il Nord Italia è più colpito del Sud

il Nord Italia è più colpito del Sud

Il riscaldamento globale non sta colpendo l’Italia in modo uniforme. Colpisce maggiormente il Nord della Botte, dove le temperature sono aumentate di due gradi dal 2010, passando da 13,1° a 15,1° nei capoluoghi di ogni provincia.

L'incremento medio è leggermente inferiore al Centro del Paese (1,8° in 13 anni) e ancora più basso nei centri urbani del Sud della Penisola.
Il dato nasce dall'elaborazione delle temperature medie annuali calcolate dalle registrazioni meteorologiche di 3bmeteo in 112 città, e analizzate dall'Istituto ufficio ricerche Il Sole 24 Ore.

Le differenze nell’impatto del riscaldamento globale sono dovute a diversi fenomeni, a cominciare da quello della posizione geografica delle città. Infatti, quelle situate vicino al mare beneficiano naturalmente dei venti che spazzano via il caldo. Inoltre, lo scioglimento dei ghiacci delle Alpi sta alimentando l’innalzamento delle temperature al Nord, rispetto ad altre regioni della Penisola, spiega il Sole 24 Ore nella sua analisi.

Le città italiane più colpite dall’aumento delle temperature

È una città lombarda quella che ha visto aumentare di più le sue temperature: Varese, con un aumento di 2,7°C. A Terni, in Umbria, le temperature sono aumentate di 2,35°C; a Torino di 2,32°C e a Cuneo anche in Piemonte di 2,27°C. In Emilia-Romagna le temperature sono aumentate sensibilmente anche a Parma, di 2,24°C.
Nelle città del Sud e in riva al mare, tuttavia, gli aumenti di temperatura sono stati più contenuti: 0,1°C a Siracusa e 0,4°C a Messina in Sicilia e 0,5°C a Catanzaro (Calabria).
E la tendenza al rialzo si conferma già per i primi mesi dell'anno. Secondo il Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) di Bologna, l’inverno del 2024 è stato il più caldo mai registrato in Italia, con una temperatura media superiore di 2,19 gradi rispetto al periodo 1991-2020.

READ  Giro. Giro d'Italia - Thibaut Pinot: "Il Tour de France, voglio esserci"

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *