Haiti | In mezzo alla crisi di legittimità, il governo vuole riformare la vita politica

(Port-au-Prince) Le autorità haitiane hanno emesso mercoledì una bozza di una nuova costituzione nella speranza di uscire dagli ostacoli politici che paralizzano il paese, un testo che rafforzerebbe i poteri del potere esecutivo in un momento in cui il presidente Juvenile Moise era sul sedile caldo.


Emily Barron
France Media

Per il 25 aprile è previsto un referendum costituzionale affinché il popolo approvi il testo.

La sua attuazione destabilizzerà la scena politica nel paese abolendo il Senato e abolendo la carica di primo ministro e sostituendolo con un vicepresidente nominato contemporaneamente al presidente, in un voto invece che in due sessioni di oggi.

L’obiettivo di tale riforma per il presidente è ridurre la paralisi politica ad ogni cambio di governo.

L’approvazione della politica generale del premier da parte del legislatore è stata infatti oggetto di lunghe trattative con i parlamentari e dei conseguenti ostacoli.

L’attuale costituzione, adottata nel 1987 dopo tre decenni di dittatura dal padre e dal figlio Duvalier, è stata criticata da tutte le parti per il suo rigore, ma il tempismo scelto da Juvenil Moss per coinvolgere il Paese in questa transizione politica non è ottimale in gli occhi della crescita. Critica rivolta a lui.

L’opposizione politica e un numero crescente di organizzazioni della società civile hanno ritenuto che il mandato del capo dello stato terminasse domenica, cosa che il presidente Moss si oppone.

Supporto logistico delle Nazioni Unite

Ad Haiti, il mandato presidenziale dura cinque anni e inizia il 7 febbraio dopo le elezioni.

Jovenel Moïse è stato dichiarato eletto al primo turno delle elezioni presidenziali tenutesi nell’ottobre 2015, ma il voto è stato annullato a causa di una frode.

Foto Andres Martinez-Cassares, Archivio Reuters

Juvenil Moyes

Annunciato il vincitore del secondo turno di elezioni riorganizzate un anno dopo, Moyes ha finalmente prestato giuramento il 7 febbraio 2017.

READ  Boeing | Il problema elettrico del 737 MAX è legato a un centinaio di dispositivi

Quindi i suoi sostenitori ritengono che il suo mandato sia iniziato solo in quella data e terminerà il 7 febbraio 2022.

Da parte sua l’opposizione ritiene che il mandato scada il 7 febbraio.

Il clero cattolico del Paese è ora entrato a far parte della lista delle entità della società civile per dichiararsi contrarie alla continua permanenza al potere di Juvenil Moss dopo domenica.

In risposta a una domanda delle autorità haitiane, l’Ufficio integrato delle Nazioni Unite ad Haiti (BINOH), da parte sua, ha affermato semplicemente di fornire “supporto tecnico, operativo e logistico” per le prossime elezioni, senza specificare se si riferisse alle presidenziali o elezioni legislative o referendum.

In un comunicato stampa pubblicato alla fine di gennaio, Pinouh ha fatto riferimento al Consiglio elettorale provvisorio in merito al programma.

Alcune voci si oppongono alla risposta delle Nazioni Unite.

Le Nazioni Unite sono consapevoli che le elezioni non possono essere organizzate in questo contesto di totale insicurezza? »Il sociologo haitiano Laennec Horbon è indignato?

Le Nazioni Unite si rendono conto della posta in gioco nelle varie proteste contro i rapimenti e le gang? »Insiste.

“Pianta nel timer”

Dall’autunno, Haiti ha assistito a un’impennata dei rapimenti a scopo di estorsione, che colpiscono indiscriminatamente la popolazione più ricca, la maggioranza dei quali vive al di sotto della soglia di povertà.

La polizia nazionale haitiana ha represso diverse manifestazioni pacifiche che si sono svolte dal giugno 2020 per denunciare l’insicurezza.

Di fronte a queste tensioni politiche e di sicurezza, la bozza del referendum costituzionale ha sollevato critiche anche nel campo di Jovinel Moss, perché la procedura scelta non sembrava rispettare le disposizioni dell’attuale costituzione.

READ  Perdita di peso: L'uso del plexiglass durerà a lungo?

Un testo del 1987 afferma che “qualsiasi consultazione popolare volta a modificare la costituzione tramite referendum è severamente vietata”.

I riformisti di oggi si concentrano sulla Legge fondamentale del paese, come viene spesso citata e violata dai politici haitiani.

Il Consiglio costituzionale, che avrebbe dovuto decidere la durata del mandato presidenziale, esiste sulla carta, ad esempio, come il consiglio elettorale permanente.

Per più di tre decenni, ogni presidente ha formato illegalmente consigli elettorali temporanei.

Le persone che sono salite al potere “non riescono a trascendere se stesse per proporre l’interesse pubblico, l’interesse pubblico: tutti cercano di emanare leggi per misurare i propri bisogni”, condanna il presidente dell’Ordine degli Avvocati di Haiti, Mr. .H Jack Letang.

L’avvocato conclude: “Questo è ciò che ci fa sopravvivere temporaneamente più di 30 anni dopo la fine della dittatura”.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *