i democratici presentano la richiesta – Corriere.it

Dal nostro corrispondente
Washington – I repubblicani costruiscono un muro. Ieri mattina hanno respinto la proposta dell’altoparlante democratico Nancy Pelosi: insieme chiediamo a Mike Pence di applicare il 25 ° emendamento alla Costituzione che consente la rimozione del presidente se “non è più in grado di svolgere le sue funzioni”. Il rifiuto dei conservatori ha riacceso uno scontro tra le due parti che si era allentato dopo l’assalto a Capitol Hill del 6 gennaio.

Il presidente ha usato parole molto dure: “La complicità dei repubblicani con Donald Trump mette in pericolo l’America”. A questo punto la mozione verrà messa ai voti, probabilmente oggi. Pence non è ancora arrivato. Secondo i media americani, il numero due della Casa Bianca sarebbe tormentato dai dubbi. È probabile che voglia vedere le prossime mosse di Donald Trump. Oggi il presidente terrà una riunione ad Alamo, cittadina a pochi chilometri da McAllen, al confine con il Texas. Un po ‘tutti hanno paura di un altro “spettacolo dell’orrore”: recriminazioni per elezioni “rubate” e così via. Tutto questo in un contesto di grande allarme in vista dell’inaugurazione della presidenza di Joe Biden, il prossimo 20 gennaio.

Altri 10.000 soldati della Guardia Nazionale, una guarnigione di zone di guerra, stanno arrivando a Washington. Pelosi ha fatto sapere che attenderà 24 ore per la risposta di Pence. Parallelamente, tuttavia, ha già avviato la procedura di impeachment. Lo metterà in votazione domani o giovedì, se il vicepresidente non agisce. Il testo è firmato da quasi tutti i deputati democratici, 210 su 222. È una risoluzione breve, quattro pagine. L’accusa è contenuta in un unico articolo: “Istigazione all’insurrezione”. Ecco i passaggi chiave. «Il 6 gennaio 2021 … il presidente Trump si è rivolto a una folla di suoi sostenitori politici. Qui ha ripetuto false affermazioni: “abbiamo vinto le elezioni e le abbiamo vinte per valanga”. Ha anche rilasciato dichiarazioni che hanno incoraggiato – con risultati evidenti – un’azione illegale contro il Campidoglio. Spinto dal presidente Trump, una massa di persone ha fatto breccia illegale nell’edificio, ferito membri della polizia, minacciato membri del Congresso e il vice presidente.

READ  Toro, Cairo non scarica Giampaolo. Il tecnico: "Non possiamo più sbagliare"

L’atto di impeachment esamina la lunga campagna di delegittimazione di Trump. I giornali menzionano, tra le altre cose, la telefonata al Segretario di Stato della Georgia, Brad Raffensperger. Pressioni indebite per sovvertire il risultato in quello stato: “Trovami i voti”. Conclusione pesante: «Con tutto questo, il presidente Trump ha seriamente danneggiato la sicurezza degli Stati Uniti, delle sue istituzioni e del suo governo. Ha minacciato l’integrità del sistema democratico, ha interferito con la transizione pacifica dei poteri … Ha quindi tradito la fiducia che ha come presidente, con evidenti danni al popolo degli Stati Uniti. La richiesta di impeachment passerà, perché basta la maggioranza semplice che è nelle mani dei progressisti. Ma non è ancora chiaro come procederà. I Democratici stanno discutendo se inoltrare immediatamente il dossier al Senato, o aspettare qualche mese per dare a Biden il tempo di avviare il suo governo. Ieri è stato lo stesso presidente eletto a suggerire un compromesso: il Senato potrebbe alternare le sedute dell’impeachment a quelle per ratificare le nomine dei suoi ministri. In ogni caso, spetta alla Camera Alta decidere se condannare Trump, rimuovendolo dalla Casa Bianca e impedendogli anche di candidarsi in futuro. Tuttavia, è necessario un quorum di due terzi. E al momento non c’è.

11 gennaio 2021 (modifica l’11 gennaio 2021 | 21:41)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Written By
More from Cosimo Fazio

solo tallone e punta. Lukaku … “

Antonio Conte, Allenatore dell’Inter, ha parlato ai microfoni di Sky Sport dopo...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *