Il mondo dello sport americano si rallegra per l’uscita di Griner da parte della Russia

Rabat: la sua doppietta contro il Portogallo nella Coppa del Mondo del 1986 in Messico ha spinto il Marocco al secondo turno.Selecao in casa: Abderrazak Khairy crede in un altro risultato per gli Atlas Lions contro la squadra di Cristiano Ronaldo sabato nei quarti di finale del torneo. Mondiali in Qatar.

“Di fronte al Portogallo, il Marocco è in grado di sorprendere”, prevede l’ex nazionale marocchino, principale artefice della sorprendente vittoria sul Portogallo (3-1) 36 anni fa.

“Il compito non sarà facile, ma ci credo”, ha detto Khairy, 60 anni, in un’intervista telefonica con Agence France-Presse a Rabat, dove lavora come consulente per un canale arabo.

L’11 giugno 1986 è salito allo status di campionato dopo la crocifissione portoghese segnando due gol nell’ultima partita della fase a gironi.

Una vittoria storica che ha permesso al Marocco di diventare la prima squadra africana e araba a raggiungere gli ottavi di finale del Mondiale. Se gli uomini di Walid Regragui vinceranno sabato, gli Atlas Lions diventeranno la prima squadra africana a raggiungere le semifinali della Coppa del Mondo.

“Dopo i pareggi contro Polonia e Inghilterra, la pressione era al culmine”, ricorda Khairy, che giocava con il numero 17.

«Il Portogallo era enorme, ma noi portavamo le speranze della gente di un continente e dell’intero mondo arabo», testimonia l’ex di sinistra.

“Mentalmente non è stato facile, ma volevamo dare tutto”.

“piacere indescrivibile”

Khairi ha aperto le marcature al 19′ e ha raddoppiato dopo appena otto minuti, prima che Abdelkarim Meri, soprannominato Karimao, segnasse il terzo gol al 62′.La Seleçao aveva salvato la vittoria all’80’ per mano di Diamantino Miranda.

READ  Mons. Cuna, Ambasciatore di El Salvador, Mons. Campisi, nuovo consigliere della Segreteria di Stato

Questa impresa, ancora viva nella leggenda del calcio marocchino, è rievocata oggi dai tifosi che sognano un’altra vittoria sabato, dopo aver visto i Lions eliminare la Spagna ai calci di rigore martedì negli ottavi di finale.

“Quando ho segnato i due gol, la mia gioia è stata indescrivibile. Sono gli stessi giocatori che abbiamo visto in tv, che siamo riusciti a sconfiggere”, ricorda ancora l’ex icona dell’esercito del Rabat, il club marocchino dell’esercito che era diventato un allenatore.

“Quando ne parlo, istintivamente vengo sopraffatto da un’enorme marea di sentimenti. I ricordi sono intatti, come se fosse ieri”, sussurra.

Dopo questa impresa contro i portoghesi, tutto il Marocco era euforico come lo era dopo la vittoria di martedì contro La Roja.

“Nessuno credeva in noi, ma noi sì!” Khairi sorride con orgoglio, molti anni dopo.

Il Marocco, guidato dal brasiliano Jose Faria, si inchinerebbe poi alla Germania nel secondo turno in Messico, con una punizione di Lothar Matthaus all’88’.

“per quanto possibile”

Nonostante la sconfitta, i Lions sono usciti dalla competizione a testa alta.

“Abbiamo conquistato l’amore del pubblico e, soprattutto, abbiamo aperto la strada a una maggiore rappresentanza dei paesi africani ai Mondiali”, si rallegra Abdel-Razzak Khairi.

Al successivo Mondiale, in Italia, il Camerun ha a sua volta fatto la storia essendo la prima squadra africana a raggiungere i quarti di finale, davanti al Senegal nel 2002.

Nel 2010, il Ghana non è riuscito a raggiungere le semifinali in una partita epica e controversa contro l’Uruguay.

“Nel calcio non c’è niente di impossibile, questa è la magia di questo sport. E oggi la selezione marocchina lo dimostra”, avverte l’ex attaccante marocchino.

READ  "Il concetto di Brick diceva che l'egemonia economica degli Stati Uniti non sarebbe durata"

“Certamente questa squadra marocchina è diversa (dalla nostra) perché il calcio è cresciuto molto in 36 anni, ma la sua costanza è la tenacia e la voglia di rappresentare al meglio il proprio Paese”, secondo la sua analisi, “e i giocatori lo fanno meravigliosamente”.

Ultimo fattore decisivo, Ansar: “Suonare in un paese arabo con la presenza costante del pubblico marocchino è una benedizione”, ammette.

“Spero che vadano il più lontano possibile!”

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.