Covid, la nuova variante “inglese” può rendere inefficaci i vaccini? – Corriere.it

La variante “inglese” del coronavirus sembra lanciare una nuova tessera di pessimismo su questo travagliato 2020. Sarà più letale? Renderà inefficaci i vaccini che stiamo già utilizzando? Per ora non abbiamo una risposta definitiva a queste domande, sappiamo solo che la mutazione potrebbe essere più altamente contagiosa e questa è già una cattiva notizia. Ma facciamo un passo indietro: il 14 dicembre Il ministro della sanità britannico Matt Hancock annuncia: “È stata identificata una nuova variante del coronavirus che potrebbe essere associato alla sua più rapida diffusione ». I casi sembravano essere per lo più localizzati nel sud dell’Inghilterra. Il 19 dicembre, in conferenza stampa congiunta, il premier Boris Johnson e Chris Whitty, capo dell’Autorità sanitaria, afferma che non ci sono prove che il virus mutato possa essere più letale o rendere i vaccini meno efficaci. Tuttavia, il premier annuncia un duro blocco per la capitale e le contee limitrofe, perché il rischio di ammalarsi è in aumento esponenziale. Misure più restrittive per il periodo natalizio sono state decise anche in Galles e Scozia.

Il ceppo è apparso a settembre

La “bomba” è esplosa, insieme alla paura, ma bisogna stare con i piedi per terra e fermarsi a quello che sappiamo per certo. Secondo le prime osservazioni, la nuova variante potrebbe avere una capacità trasmissiva superiore del 70% a quella attualmente in circolazione. Ma gli studi sono in corso (qui un’analisi pubblicata in preprint su BioRxiv di Ravi Gupta, professore all’Università di Cambridge, che ha isolato la variante insieme al suo gruppo di ricerca) e si svolgono in piena collaborazione con le autorità sanitarie internazionali, a cominciare dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS). «Siamo in stretto contatto con i funzionari britannici sulla variante del virus – si legge nel profilo Twitter dell’OMS -. Continueranno a condividere informazioni e risultati dalle loro analisi e studi in corso. Aggiorneremo gli Stati membri e il pubblico man mano che apprenderemo di più sulle caratteristiche di questa variante e sulle eventuali implicazioni. ‘ La nuova varietà di Sars-Cov-2 sarebbe apparsa a metà settembre a Londra e nel Kent e in poco più di due mesi divenne dominante nella capitale inglese. Il 9 dicembre la variante era presente nel 62% dei casi a Londra, nel 59% nell’Inghilterra orientale e nel 43% nel sud-est, secondo Patrick Vallance, capo dei consulenti scientifici del governo. “I virus sono in costante mutamento. Questa è una particolare costellazione di variazioni che consideriamo importante – ha spiegato Vallance -, pensiamo possa essere presente in altri paesi, ma nel Regno Unito c’è una concentrazione. Potrebbe aver avuto origine qui, non lo sappiamo per certo. ‘ Nel frattempo, Italia, Paesi Bassi e Belgio hanno deciso di vietare tutti i voli dal Regno Unito. Altri paesi, tra cui Francia e Germania, stanno prendendo in considerazione il blocco dei voli.

READ  Covid, Papa Francesco: "Il vaccino è una luce di speranza se è a disposizione di tutti"

Efficienza replicativa

Carlo Federico Perno

“Quella” inglese “non è la prima mutazione del coronavirus a cui stiamo assistendo – sottolinea al Corriere Carlo Federico Perno, direttore dell’Unità di Microbiologia dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma -. Pensiamo al «D614G», apparso a marzo anche in Italia e da giugno è diventato dominante in tutto il mondo. Sono state descritte anche altre varianti, in Sud Africa e in Estremo Oriente. Tuttavia, sappiamo che Sars-CoV-2 è un virus abbastanza stabile (come dimostrato da un lavoro su cui abbiamo pubblicato Natura), può cambiare ma solo all’interno di un “recinto” ben definito. Al contrario, per i virus HIV e HCV non è stato ancora possibile sviluppare un vaccino, poiché hanno una capacità di mutazione illimitata ». La stragrande maggioranza delle variazioni emanate dal coronavirus (rilevanti per la capacità di replicazione virale) riguarda la proteina picco, grazie al quale si lega alle cellule umane tramite il recettore ACE2. “Il virus cerca di sfuggire all’attacco del nostro sistema immunitario, creando varianti” invisibili “degli anticorpi – prosegue Perno -, per questo deve agire sul picco. L’obiettivo finale, comune a tutti i virus, è migliorare la loro efficienza replicativa ».

Accelera le vaccinazioni

La domanda che molti si stanno facendo in questo momento è: i vaccini anti-Covid sono efficaci anche contro il nuovo ceppo? “La comparsa della mutazione (denominata VUI-202012/01, ed) dovrebbe portare a un’accelerazione delle campagne di vaccinazione, accompagnato da studi sulla produzione di anticorpi a seguito della somministrazione delle dosi prescritte – afferma Perno -. E ‘possibile studiare l’efficacia dei vaccini sulla variante anche in laboratorio, attraverso i cosiddetti “test neutralizzanti”, ma credo che in questo momento sia più utile puntare sui programmi di vaccinazione, quindi verificare se gli anticorpi che il corpo produce sono protettivi. Ne possiamo avere la prova osservando se i soggetti vaccinati saranno infettati dal nuovo ceppo di Sars-CoV-2: se ciò accadrà ci troveremo di fronte a brutte notizie. Per ora, la variante “inglese” coesiste con quella che conoscevamo e non è diventata predominante, ma questo potrebbe accadere in futuro: abbiamo ancora la possibilità di fermarlo con misure restrittive e, speriamo, anche con i vaccini ».

READ  Crisi di governo, Conte alla Camera: il no definitivo a Renzi e il passaggio alla legge elettorale
Infezioni asintomatiche

“Sono già state individuate una dozzina di varianti, ci aspettavamo che prima o poi ne sarebbe iniziata una a circolare – aggiunge Fabrizio Pregliasco, virologo dell’Università degli Studi di Milano e direttore sanitario dell’Istituto Ortopedico Galeazzi, in un’intervista aHa agito -. Le varianti fanno parte dell’adattamento del virus all’ospite, questo ceppo ha trovato un meccanismo di aggressione più efficace. Ha una maggiore contagiosità e quindi una maggiore capacità diffusiva e questo è ciò che preoccupa, ma non sorprende. La capacità infettiva è la stessa ». L’impatto del nuovo ceppo sul vaccino? “È prematuro pensare che possa avere un effetto negativo sulla vaccinazione – spiega l’esperto -. Dobbiamo vedere dove sono esattamente le variazioni genetiche e come influenzano gli anticorpi. Questi virus si replicano sistematicamente, non correggono gli errori di replica che potrebbero essere una caratteristica vantaggiosa. La particolarità del virus, anche di questo mutato, che lo rende perfido, sta nel fatto che la maggior parte delle infezioni è inapparente. Va però notato che, rispetto al passato, i nostri laboratori hanno una grande capacità di monitorare le variazioni e la tempistica delle informazioni è molto più veloce, all’avanguardia ».

La proteina «spike»

È anche ottimista Giovanni Maga, direttore dell’Istituto di genetica molecolare del Consiglio nazionale delle ricerche. “Dovremo aspettare i risultati dei test scientifici, ma questo lo sappiamo i vaccini contengono l’intera proteina picco, che quando entra nel nostro corpo viene fatto a pezzi: ognuno di loro può lavorare per indurre la produzione di anticorpi. È quindi molto improbabile che modifiche in una singola porzione della proteina possano causare una resistenza completa ai vaccini. Non c’è nulla di sorprendente nell’aver trovato una variante, non è la prima e non ci sono prove che questa sia peggio. – ha aggiunto Maga -. Si ritiene altamente improbabile che il vaccino abbia difficoltà a indurre una risposta protettiva, proprio perché utilizza una proteina che ha regioni molto ben conservate che non cambiano. Quindi nessun allarme. “

READ  Anche per questo la Borsa di Milano è esplosa al rialzo

20 dicembre 2020 (modifica il 20 dicembre 2020 | 14:57)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *