Auto americane in missione per rilevare la guida in stato di ebbrezza

Le auto negli Stati Uniti potrebbero presto rifiutarsi di guidare se il conducente è ubriaco, grazie a sensori in grado di rilevare l’alcol nell’alito o attraverso la pelle. Ma queste tecnologie sfidano i difensori della privacy e delle libertà.

Il presidente Joe Biden questa settimana ha firmato una legge che obbligherebbe le case automobilistiche a incorporare tali strumenti nei prossimi anni.

In un paese dove la guida in stato di ebbrezza uccide più di 10.000 persone ogni anno e dove il tasso alcolemico consentito è in media più alto di molti altri paesi occidentali, la nuova normativa sta suscitando molto entusiasmo.

“Piango di lacrime di gioia”, ha risposto Alex Otti, presidente di MADD, un’organizzazione non governativa che vede la legge come un modo per salvare migliaia di vite. “Questo è l’inizio della fine della guida in stato di ebbrezza”.

Ma il testo solleva anche delle domande: cosa accadrà se l’auto commette un errore e si rifiuta di partire? È probabile che i veicoli diventino testimoni contro il loro proprietario in caso di causa?

Le autorità statunitensi hanno tre anni rinnovabili per esprimere questi problemi.

La tecnologia è quasi pronta. I ricercatori hanno sviluppato sensori che assorbono e testano il respiro del conducente.

scrittore spia

Hanno anche sviluppato uno scanner integrato con il pulsante di avviamento del motore, che misura il livello di alcol nei vasi sanguigni sotto la pelle delle dita, utilizzando la luce a infrarossi.

Queste invenzioni sono state sviluppate attraverso una collaborazione tra l’Associazione dei produttori di automobili per la sicurezza stradale (ACTS) e le autorità competenti.

Saranno integrati sistemi antifrode per impedire l’avvio di un veicolo se il livello di alcol supera il limite dello 0,08%, in vigore nella maggior parte degli stati statunitensi, ha spiegato Robert Strasberger, presidente dell’ACTS.

READ  Nomina negli affari esteri: "Buon inizio, va bene" dice Melanie Jolie

“Tutti emettiamo anidride carbonica quando respiriamo, (e il sistema) sa come rilevare se il campione proviene dal conducente e non da qualche altra parte”, ha detto all’AFP.

Per quanto riguarda il sensore di funzionamento digitale, è collegato a un circuito tra il sedile e il computer di bordo: “Se il passeggero preme il pulsante, il circuito non funziona e la misurazione non viene eseguita”, spiega Strasberger.

Questi sono considerati dispositivi “passivi”, in contrasto con i dispositivi esistenti, che richiedono un’azione da parte dei conduttori, come soffiare il tubo prima che possa girare.

Questo tipo di etilometro a bordo del veicolo è obbligatorio in alcune giurisdizioni per una condanna per guida alterata.

“Incostituzionale”

Alcuni esperti supportano queste tecniche, purché siano adeguatamente regolamentate, ma altri sottolineano potenziali rischi e violazioni.

Laura Perrotta, presidente dell’American Highway Users Association, pensa che questi sensori siano ottimi se funzionano correttamente.

“Immagina che qualcuno abbia preso il collutorio e non riesca ad avviare la macchina o che il sistema non rilevi che qualcuno ha bevuto troppi drink”, dice. “Potrebbe essere un vero problema”.

Per i difensori delle libertà individuali la questione non è tecnica ma legale.

“È completamente incostituzionale che le nostre auto ci controllino per conto del governo”, ha protestato Albert Fox Kahn, fondatore dell’ONG Surveillance Technology Monitoring Project.

“Non è meno legittimo che se il governo costringesse gli operatori telefonici a installare microfoni nascosti in tutte le case per garantire che nessun crimine venga commesso in futuro”, ha aggiunto.

Robert Strasberger ha sostenuto che altre tecnologie che raccolgono informazioni nelle auto sono già regolamentate e la polizia ha bisogno di un mandato per accedervi.

READ  Legge controversa sul voto | Il governo Biden fa causa al Texas

Ma la decisione finale, dice, spetta a “produttori o legislatori, che non li lasceranno scegliere”.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *