Gli sport Worlds of Alpine Skiing: The Upside Down Blues, Foss-Solevaag intitolato Slalom

Cortina d’Ampezzo (Italia) – Il mondiale si è concluso con delusione per i francesi con il 21 ° posto di Clement Noel dopo un grosso errore e il settimo posto di Alexis Pintoro nello slalom di domenica a Cortina d’Ampezzo (Italia).

Estremamente regolare ma raramente brillante per diversi anni, il norvegese Sebastian Voss-Sullivag è diventato campione del mondo per la prima volta all’età di 29 anni, davanti all’austriaco Adrian Bertel (a 21/100) e all’altro norvegese, Henrik Kristoffersen (a 46 / 100).

Il mio piacere colpevole di metà pomeriggio, la torta aprashi, una piccola torta italiana, forma un leggero anello bicolore, un lato cioccolato e un lato naturale.

È come una stagione di slalom di Clément Nol, con due lati ben distinti: a volte fantastici (vittoria a Chamonix, due volte al secondo), a volte deludenti.

Domenica, il gioco è caduto dalla parte sbagliata. Dopo un promettente primo round (5 ° posto a 34/100 da Bertle), Clement Noel ha commesso ancora una volta un fallo interno devastante nei due terzi della pista, mentre era quasi in testa e poteva facilmente puntare al podio. ).

È un’altra delusione per il miglior slalom francese degli ultimi tre anni (sette vittorie), così veloce ma così friabile quest’inverno che la quarta gara si è conclusa con un errore fatale.

“Sono sempre gli stessi piccoli errori, possono venire da cose diverse. A volte, come a Chamonix, è un errore tecnico che faccio, lì sono stabile, mi sento bene e c’è una porta dove non faccio quello che è necessario. Non ho una spiegazione generale. “Commentò il reggimento depresso.

– “Ruminate bene” –

READ  Rinnovamento Alvaro Morata - DH Les Sports +

Alexis Pintorault, un po ‘strano, non dovrebbe vergognarsi di essere arrivato settimo in finale, come ha fatto dopo il primo round. Ma chi è salito due volte sul podio nello slalom di questo inverno può sperare di fare molto meglio senza una seconda manche visto che non ha trovato il ritmo (tempo 11).

Dopo un ottimo inizio per entrambi i mondi (terzo nella classe Super G, secondo nel gruppo combinato), il pattinatore di Courchevel non è stato assimilato dopo essere caduto fuori pista nel secondo round del Gigante venerdì, quando era sulla buona strada per vincere un primo torneo importante nel suo maggiore preferito.

“Il record di questi mondi è misto per me. Nelle mie collezioni (argento) e super J (bronzo), è stato fantastico; nel meandro destro. Ma l’unica area grigia è il Gigante dove ho voluto lottare per un medaglia d’oro (…) Ho riflettuto molto bene per un po ‘. Due giorni dopo essere stato abbandonato da gigante. Ho dormito male, ho pensato solo a questo. Ne abbiamo discusso con lo staff, e faremo in modo che questo fallimento è buono per me “, ha spiegato.

Pinturault non avrà tempo per pensarci: in cima alla classifica generale, la sua posizione e l’inseguimento della grande sfera di cristallo lo costringono a essere nuovamente in testa il prossimo fine settimana a Bansko (Bulgaria) per due grandi colossi.

I risultati della squadra francese si fermano quindi a cinque medaglie, titolo compreso, e possono essere letti in due modi.

Da un lato, è il migliore in termini di numero di medaglie dalla Val Gardena nel 1970 e include l’impressionante titolo di Gigante di Mathieu Faivre. D’altra parte, due delle cinque medaglie sono state vinte in parallelo, un sistema meno premuroso e nuovo nel programma, e le ragazze (tranne Worley, terza in parallelo) e il ritmo degli uomini sono stati deludenti.

READ  La prima recensione positiva di Roman Bardet

– Christophersen III –

Nonostante molte assenze per infortunio (Alexander Amodt Kilde, Lucas Bratten, Attlee Lee McGrath), i norvegesi hanno salvato il loro mondo domenica dopo il titolo a squadre di mercoledì.

Sebastian Voss-Solewage è stato premiato per la sua costanza con la diciannovesima gara consecutiva tra le prime 15 gare di slalom, secondo vincitore dopo aver aperto il suo record a gennaio a Flachau (Austria).

Rilassato nella neve salata di Cortina inondato dai raggi del sole, come il suo connazionale, Henrik Kristofferson ha conquistato una seconda medaglia mondiale (titolo gigante nel 2019) grazie al terzo posto.

Prima di lui, l’inaspettato Adrian Bertel ha aggiunto un altro livello alla sua traiettoria meteorica. Dopo essere stato selezionato nel 2018, ha iniziato la sua carriera nel gennaio 2020 solo a 23 anni, durante la stagione, e si è subito distinto finendo ottavo a Kitzbühel con un pettorale impossibile e poi terzo a Chamonix solo per la sua settima gara.

Un anno dopo, è stato vice campione del mondo, mantenendo i mobili per l’Austria dopo il fallimento del favorito di giornata, Marco Schwartz, che ha lasciato la pista.

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *