Il boss italiano di Haas Günther Steiner è diventato una star grazie a Netflix

Il boss italiano di Haas Günther Steiner è diventato una star grazie a Netflix

13:51, 8 maggio 2022

Sul ring, telecamere e microfoni seguono ovunque Christian Horner e Toto Wolff. Ma i dirigenti della Red Bull Racing e della Mercedes riposano in pace quando compare Gunther Steiner. Il capo del Team USA Haas ha la parola gentile e facile e un sorriso scaltro che non lascia mai la sua faccia. Two Features of Providence per i produttori di Drive to Survive, la serie di documentari che ha ampliato il pubblico della Formula 1 dal 2019. “Cosa posso fare se Netflix vuole seguirmi quando faccio il mio lavoro o faccio escursioni in montagna?”finge di interrogarsi su questo 57enne italiano, con un accento che allude alla sua nascita in Alto Adige, vicino al confine con l’Austria.

L’accampamento di uno dei personaggi principali dello spettacolo non gli costa nessuna fatica, “Lontano da pochi secondi ogni volta che devi aggiustare un microfono”. Non ha visto nemmeno una puntata, ci ha confermato due settimane fa a Imola (Italia), perché non vuole L’immagine cambia [sa] modo di essere”. Sa di essere popolare perché è riconosciuto negli aeroporti ma non fa nulla per: “Chi mi guarda come un attore si sbaglia”. È un peccato per i suoi fan, che Gunther Steiner non vada a Hollywood… “Sono così brutto per quello” Definisce la sua solita buona indole.

Gunther Steiner è un veterano della Formula 1

Pensa prima di tutto che gli spettatori stiano (tornando) in F1 grazie a Netflix, una ricaduta di squadre che fino ad allora hanno ricevuto poca copertura mediatica, come la sua squadra. Ha sentito voci alzarsi contro le rivalità sintetiche create dalla serie, principalmente la voce del campione del mondo Max Verstappen. “Lo sceneggiatore sta cercando di creare trame che trattengano lo spettatore, e ha senso”, Spazza via, ricordando che le squadre dicono la loro prima di trasmettere e che i ribelli farebbero meglio ad esprimersi piuttosto che lamentarsi dopo davanti ad altri microfoni.

READ  Vela - Muore Jamain Carlotti, Campione del Mondo Junior di Surf 2018

Leggi anche – Gli Stati Uniti hanno sete di Formula 1

Gunther Steiner è un veterano della Formula 1. Niki Lauda, ​​allora direttore della Jaguar Racing, lo chiamò dalla sua parte nel 2001. Tuttavia, non è uno di quelli che pensano che fosse migliore di prima. “Lo sport si muove velocemente, quindi diventa permanente se ti rifiuti di fare lo stesso”. Fedele o troppo intelligente per mordere la mano che nutre le 10 squadre, accoglie favorevolmente l’acquisizione della F1 da parte degli americani di Liberty Media nel 2017. Senza di essa, “Non avremmo raggiunto l’attuale grado di popolarità”. Né il folle calendario che potrebbe presto lasciare il posto al 24° Gran Premio. “C’è pericolo di saturazione”, ha ammesso. D’altra parte, non l’avrebbe fatto “Non scommetti mai qualche anno fa che le masse avrebbero avuto un tale appetito.”

LEGGI ANCHE – Come il pilota canadese Nicolas Latifi è diventato il capro espiatorio della F1

In passato si è pentito solo di una cosa. “Vent’anni fa, avevo vent’anni di meno”Sotto lo sguardo sobrio di Dercom, che sembra abituato al ritornello, ride quest’uomo snello e dinamico. Steiner non ha perso tempo: se non avesse terminato gli studi di ingegneria, avrebbe diretto Fibreworks, un’azienda specializzata in compositi, che ha fondato nel 2009. “Sono un self-made man”Questo riassume Ibn Jazzar per chi “Nessuno dovrebbe aver paura di farsi un nome”. Compreso in F1. Dovremmo guardare solo al talento., è perfetta. Tuttavia, sa che il denaro è ancora il re: il pilota russo Nikita Mazepin ha guidato la Haas nel 2021 quando suo padre oligarca ha investito nella squadra. Due contratti Britannia sono stati risolti a marzo in seguito all’invasione dell’Ucraina.

READ  Antonio Conte non è più il benvenuto a Torino

Primi punti in diciotto mesi

In disastro ha convocato il regista Kevin Magnussen, vincitore tra il 2017 e il 2020. Dal suo primo Gran Premio, a Sakhir (Bahrain), il danese ha concluso quinto prodigio, eguagliando il suo miglior risultato, e permettendo ad Haas di raccogliere i suoi primi punti per diciotto a mese. La squadra guidata dalla Ferrari è una sorpresa ad inizio stagione. ” Niente è impossibile “esclama Gunther Steiner, aggiungendo in inglese e alzando la voce grossa: “Aspira a molto!” [Rêve en grand]»

Negli Stati Uniti, dove il suo team ha sede nella Carolina del Nord, l’italiano guida una Toyota Tundra, il pick-up XXL. A differenza della moglie Fiat 500 quando la coppia è in campagna. “Mi piace guidare veloce ma diventa difficile su strada”. In circuito quindi? “No. Non ci vado. Non ho mai avuto alcun talento, quindi farei danni e causerei lesioni. “

Ha visto il pericolo in prima persona in Bahrain nel novembre 2020, quando la monoposto di Romain Grosjean si è schiantata contro la ringhiera di sicurezza prima di prendere fuoco.. “Voglio solo ricordare il momento in cui Roman è saltato fuori dalla macchina”., cancella Gunther Steiner. Oggi incontrerà senza dubbio il francese, ora di base a Miami, in occasione del primo Gran Premio della Florida in assoluto (21:30, Canal+).

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *