Italo-francese, il puzzle dell’intraducibile

Le traduzioni più semplici non fanno necessariamente riferimento alle stesse immagini. E tutto si fa duro quando una persona, uno stato, un momento non esiste nell’altro Paese, dalla Francia all’Italia.

Dall’aperitivo alaperitivo

Un bell’aperitivo, un veneziano aperitivo ; per il primo significherà pastis e socca, per il secondo spritz e patatine fritte. Le traduzioni più semplici non fanno necessariamente riferimento alle stesse immagini. E tutto si complica quando una persona, uno stato, un momento non esiste nell’altro paese e, naturalmente, la parola che li designa non ha una traduzione naturale. Li chiamiamo intraducibili e fanno impazzire dizionari che competono con approssimazioni improvvise, chiudono, ahi ahi, a volte rovinando l’essenziale.

Gli italiani non dormono

La lingua italiana impedisce il sonno al mattino. Si può girare intorno, è così che gli italiani non dormono altrimenti, è semplice, chiaro, logico come una torta, avrebbero una parola per dirlo. Quindi compensano con Dormire tardi (Dormire tardi). Sì, ma la tarda mattinata si fa anche ad occhi socchiusi, con un giornale, cruciverba o niente. E grasso, perché prima? Troppo burro sui toast, nelle sfoglie? Unto perché è denso e profondo, dicono i libri, nei morbidi piumini a quadretti di una camera da letto con carta da parati molto francese.
Ma c’è un sonno italiano più sottile. Inoltre, non è un sonno ma un lento e irresistibile appisolarsi dopo e davanti a un buon pasto. Suo’abbiocco. E lì, è la lingua francese che ne ignora l’uso. I dizionari danno una spinta o una spinta. Com’è piatto! O pisolino. Che è categorico perché il pisolino fa che, uno, ci allontaniamo, due, ci sdraiamo, tre, ci addormentiamo. Il significato primario del verbo abbioccarsi mostra una gallina che cova. Ilabbiocco quindi lasciarlo seduto, impacchettato, caldo su se stesso. Questo torpore richiede sole, graticcio, tagliatelle, chianti. Per quanto riguarda la memoria del cliché, un dipinto più popolare da parte italiana.

READ  Tutta l'Italia | Vittoria per Tim Merlier, tappa “tranquilla” per la squadra di Antoine Duchesne

La lingua italiana impedisce alle giovani donne dai 25 anni in su di rimanere single. Perché, se no, dove sono le Caterinette in Italia? potremmo dire zitella (vecchia zitella) ma è dura, secca e cattiva. La caterina è un diminutivo, è carina, è piacevole. Ci lanciamo in interpretazioni come giovane donna da sposare (giovane donna da sposare). Non lusinghiero e riduttivo. Inoltre, dov’è finito il fascino un po’ datato e bizzarro della signorina che indossa un cappello stravagante il giorno di una festa tutta sua il 25 novembre?

E quando sei una donna non molto giovane e sola, la lingua francese ti impedisce di scendere a dare da mangiare ai gatti di strada. Cerchiamo, cerchiamo, nessuna corrispondenza per gattara. Ora, sta venendo fuori qualcosa con Catwoman. Tranne che il gattara avere un gatto (gatto) direttamente nel suo nome e questo cambia tutto, sì sì, perché qui è quasi tanto catwoman quanto catwoman. Come gattonare, con il suo gatto dentro, che vuol dire camminare a quattro zampe senza far rumore come un gatto sui cuscinetti, cosa che neanche noi abbiamo e che, cqfd, nessuno a casa può fare. In ogni caso, passeggiare per Roma senza incontrare questa signora con i mistigris è impensabile, un po’ come la Bretagna senza Bigoudene.

Quelle intraducibili svelano lo spirito di un popolo, come monumenti, paesaggi, specialità gastronomiche.

La lingua italiana impedisce agli uomini affettuosi di prendersi troppo cura dei propri figli perché non dà una chioccia da nessuna parte. Si occupa di piccole approssimazioni con estensione come: padre che si prende cura dei suoi figli tempo pieno (tempo pieno). Lungo e triste perché papà chioccia suscita una tenerezza che non esiste in questo equivalente italiano né, diciamolo, in mamma chioccia, il suo alter ego femminile un tantino più soffocante. Troviamo anche meno chilometraggio con mammo, certo mamma, certo, ma è forzato, un po’ da cartone animato. E poi papà gallina ha un suono così bello, tutto in punch, pa-pa-pou, pam, poum, che spacca meravigliosamente!

READ  Covid, riapertura palestre, teatri e centri estetici a rischio a metà gennaio - Corriere.it

Al contrario, la lingua francese impedisce agli uomini affettuosi di aggrapparsi troppo alle sottane della madre. C’è un mammone nella stanza ? A rigor di termini, il figlio di una mamma, svalutante quanto il figlio di papà, il suo alter ego maschile, ma mammone, anche questo non è un complimento, suona un po’ come poltrone (poltrona) e minestrone e all’improvviso, all’orecchio italiano, fa un nido molto accogliente soprattutto, soprattutto per non andarsene.

Questo è tutto. Quelle intraducibili rivelano lo spirito di un popolo, come monumenti, paesaggi, specialità gastronomiche. Messi insieme, potremmo anche raccontare la storia di un mondo rigorosamente francese o italiano e sentire le persone e le usanze lì meglio che nelle pagine del nostro Michelin, Routard e Lonely planet. Allora, spritz, patatine fritte e bel hacco in attesa ?

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *