Il Cremlino accusa Washington di essere dietro un presunto attacco di droni

Il Cremlino accusa Washington di essere dietro un presunto attacco di droni

Giovedì la Russia ha accusato gli Stati Uniti di aver ordinato un presunto attacco di droni al Cremlino il giorno prima di incolpare l’Ucraina, pur ammettendo che stava affrontando un’ondata “senza precedenti” di “sabotaggio” sul suo territorio.

• Leggi anche: Immagini | Attacco di droni a un deposito di petrolio in Crimea

• Leggi anche: Il Cremlino accusa Kiev di aver tentato di assassinare Putin con i droni

• Leggi anche: Russia: drone “ucraino” si schianta vicino a Mosca

Mercoledì, Mosca ha affermato di aver intercettato due droni ucraini contro il Cremlino, condannando il tentativo di assassinare il presidente Vladimir Putin. Kiev ha negato qualsiasi coinvolgimento e Washington ha messo in dubbio le accuse russe.

Gli sforzi di Kiev e Washington per negare la responsabilità (del presunto attacco) sono del tutto assurdi. Le decisioni su tali attacchi non vengono prese a Kiev, ma a Washington. Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha dichiarato giovedì che Kiev sta facendo solo ciò che le è stato richiesto.

“Washington dovrebbe capire che lo sappiamo”, ha detto ai giornalisti.

Il signor Peskov ha anche detto che giovedì il signor Putin sta lavorando all’interno del Cremlino, dove avrà “un’importante discussione con il ministro dello Sviluppo economico”.

Peskov ha sottolineato che dopo la presunta incursione di droni nel cuore di Mosca, la prima dall’inizio del conflitto in Ucraina nel febbraio 2022, le misure di sicurezza sarebbero state rafforzate.

“Tutto questo, ovviamente, sarà rafforzato, e tutto è già stato rafforzato nel corso dei preparativi per la parata militare” il 9 maggio, quando la Russia celebra la sua vittoria sulla Germania nazista con grande clamore, inclusa una parata nella Piazza Rossa di Mosca Square, ha detto un portavoce del Cremlino.

READ  India | Un parrucchiere deve pagare $ 340.000 per un taglio di capelli fallito

Ha aggiunto che gli “specialisti” stavano “effettuando analisi approfondite” per capire quale potesse essere stato il presunto attacco di droni.

La capitale russa è a 500 chilometri dal confine ucraino e il Cremlino è in una zona molto sicura. Le accuse russe su un presunto attacco di droni ucraini hanno sorpreso molti analisti.

Mercoledì Kiev ha negato qualsiasi coinvolgimento nell’incidente, accusando la Russia di “orchestrarlo” per giustificare una possibile escalation del conflitto in futuro.

L’attacco, riportato dal Cremlino, arriva mentre negli ultimi giorni sul suolo russo si sono moltiplicati attacchi di droni e attentati di sabotaggio.

“Gli atti di terrore e di sabotaggio da parte delle forze armate ucraine stanno assumendo una portata senza precedenti”, ha dichiarato giovedì il ministero degli Esteri russo.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *