anti-regime Pastif ha subito arresti.

L'opposizione condanna la deriva autoritaria del potere. Con il rinvio delle elezioni presidenziali, dubita che esista un piano per evitare l'inevitabile sconfitta, a suo avviso, del campo presidenziale, o addirittura per prolungare la presidenza di Macky Sall, nonostante l'impegno che quest'ultimo ha confermato sabato , per non correre più.

Con l'Agenzia France-Presse

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *