“Il concetto di Brick diceva che l’egemonia economica degli Stati Uniti non sarebbe durata”

Jim O’Neill, ex capo economista di Goldman Sachs, è stato l’inventore nel 2001 dell’acronimo BRIC (per Brasile, Russia, India e Cina), scommettendo sull’ascesa di questi paesi emergenti. Nel 2011, il Sud Africa è stato aggiunto a questo gruppo, che in seguito è diventato BRICS. Vent’anni dopo, nota il successo altamente divergente di tre dei quattro paesi.

Nel 2001, come hai inventato il concetto di paesi BRICS?

Ero appena diventato capo economista di Goldman Sachs e non vedevo l’ora di lasciare il segno, di realizzare una visione. Sono rimasto molto colpito dal modo in cui la Cina ha giocato un ruolo nascosto nel porre fine alla crisi finanziaria asiatica del 1998. Poi, l’11 settembre 2001, il World Trade Center di New York è stato attaccato, quando ero in questi tour solo due giorni prima. Mi sono subito detto: l’egemonia americana sul mondo non durerà. Quindi il 30 novembre ho lanciato questo acronimo, BRIC.

Questo articolo è riservato ai nostri abbonati Leggi anche La Federal Reserve prevede una straordinaria ripresa economica negli Stati Uniti

Il concetto ha attirato subito l’attenzione?

affatto. Non è stato fino al 2003 che gli importava davvero. A quel tempo, è stato pubblicato uno studio che affermava che il prodotto interno lordo dei paesi BRICS supererà quello delle sei maggiori economie del mondo. [Etats-Unis, Japon, Allemagne, Royaume-Uni, France et Italie] entro il 2050. Ben presto si interessò internamente a Goldman Sachs. Poi il capo di Ikea mi ha detto che ha plasmato la sua strategia. Stephen Schwarzman [cofondateur de Blackstone, une société d’investissement] Poi ha consigliato di leggerlo. L’intera comunità imprenditoriale si è attenuta al concetto e ha raddoppiato.

READ  Sospensione del Patto di stabilità nel 2022 - EURACTIV.com

Durante il primo decennio, fino al 2010, le tue previsioni sembravano avverarsi…

Questi quattro paesi hanno già sperimentato una crescita che segue lo scenario previsto. Anche prima del 2010, il Brasile è diventato la settima economia mondiale e la Cina ha superato il Giappone… Anche il G-20 è diventato un gruppo molto importante, in gran parte perché il gruppo BRICS è cresciuto in modo esponenziale. Il primo “BRIC Summit” è stato organizzato in Russia nel 2009. Non potevo crederci: i leader mondiali hanno creato un club basato su un acronimo che ho inventato io! Ma dieci anni dopo, ci rendiamo conto che questo club è più simbolico di ogni altra cosa.

Questo articolo è riservato ai nostri abbonati Leggi anche Il grande balzo indietro nei paesi emergenti, che hanno dovuto adeguare la “strategia di integrazione nell’economia globale”

A vent’anni dall’invenzione dell’acronimo, le tue previsioni non sono più vere?

Sì e no. Brasile e Russia hanno già attraversato un decennio disastroso [depuis 2010]. Dopo un forte aumento, il peso del PIL nell’economia mondiale è tornato al suo livello nel 2001. Per questi due paesi, il percorso è stato di enormi montagne russe. Forse avrei dovuto chiamare il club “The Interims”. [Inde et Chine] O anche solo una “C”.

Hai il 50,59% di questo articolo da leggere. Il resto è solo per gli abbonati.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *