A Parigi, il volume delle vendite al dettaglio cala come mai prima in Francia nel 2021

Scritto da Alexander J. Foto di My B. Pubblicato il 24 luglio 2021 alle 16:58 Aggiornato il 24 luglio 2021 alle 16:59.

Secondo un recente studio dell’International Trade Alliance, il giro d’affari dei negozi parigini fa fatica a trovare colore dopo che è passata la crisi sanitaria, con un calo del -21% rispetto al 2019. In Francia qui riprende l’attività commerciale.

Difficile da tenere a Commercio per me Parigi. Tra scioperi, ripetute manifestazioni e restrizioni causate dall’emergenza sanitaria, è stato volume d’affari A partire dal mercanti In caduta libera nella capitale. Secondo un recente studio condotto dadu Trade / Retail Int. Alliance Inoltrato da LSA Nel settore dell’abbigliamento – è considerato un rappresentante di dinamismo aziendale in un Parigi– il il fatturato crolla del -21% Nel 2021 rispetto al 2019.

Soprattutto, la situazione attuale delle aziende parigine sembra più complessa che altrove in Francia. Sulla scala dell’Ile-de-France, questa diminuzione rappresenta -8% di Dati di vendita. In Francia, la ripresa dell’attività commerciale sembra mitigare il calo delle entrate nel 2021 rispetto al periodo precedente la crisi sanitaria, con un calo di solo -1%. In questo senso, il presidente dell’Unione dei commercianti e degli artigiani di Parigi, Thierry Veron, è preoccupato per la situazione nei poli Novità self-service. “La pubblicazione dei dati relativi alla scomparsa di 1.200 aziende a Parigi a seguito delle successive crisi vissute dai commercianti (gilet gialli, scioperi) è stato un primo segnale di avvertimento”, ricorda il regista.

Inoltre, il presidente della federazione avverte di nuovi pericoli a cui potresti essere esposto Negozi di Parigi E faccia. “D’ora in poi, i mercanti dovettero vedersela con una Parigi deserta da turisti internazionali e francesi. Ma, peggio ancora, i residenti dell’Ile-de-France, che costituivano un gran numero di clienti, evitano anche la capitale, diventata una frustrazione a causa delle nuove politiche di mobilità”, lui spiega. Prima di puntare il dito contro la politica di Anne Hidalgo e della sua squadra municipaleفريق. “Quando vediamo che non c’è ripresa degli affari a Parigi, a differenza di altre città in Francia, ci diciamo che c’è necessariamente un problema di politica pubblica con un dirigente parigino che assorda la sofferenza dei commercianti”.

e ‘ovvio che diminuzione del fatturato Non è la stessa cosa a seconda del circuito. Nei quartieri dell’Opera e del Boulevard Haussmann o degli Champs-Élysées, l’assenza di turisti ha avuto l’effetto di un’esplosione poiché le entrate sono diminuite del 39%. Stesso effetto nel centro di Parigi, Saint-Germain e Saint-Michel, con un calo del 28%. Soffrono anche rue Rivoli, nel Forum des Halles (-21%) e nel Marais (-25%).

READ  La produzione industriale ricomincia a diminuire a marzo

Oltre alle zone turistiche, ci sono anche quartieri frequentati da residenti dell’Ile-de-France che hanno frequenti crisi. Nei centri commerciali come Beaugrenelle o Italie 2 il volume delle vendite è diminuito del -25%. “ilLe associazioni richiedono lo sviluppo di un piano di rilancio che riporti Parigi alla sua attrattiva perduta e che integri un ambiente di pulizia e sicurezza”, Allarme direttore.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *