Italia: assente dal lavoro da 15 anni percependo lo stipendio

Un italiano ha abbandonato il suo posto in un ospedale nella città calabrese di Catanzaro (Italia) per 15 anni, mentre riceveva il suo stipendio. Un record nazionale.

La stampa italiana lo ha battezzato “Re degli Assenti”, riferisce Il guardiano. L’uomo, che ora ha 67 anni, non lavorava all’ospedale Pugliese Ciaccio dal 2005. Tuttavia, ha continuato a percepire la sua paga mensile per un totale di 538.000 euro.

Un bottino di cui il sessantenne deve ora rimpiangere. È accusato di abuso di potere, falso ed estorsione aggravata. Anche altri sei leader dell’establishment sono stati incriminati in relazione a questo caso. Si sospetta che abbiano svolto un ruolo essenziale in questo prolungato assenteismo. Una piaga nel settore pubblico italiano, affermano i media britannici.

Caccia all’assenteismo, una priorità del governo

Nel 2005 il principale imputato ha minacciato l’ex direttore dell’ospedale che voleva fare una denuncia disciplinare sul suo ripetuto assenteismo. Quando il direttore è andato in pensione, il suo successore e le risorse umane non si sono preoccupati di verificare se il dipendente fosse presente al lavoro.

L’assenteismo sul lavoro nel settore pubblico è una battaglia prioritaria dal 2016 in Italia. Diverse indagini hanno scoperto dipendenti che hanno truffato il sistema. L’installazione di telecamere di sorveglianza, in particolare, ha permesso alla polizia di scoprire diverse frodi.

Alcuni dipendenti sono stati sorpresi a fare il check-in sul posto di lavoro prima di fare shopping, incontrare amici o andare in canoa, ecc. Un altro esempio dato dalla polizia, quello di un vigile urbano sorpreso a indicare in mutande … prima di tornare a letto.

READ  Blasfemia, Dio e Calcio - Perché l'Italia lo fa? (3/3)

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *