La Meloni sogna una legittimità internazionale

La Meloni sogna una legittimità internazionale

Giugno si preannuncia un mese impegnativo per Georgia Meloni. Dal 13 al 15 giugno si terrà sulla costa adriatica pugliese, nel sud-est dell'Italia, il vertice dei capi di Stato dei paesi del Gruppo dei Sette, presieduto quest'anno dalla terza potenza economica europea. L'accoglienza potrebbe essere più calorosa se la leader del partito Fratelli d'Italia trasformasse le sue intenzioni di voto alle urne in voti alle elezioni europee del 9 giugno, e il suo partito diventasse la prima formazione della penisola.

“Le Pen e Meloni uniranno le forze per sconvolgere l’Europa” (Sandro Gozzi)

Da quando è salita al potere nell’ottobre 2022 – la prima per una donna in Italia – Giorgia Meloni ha dimostrato pragmatismo sulla scena internazionale. Venerdì Joe Biden l'ha accolta calorosamente a Washington. Il Presidente degli Stati Uniti ha accolto con favore la visione comune sulla guerra in Ucraina e sulla guerra a Gaza, che pone l'Italia in prima linea nei teatri europeo e mediterraneo. A dicembre, l’amministrazione americana ha anche espresso il suo apprezzamento per il ritiro di Roma dal progetto cinese delle Nuove Vie della Seta, che mira a sviluppare le relazioni economiche di molti paesi sotto l’influenza di Pechino per collegare l’Europa con la Cina. ” Giorgia Meloni è un animale politico pratico. Segue la tradizionale politica atlantica dell'Italia, membro della NATO, e non si discosta dalle posizioni del suo partito, Fratelli d'Italia, in materia di politica estera. “, spiega Jean-Pierre Darnais, professore e direttore del Master in Relazioni franco-italiane all'Università della Costa Azzurra (Nizza). Si guarda bene anche dal commentare le elezioni presidenziali americane di novembre, visto che passato ha sostenuto Donald Trump.

READ  Perché cresce la tensione tra Francia e Italia dopo le parole di Gerald Darmanin?

Quando ha assunto la presidenza del Consiglio italiano, ha espresso un chiaro sostegno all’Ucraina di fronte all’aggressione russa, criticando Vladimir Putin e mettendo in discussione le posizioni del suo partito. ” Giorgia Meloni cerca legittimità perché appartiene a un partito la cui storia risale al fascismo del Novecento, spiega Luca Tomini, professore di scienze politiche alla Libera Università di Bruxelles. Ho imparato molto dagli errori commessi da Matteo Salvini quando era al potere con il Movimento 5 Stelle, errori che lo hanno isolato nel panorama europeo e internazionale. »

È diventato il terzo partito in Parlamento

Giorgia Meloni vuole rifocalizzare la sua posizione sulla scena internazionale affinché il suo Paese abbia più peso. “ La guerra in Ucraina rappresenta una vera spaccatura all’interno dell’estrema destra in Europa “, conferma Luca Tomini. Il 24 febbraio è apparsa a Kiev accanto al presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj in occasione del secondo anniversario del conflitto. È questa la linea che ha imposto alla sua coalizione, sostenuta da Forza Italia, la formazione di destra del compianto Silvio Berlusconi, e il Partito della Lega, la formazione di destra Il gruppo estremista guidato da Matteo Salvini, vicino a Mosca, e che è stato appena nuovamente criticato per la sua presenza, ha stabilito che i medici russi e bisogna fare affidamento sui giudici per determinare le cause della morte del leader dell’opposizione Alexei Navalny.

Questa divisione costituirà anche una delle sfide che dovranno affrontare le elezioni europee. In Parlamento, l'estrema destra è oggi divisa tra il partito Identità e Democrazia (ID), che comprende tra gli altri la Lega italiana, il Fronte nazionale francese, l'AfD, i Conservatori e Riformisti europei (CRE), dove trova Fratellanza d'Italia, e il partito polacco Diritto e Giustizia, il partito spagnolo Vox, ma da febbraio anche il partito Reconquete, la cui lista sarà guidata da Marion Marichal. A giugno RN e Fratelli d'Italia sono in buona posizione per diventare capolista di ID e CRE, a scapito di Lega e PiS, portando ad una partita nella partita tra i due gironi a diventare la terza formazione dietro l'Europeo. Partito Popolare (PPE – destra) e S&D (socialdemocratici). Oggi CRE e ID sono rispettivamente il quinto e il sesto partito in Parlamento.

READ  In Italia, Jean-Luc Melenchon ha aiutato la sinistra radicale

Secondo l'ultima previsione dei posti di Euractiv di gennaio, l'ID potrebbe essere proprio questo
Diventa il terzo potere (da 83 a 96 seggi), grazie all’aumento dei seggi del Fronte Nazionale, che salirà da 18 a 26 seggi, e del Quinto Partito dell’Uguaglianza Razziale (da 73 a 84 seggi), con Fratelli d'Italia, che diventerà la terza potenza (da 83 a 96 seggi) che avanza da 10 a 23 seggi, e una leghista che potrebbe scendere da 23 a 8 seggi. ” Un simile fallimento potrebbe costare a Matteo Salvini la presidenza della Lega », giudica Luca Tomini, il che ridurrebbe la sua influenza all'interno della coalizione a Roma. Anzi, ” Il successo di Giorgia Meloni consentirebbe al REP di trovarsi in una posizione strategica se il PPE dovesse cercare sostegno », sottolinea l'analista.

Competizione con Marine Le Pen

Questa competizione tra il Partito repubblicano, guidato da Marine Le Pen, e Fratelli, guidato da Giorgia Meloni, esclude oggi ogni riavvicinamento a livello europeo. ” Queste due formazioni hanno matrici culturali e sociali molto diverse “, ricorda Jean-Pierre Darnais. Meloni si vedrà infatti dopo il 9 giugno, attraverso il Partito per l'Uguaglianza Razziale, come un partner privilegiato del Partito Popolare Europeo, fornendogli i voti necessari per ottenere la maggioranza.

Nelle ultime settimane il Primo Ministro italiano e la Presidente della Commissione Europea, Ursula von der Leyen, sono stati sulla stessa lunghezza d’onda. Per quanto riguarda la politica dell’immigrazione, Roma ha potuto contare sull’appoggio dei tedeschi. Grazie ad esso, l’Italia ha potuto lanciare le prime tranche del piano di ripresa di prossima generazione dell’Unione Europea, di cui il Paese è il principale beneficiario, con 200 miliardi di euro concessi, parte dei quali sotto forma di sussidi di sostegno. Al contrario, il funzionario tedesco, che intende candidarsi per un secondo mandato alla guida della Commissione europea, avrà bisogno dei voti del gruppo CRE per essere eletto. ” C'è un riavvicinamento tra il Ppe e i conservatori, come si è visto ad esempio nel voto per il Green Deal, ritiene Luca Tomini. Giorgia Meloni, inoltre, vuole avere un ruolo attivo nelle scelte future della Commissione, ad esempio riguardo alle nomine ai posti chiave. Pertanto, può essere una situazione vantaggiosa per entrambe le donne. »

READ  Bar e ristoranti riaprono in Italia (Piemonte) dal lunedì, ma solo fino alle 18:00.

Per ironia della sorte, la brutta notizia nella carriera altrimenti impeccabile di Giorgia Meloni potrebbe arrivare da sinistra. Lo scorso fine settimana, durante le elezioni regionali, la Sardegna si è rivolta all'opposizione, con la deputata cinque stelle Alessandra Todt, sostenuta dal Partito Democratico, che ha vinto con un margine ristretto (45,4% contro 45%). .