In Italia è stata aperta un’indagine dopo una denuncia per maltrattamenti di ginnasti

Le autorità sportive italiane stanno seguendo da vicino un’indagine su possibili maltrattamenti di giovani atleti, a seguito di una denuncia presentata a Brescia dalla madre delle ginnaste ritmiche (GRS).

Le medaglie sono una questione di orgoglio nazionale, ma nessuna medaglia può compensare un comportamento inappropriato Lo ha detto all’ANSA Andrea Abode, ministro dello sport italiano. Ha inoltre incontrato Giovanni Malago, Presidente del Comitato Olimpico Italiano, e Gerardo Ticci, Presidente della Federazione Nazionale Ginnastica.

Si dice che il suddetto maltrattamento sia la pressione psicologica esercitata sulle ginnaste riguardo alle loro abitudini alimentari e al mantenimento di un peso stabile. Questo fa eco alle parole di Nina Corradini citate lo scorso fine settimana nella vita di tutti i giorni La Repubblica. Aveva annunciato di aver lasciato la selezione nazionale del GRS, un anno fa, dopo essere stata maltrattata, a causa della sua dieta.

“L’atleta viene prima”

Gerardo Ticchi, Presidente della Federazione Italiana

Il nostro sport è giovane, la maggior parte dei nostri membri ha meno di 18 anni e dobbiamo prenderci cura in modo particolare della loro cura.Lo ha detto Gerardo Teke durante una conferenza stampa. L’atleta viene prima di tutto e lo rispettiamo pienamente. L’anno scorso, alle Olimpiadi di Tokyo, l’Italia ha vinto la medaglia di bronzo nella competizione a squadre GRS. E lo scorso settembre ha vinto sei titoli mondiali a Sofia.

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.