La Turchia sta cercando di salvare le relazioni con l’Egitto

(Ankara) Venerdì la Turchia ha intensificato i suoi gesti di apertura verso l’Egitto, chiedendo un “rafforzamento” dei contatti per porre fine a quasi un decennio di crisi mentre Ankara cerca di rompere il suo isolamento regionale.


Real borsen
France Media

Ankara conduce da diverse settimane un’offensiva magica per riparare i suoi rapporti con il Cairo, che sono peggiorati drasticamente dopo il licenziamento nel 2013 del primo presidente democraticamente eletto dell’Egitto, Mohamed Morsi, dai Fratelli Musulmani e con il sostegno della Turchia.

Questi sforzi si inseriscono in un contesto in cui Ankara cerca di uscire dal suo isolamento diplomatico nel Mediterraneo orientale, dove la scoperta di grandi giacimenti di gas naturale negli ultimi anni ha portato alla partecipazione di paesi rivieraschi da cui la Turchia si sente esclusa. .

L’agenzia di stampa ufficiale Anatolia ha citato venerdì il capo diplomatico turco Mevlut Cavusoglu che “i contatti a livello diplomatico sono iniziati con l’Egitto”. […] Senza precondizioni “su entrambi i lati.

In seguito, il presidente Recep Tayyip Erdogan ha affermato che questi contatti si stavano svolgendo “a un livello inferiore rispetto al livello più alto”.

“Naturalmente, vorremmo continuare questo processo rafforzandolo. Una volta che i contatti di sicurezza, diplomatici e politici avranno prodotto risultati, potremo portarlo a un livello superiore”.

” Passo dopo passo ”

Ma la riconciliazione tra questi due pesi massimi nel mondo islamico non è evidente, poiché gli scambi sono stati difficili negli ultimi anni.

Erdogan ha più volte descritto l’attuale presidente egiziano Abdel Fattah al-Sisi come un “golpista”, sebbene negli ultimi mesi abbia interrotto le sue critiche.

READ  Il movimento dei diplomatici è organizzato anche dalla Repubblica Democratica del Congo

Di conseguenza, le relazioni tra i due paesi vengono riprese “a poco a poco” e si segue la “road map”, ha detto venerdì Kavusoglu.

Ha detto: “Quando le relazioni sono state interrotte per anni, non è facile agire come se nulla fosse accaduto”.

La Turchia sta monitorando l’Egitto da diverse settimane, che finora è rimasto inattivo.

I media egiziani hanno citato venerdì un funzionario egiziano che ha negato ogni “ripresa” del dialogo diplomatico, confermando che c’erano già contatti con l’incaricato d’affari nelle due capitali.

Il funzionario ha aggiunto, a condizione di anonimato, che “elevare le relazioni tra Egitto e Turchia a un livello superiore richiede il rispetto del quadro diplomatico e giuridico che definisce i rapporti tra i paesi sulla base del rispetto del principio di sovranità”.

Nel contesto dell’incantevole attacco di Ankara, il capo della diplomazia turca si è detto all’inizio di marzo di essere “pronto” a negoziare un accordo per delimitare i confini marittimi con l’Egitto nel Mediterraneo orientale, dopo che il Cairo ha concluso un tale accordo con Atene, che fece arrabbiare Ankara. .

Cipro, Grecia, Egitto, Israele, Giordania, Italia e Territori palestinesi hanno istituito il Forum del gas del Mediterraneo orientale nel 2019, esclusa la Turchia.

Sentendosi ostracizzata, Ankara ha intensificato le sue operazioni di perforazione esplorativa unilaterale dallo scorso anno, facendo arrabbiare i paesi vicini.

Mano tesa a Riyadh

Al di fuori dell’Egitto, Ankara ha lavorato per calmare i suoi legami con altri vicini del Mediterraneo orientale, come la Grecia e Israele, e con le potenti monarchie del Golfo, l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti in primo piano.

“Non c’è motivo per cui le nostre relazioni con l’Arabia Saudita non dovrebbero migliorare”, ha detto venerdì Cavusoglu. “Se assumeranno un atteggiamento positivo, lo saremo. Lo stesso vale per gli Emirati”.

READ  Mega Millions, Powerball Jackpots are rising

Le relazioni tra Ankara e questi due paesi sono state avvelenate negli ultimi anni a causa del sostegno della Turchia al Qatar, oppositore dell’Arabia Saudita e degli Emirati, e dell’assassinio dell’editor saudita Jamal Khashoggi nel consolato del suo paese a Istanbul nel 2018.

Funzionari turchi hanno accusato il principe ereditario saudita Mohammed bin Salman, un uomo forte nel regno, di aver ordinato l’omicidio.

Queste rivalità sono evidenti anche nel conflitto in Libia, dove la Turchia sostiene il governo di Tripoli, mentre l’Egitto, gli Emirati Arabi Uniti e l’Arabia Saudita sostengono una forza di opposizione con sede nell’est del Paese.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *