Gli Stati Uniti effettuano attacchi di ritorsione in Iraq e Siria

Gli Stati Uniti effettuano attacchi di ritorsione in Iraq e Siria

Gli Stati Uniti hanno annunciato venerdì di aver effettuato “con successo” attacchi di ritorsione contro le forze d’élite iraniane e i gruppi filo-iraniani in Iraq e Siria, con Joe Biden che avverte che “continueranno”.

• Leggi anche: I resti dei soldati americani uccisi in Giordania ritornano negli Stati Uniti

• Leggi anche: La Casa Bianca sta valutando operazioni di ritorsione “multiple” dopo l'uccisione di tre soldati americani in Giordania

• Leggi anche: Soldati uccisi in Giordania: la risposta americana è diventata più chiara

Venerdì scorso, in una base nel nord-est degli Stati Uniti, il presidente degli Stati Uniti ha partecipato alla cerimonia ufficiale di restituzione dei corpi di tre soldati americani uccisi domenica in Giordania, in un attacco che Washington ha attribuito a gruppi sostenuti dall'Iran.

Due ore dopo la chiusura delle porte del camion dell'obitorio sulle tre bare ricoperte dalla bandiera americana, sono intervenuti i militari statunitensi.

La Casa Bianca ha affermato che l’operazione è durata circa trenta minuti ed è stata “un successo”.

Il Pentagono ha affermato che l’operazione ha mobilitato numerosi aerei da combattimento, compresi bombardieri a lungo raggio, e ha preso di mira più di 85 siti.

L'Osservatorio siriano per i diritti umani ha riferito che almeno 18 combattenti filo-iraniani sono stati uccisi nella Siria orientale.

Fonti della sicurezza hanno inoltre confermato all'Agence France-Presse il bombardamento di siti di fazioni armate fedeli all'Iran nell'Iraq occidentale, in particolare nel settore di Al-Qaim, situato al confine con la vicina Siria.

In una dichiarazione, il portavoce militare del primo ministro iracheno, Muhammad Shea Al-Sudani, ha criticato questi attacchi, affermando che costituiscono una “violazione della sovranità irachena”, esprimendo il timore di “gravi conseguenze per la sicurezza e la stabilità dell’Iraq e del paese”. la Regione.”

READ  Israele | Sette feriti nell'attacco a un autobus a Gerusalemme

“La nostra risposta è iniziata oggi. Continuerà secondo il programma e nei luoghi che decideremo”, ha detto Joe Biden.

“Gli Stati Uniti non vogliono il conflitto in Medio Oriente o in qualsiasi altra parte del mondo. Ma chi vuole farci del male lo sappia bene: se tocchi un americano, noi risponderemo”.

L’autorità esecutiva statunitense aveva precedentemente indicato che le azioni di ritorsione sarebbero state molteplici e distribuite nel tempo, contro obiettivi diversi.

Joe Biden, che sta facendo campagna per un secondo mandato, è stato sottoposto a forti pressioni per rispondere all’uccisione di tre soldati americani, uccisi in un attacco di droni in Giordania, vicino al confine siriano.

Le forze statunitensi di stanza in Iraq e Siria sono state oggetto di numerosi attacchi da parte di droni e missili da metà ottobre.

I corpi di William Jerome Rivers, Kennedy, Ladon Sanders e Breonna Alexandria Moffett, soldati dello stato americano della Georgia (sud), sono stati recuperati uno ad uno venerdì da un maestoso aereo da trasporto militare, dalla base di Dover (nord-est).

Joe Biden è rimasto immobile nel vento freddo, con la mano sul cuore e lo sguardo fisso davanti a sé, mentre i corpi passavano.

L'81enne democratico era accompagnato dalla moglie Jill Biden, dal segretario alla Difesa Lloyd Austin, dal capo di stato maggiore Charles Brown e da altri dignitari.

All'incontro erano presenti anche i familiari dei tre militari, lontano dalla stampa.

La cerimonia, organizzata al millimetro, durò una decina di minuti, nel più assoluto silenzio, interrotta solo da ordini diretti all'esercito.

Nello stesso luogo, Joe e Jill Biden avevano già assistito all'operazione di restituzione dei corpi dei soldati americani caduti durante un attacco all'aeroporto di Kabul il 26 agosto 2021, al momento del caotico ritiro dall'Afghanistan.

READ  Americano muore in un incidente di camion con motore a reazione

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *