La Moldavia e il ministro degli Esteri Popescu Lenova: “L’Italia è per noi un partner molto importante”

La Moldavia e il ministro degli Esteri Popescu Lenova: “L’Italia è per noi un partner molto importante”

L’Italia è un partner “molto importante” per la Moldavia, con la quale ha “ottimi rapporti politici ed economici” e una “disponibilità ad ampliare la cooperazione”. Il Ministro degli Esteri della Moldavia ha detto: Nico PopescuQuesto è stato durante un’intervista con “Nova Agency”. Il capo della diplomazia di Chisinau si è recato in visita istituzionale a Roma, dove ha partecipato ad una riunione congiunta delle Commissioni Esteri di Senato e Camera dei Rappresentanti, e ha poi incontrato il Presidente della Farnesina. Antonio Tajani. “La Moldavia è ora un paese candidato, un paese che entrerà nell’Unione europea. Stiamo coordinando e lavorando con tutti gli Stati membri per preparare la Moldavia all’adesione all’UE”, ha spiegato Popescu, sottolineando che l’ingresso di Chisinau nello spazio comunitario “contribuirà a far sì che la Moldavia entri a far parte dell’Unione europea. Un’Europa più forte”. Il ministro ha sottolineato che “l’Italia è uno dei più importanti paesi fondatori dell’Unione europea”, oltre ad essere “uno dei principali partner economici della Moldavia e uno dei suoi più importanti investitori”. campi multipli. Frutto di un investimento italiano è anche il più grande produttore di pannelli fotovoltaici rinnovabili in Moldavia. Popescu ha sottolineato che molte aziende stanno lavorando insieme per il bene di entrambi i paesi. Il ministro moldavo ha spiegato che di tutto questo si è parlato nei colloqui con il suo omologo Tajani e altri interlocutori a Roma. Popescu ha poi affermato che la Moldova “ha una grande comunità anche in Italia”, spiegando che si sta lavorando, a questo proposito, per concludere “nuovi importanti accordi sulla liberalizzazione del roaming e sulla sicurezza sociale”.

READ  Bordeaux è un esempio di politica del turismo per altre città europee.

Per quanto riguarda la crisi alimentare globale A causa della guerra in Ucraina, il Ministro della Moldavia ha affermato che Chisinau è attivamente coinvolta nello sviluppo delle forme di solidarietà. Il mondo intero è stato gravemente colpito dall’aggressione russa contro l’Ucraina. Ciò ha portato a gravi interruzioni, comprese le rotte commerciali ucraine e le esportazioni di grano, in particolare di grano. Pertanto, stiamo lavorando con Kiev e Bruxelles per garantire che il grano ucraino raggiunga i paesi che hanno bisogno di cibo a prezzi accessibili. “Ciò è di grande importanza anche per l’Africa e il Medio Oriente”, ha detto Popescu. “Naturalmente, questo tipo di operazioni hanno anche un potenziale impatto sulla migrazione. Quindi, in tutte queste questioni, vogliamo lavorare con l’Italia. “Stiamo cercando di espandere la nostra cooperazione”, ha aggiunto il ministro “sta attraversando un periodo particolarmente tragico”, sottolineando che “nell’ultimo anno e mezzo ha assistito alle più grandi operazioni militari sul suolo europeo dalla seconda guerra mondiale”, a causa del “brutale attacco” della Russia all’Ucraina. In questo contesto, il ministro degli Esteri di Chisinau ha spiegato che la Moldavia “non è minacciata militarmente” da Mosca. Grazie alla capacità di resistenza di Kiev, “l’Ucraina sta aiutando tutti a garantire che la guerra non si espanda e non peggiori”. Tuttavia, come ha osservato Popescu, la Moldova ha dovuto affrontare “minacce ibride guidate e istigate dalla Russia”. “Ma nel rispondere e resistere, non siamo soli”, ha detto il moldavo. “Abbiamo lavorato con i nostri partner dell’Unione Europea, come Italia, Francia e Germania, così come con gli Stati Uniti, per garantire la stabilità in Moldavia. ” Lo ha annunciato il ministro.

READ  "Qatargate": CGT e CFDT chiedono le dimissioni del numero uno della Confederazione sindacale internazionale

Popescu lo ha poi sottolineato Russia Ha “implementato e implementato politiche ostili contro il paese per più di 30 anni”, sostiene il “separatismo” e mantiene una “presenza militare illegale” nella regione della Transnistria. Il capo della diplomazia a Chisinau ha annunciato che Mosca “ha imposto e attuato un embargo sul vino moldavo, nonché su frutta e verdura, e ha lanciato campagne di disinformazione”. “Nonostante ciò, negli ultimi 30 anni abbiamo resistito e siamo riusciti a consolidare un sistema politico democratico, pur mantenendo la Moldova nella famiglia europea degli Stati liberi”, ha osservato Popescu. Nel contesto generale derivante dalle recenti tensioni con la Russia, il governo di Chisinau ha deciso di ridurre la presenza diplomatica russa nel Paese. “Gran parte di questa presenza non era necessariamente legata agli affari diplomatici. Il Ministro ha spiegato che sono emerse alcune attività non del tutto diplomatiche che hanno spinto la Moldavia ad attuare questa misura.

Per quanto riguarda Il percorso della Moldavia verso l’adesione all’UEPopescu ha spiegato che nonostante il contesto regionale “complesso”, il Paese ha già “migliorato in modo significativo la sicurezza energetica e fatto progressi nel processo di riforma, modernizzando le infrastrutture, le ferrovie, le strade e la costruzione di ponti, ad esempio con la Romania”. “La Moldavia sta portando avanti un processo di riforma per essere pronta ad aderire all’Unione Europea sulla base del merito. “Stiamo attuando riforme strutturali, facendo del nostro meglio per rendere l’Europa più forte, con il desiderio di contribuire alla soluzione dei problemi europei Inoltre, ha sottolineato il capo della diplomazia della Moldavia, Chisinau “ha contribuito all’accoglienza dei profughi dall’Ucraina, ai canali di solidarietà e al rapido monitoraggio delle esportazioni di grano sui mercati internazionali”, ma è anche pronta. dare il proprio contributo “a livello europeo alle missioni di mantenimento della pace in aree come il Mali o la Somalia. Abbiamo ottimi rapporti militari con l’Italia”. contribuendo agli sforzi europei per risolvere i problemi in Medio Oriente, Africa e ovviamente nell’Europa dell’Est”, ha concluso Popescu.

READ  Un restyling del governo per continuare il percorso! - Guinea News ©

Leggi anche altre notizie su Novità Nova
Seguici sui social media su Nova News FB, Twitter, LinkedIn, Instagram, cavo

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *