i professionisti del libro rimproverano

Durante i primi tre anni della sua attuazione – su iniziativa di Matteo Renzi, allora Presidente del Consiglio dei Ministri – il Bonus Cultura aveva portato a un aumento della lettura tra i 18/21enni. Dal 46,8% al 54% della popolazione aveva quindi acquistato libri, grazie a questo portafoglio digitale.

I parlamentari chiudono il rubinetto

Ma l’ascesa al potere di Giorgia Meloni, figura dell’estrema destra italiana, sta provocando gravi sconvolgimenti. E gli editori, che beneficiano direttamente di questa misura, stanno cercando di convincere il presidente del Consiglio a riconsiderare i suoi piani. Con loro, l’intera interprofessione difende la 18App.

In una dichiarazione congiunta, i professionisti ribadiscono la necessità di un Bonus Cultura rivolto ai giovani italiani, senza distinzioni socio-economiche, contrariamente a quanto avrebbe in mente Giorgia Meloni. Quest’ultimo avrebbe davvero sentito correlare la donazione di 500 euro al reddito familiare, tramite l’Isee. È un indicatore della situazione economica equivalente, che consente di valutare la situazione economica delle famiglie tenendo conto del reddito, del patrimonio, ecc.

Se in linea di principio questo modello favorirebbe le famiglie più modeste, contribuirebbe a una discriminazione generale nel territorio. “Legare il Bonus Cultura al reddito ne toglie la dimensione universaleesclama il mondo dei libri. “Ciò ne snatura la natura, che è quella di incoraggiare i nuovi cittadini a partecipare attivamente alla vita culturale.»

Con il danno collaterale di incidere sui dati statistici avendo dimostrato che il suo utilizzo ha favorito l’acquisto e, si spera, la lettura di libri.

Rinunciare a una manna?

Dal punto di vista economico, questa misura ha giovato all’intera filiera editoriale del Bel Paese: l’emendamento recentemente presentato dalla maggioranza riassegnarebbe circa 230 milioni di euro ai settori dello spettacolo e, più in generale, al mondo della cultura. Che a livello globale annullano gli effetti positivi osservati dal 2016.

READ  La giustizia italiana si pronuncia a favore della Tunisia

Tuttavia, l’emendamento indica che i soldi, così dirottati, andrebbero ad abbondare in un fondo creato all’interno del Ministero della Cultura, consentendo ad esempio l’assunzione di 750 persone in diversi settori. Mentre in Francia, Spagna e Germania è stato introdotto (con modalità distinte) un Pass Cultura, il ministro della Cultura Dario Franceschini considera la sua scomparsa in Italia come “un taglio di bilancio assurdo“.

Per l’Italia, tra il 2016 e il 2022, si sono registrati per beneficiarne quasi 2,5 milioni di diciottenni, che rappresentano un valore di oltre 1,1 miliardi di euro in 7 anni.

Ricordiamo che in Francia i senatori avevano ha recentemente sollevato la questione, senza rinunciare al Pass Cultura. “Al 13 settembre 2022 si erano registrati 2,1 milioni di giovani e tramite il Pass erano state effettuate 14 milioni di prenotazioni di prodotti culturali, per un importo complessivo di 235 milioni di euro.“, hanno rilevato i parlamentari. Inoltre, sono preoccupati per l’accesso dei giovani senza scolarizzazione al Pass: solo il 3,7% degli utenti del Pass ha dichiarato di non avere alcuna scolarizzazione.

Crediti fotografici: ActuaLitté, CC BY SA 2.0

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.