Israele critica le Nazioni Unite per le sue decisioni “ossessive e di parte”

Mercoledì, Israele ha condannato fermamente il Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite per la sua serie di risoluzioni che condannano lo stato ebraico, descrivendo l’istituzione internazionale come “ossessiva, di parte e ostile a Israele”.

“Oggi, il Consiglio per i diritti umani ha dimostrato ancora una volta di essere un organismo anti-israeliano, discriminatorio e ipocrita”, ha twittato mercoledì sera il ministro degli Esteri Gabi Ashkenazi, dopo la dichiarazione. Martedì e mercoledì hanno adottato quattro risoluzioni critiche nei confronti di Israele.

“Ringrazio tutti i paesi che hanno scelto di non dare una mano in questo circo e nella sistematica discriminazione contro Israele”, ha detto Ashkenazi.

Ricevi la nostra edizione giornaliera gratuitamente via e-mail per non perdere le migliori notizie! Registrazione gratuita!

Uno di Decisioni Un gruppo di monitoraggio delle Nazioni Unite ha riferito che 19 paragrafi criticano le politiche di Israele, con un solo riferimento ai razzi lanciati contro lo stato ebraico. È stata adottata con 22 voti favorevoli, 6 contrari e 8 astensioni.

L’insediamento ebraico di Ma’aleh Ephraim in Cisgiordania, Valle del Giordano, 30 giugno 2020 (AP Photo / Oded Balilty, File)

Francia, Germania, Paesi Bassi e Italia hanno votato a favore della risoluzione, in cui si afferma di essere “profondamente preoccupato per le segnalazioni di gravi violazioni dei diritti umani e gravi violazioni dei diritti umani. Il diritto internazionale umanitario, compresi potenziali crimini di guerra e crimini contro l’umanità, in Territori palestinesi occupati, “inclusa Gerusalemme est”.

La risoluzione ha anche denunciato il “trattamento preferenziale” che Israele pratica nei confronti dei residenti degli insediamenti della Cisgiordania rispetto ai palestinesi.

“Il voto di ieri e di oggi su quattro risoluzioni anti-israeliane nel Consiglio è uno stigma morale per le Nazioni Unite e un’altra prova dell’ipocrisia di quei paesi che hanno sostenuto queste decisioni”, ha detto Lior in un tweet. Il portavoce del ministero degli Esteri di Hayat Amour.

READ  "La cancellazione del debito pubblico detenuto dalla Banca centrale europea sarà il primo segnale forte che l'Europa sta ripristinando il suo destino".

“Invece di lavorare per il progresso dei diritti umani in tutto il mondo, il Consiglio continua a impegnarsi con grave preoccupazione e unilateralmente contro Israele, come piattaforma politica nelle mani di Stati che non ignorano alcun diritto umano di sorta”, ha aggiunto un portavoce del Consiglio. .

Una delle altre tre decisioni adottate mercoledì riguarda la politica israeliana sulle alture del Golan – che fu strategicamente catturata dalla Siria durante la Guerra dei Sei Giorni del 1967 e formalmente annessa nel 1981, una decisione che non fu riconosciuta dalla maggioranza della comunità internazionale.

Il villaggio druso di Majdal Shams sulle alture del Golan, il 21 ottobre 2018 (JALAA MAREY / AFP)

Le altre due proposte riguardano il “diritto palestinese all’autodeterminazione” e la politica di insediamento israeliano.

Questi voti sono un’ulteriore prova che il consiglio è di parte e ha bisogno di una riforma fondamentale. Il ministero degli Esteri ha affermato che lo Stato di Israele continuerà a promuovere i suoi valori democratici ea proteggere i suoi interessi sulla scena internazionale.

UN Watch, l’organizzazione senza scopo di lucro con sede a Ginevra che monitora il presunto pregiudizio dell’organismo mondiale contro Israele, ha rilasciato una dichiarazione in cui condanna la risoluzione adottata martedì.

“Il fatto che questa decisione sia stata scritta testualmente dai palestinesi, con co-sponsor tra cui il Pakistan per conto dei paesi islamici e il regime venezuelano di Maduro, è evidente dal testo, con condanna diffusa delle azioni israeliane, senza menzionare Hillel Noir. , Direttore esecutivo della United Nations Watch, “Hamas o Jihad islamica o Autorità palestinese”.

Il Bahrein, un paese del Golfo che ha recentemente stabilito legami con Israele, era assente dal voto. I paesi che hanno votato contro la proposta sono stati Austria, Brasile, Bulgaria, Camerun, Malawi e Togo. Inoltre, UN Watch ha notato che l’India ha cambiato il suo voto da “sì” lo scorso anno all’astensione martedì. Anche Danimarca, Giappone, Messico, Polonia, Corea del Sud e Uruguay hanno votato a favore della risoluzione.

READ  Parigi e Roma uniscono e consolidano l'asse franco-italiano in Europa

Neuer ha detto: “Se la decisione fosse davvero collegata ai diritti umani dei palestinesi, non avrebbe completamente ignorato le violazioni dell’Autorità palestinese, comprese uccisioni arbitrarie, torture e detenzioni arbitrarie”.

Israele ha duramente criticato il Consiglio per i diritti umani nel corso degli anni, dicendo che si concentra in modo sproporzionato sullo stato ebraico ignorando gli abusi dei regimi e dei governi autoritari – e li accetta persino come membri.

Un punto permanente all’ordine del giorno del consiglio è il punto 7 (“La situazione dei diritti umani in Palestina e negli altri territori arabi occupati”) che, dalla sua adozione nel 2007, ha preso di mira Israele con la censura, una misura che nessun altro paese deve affrontare nel Nazioni Unite. .

Illustrazione: Delegati nella sala riunioni del Consiglio dei diritti umani presso la sede europea delle Nazioni Unite a Ginevra, Svizzera, 2 giugno 2009 (AP Photo / Keystone / Salvatore Di Nolfi)

L’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump si è dimesso dal consiglio di amministrazione nel 2018 a causa del suo interesse sproporzionato per Israele e perché non era riuscito a soddisfare la lunga lista di riforme richieste da Nikki Haley, l’allora ambasciatore degli Stati Uniti alle Nazioni Unite.

Gli Stati Uniti hanno detto che sarebbero tornati al consiglio sotto la nuova amministrazione Biden, ma hanno sottolineato che era “imperfetto e deve essere riparato”.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *