Come viene accettato dai dipendenti italiani, americani, cinesi e olandesi?

Molti di noi hanno scoperto di lavorare in remoto alcuni mesi fa. A volte le nuove abitudini sono molto utili, ma a volte sono un po ‘da incubo. In un’epoca in cui in Francia compare una terza reclusione, il lavoro a distanza è la norma ovunque nel mondo? I nostri inviati speciali hanno risposto in Italia, Paesi Bassi, Stati Uniti e Cina.

E l’Italia, Il telelavoro non ha solo seguaci. Va detto che i paesi dell’Europa meridionale sono meno abituati a lavorare da remoto rispetto ai paesi nordici, come ad esempio la Francia. Tuttavia, il numero di lavoratori a domicilio in Italia è aumentato di dieci volte nell’ultimo anno. Adesso sono due milioni. Ma per gli studenti, questo modus operandi non è unanime.

Secondo un sondaggio dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, lavorare a distanza è faticoso. Due terzi dei professori intervistati avvertono una profonda invasione della tecnologia nelle loro vite personali. Due terzi di loro avvertono anche tensione muscolare e il 61% subisce sbalzi d’umore. La metà degli insegnanti non pratica più sport. Il 53% cerca conforto nel cibo, ma l’84% è orgoglioso del proprio lavoro.

Tuttavia, la Banca d’Italia sottolinea nel suo rapporto un aspetto positivo: il telelavoro ha permesso di ridurre la perdita di posti di lavoro nel settore privato. I salari sono aumentati in media del 6%, ma questi dipendenti hanno lavorato da remoto altre due ore a settimana. Il telelavoro è più comune nel nord Italia, ma i più intelligenti sono scesi in Puglia o in Sicilia per lavorare tutta l’estate.

negli Stati Uniti d’America, Nella Silicon Valley, in California, i giganti digitali hanno paradossalmente faticato a passare al lavoro a distanza. Tuttavia, Employee Day Google, Facebook o Netflix è davanti allo schermo. Tiene videoconferenze, invia e-mail e dedica il suo tempo a programmi per computer. Quali compiti primitivi possono essere svolti da casa. Ma aziende come Apple hanno investito in campus ultramoderni, vere città in cui trascorri la giornata vivendo e lavorando.

READ  Possibili linee, canale e orario della partita

A causa degli alti costi degli alloggi nell’area di San Francisco, la maggior parte dei dipendenti non vive in splendide case vicino al Pacifico, ma piuttosto in alloggi piccoli e costosi. Qualche mese fa, quando le autorità locali hanno considerato di imporre il lavoro domestico a sei dipendenti su dieci di queste grandi aziende, è stata una vera protesta. Quindi il piano di telelavoro della Baia di San Francisco è abbandonato per ora.

In Cina, L’epidemia è iniziata un anno fa, ma dove ora sembra essere sotto controllo, il lavoro a distanza è finito! L’anno scorso centinaia di milioni di cinesi hanno lavorato dietro i loro computer, ma ormai è un ricordo del passato, tutti sono tornati a lavorare nei siti di produzione.

Tuttavia, i cinesi sono stati i primi a telelavoro un anno fa, quando la situazione era ritenuta pericolosa. Durante il grande blocco in Cina, il 40% della popolazione attiva fu costretta a rimanere e lavorare a casa. Circa il 12% è stato autorizzato a rimanere sul posto di lavoro, compreso l’intero settore medico. Poi ci sono gli altri, quasi il 50% della popolazione che è rimasta in congedo forzato all’indomani del capodanno cinese.

La situazione è cambiata alla fine della primavera del 2020, quando l’epidemia si è placata. Lavoratori e migranti tornano nella fabbrica del mondo, soprattutto nel sud della Cina.

Durante questo periodo, l’economia digitale è cresciuta molto. Le società hanno organizzato molte videoconferenze su piattaforme come Alibaba o WeChat. Queste sono abitudini rimaste dopo l’epidemia.

In Olanda, Il lavoro a distanza è supervisionato e regolamentato. Le aziende sono persino obbligate ad aiutare il dipendente a stabilirsi correttamente a casa. Nei paesi dell’Europa settentrionale, lo sviluppo del lavoro a distanza ha preceduto l’epidemia.

READ  Il ruolo del 16 ° | Il Porto spazza via la Juventus in Champions

In questo paese, i datori di lavoro sono tenuti per legge a fornire un ambiente di lavoro efficiente, sano e piacevole per i propri dipendenti. Spesso forniscono assistenza finanziaria per creare un ufficio a casa.

Si stima che oggi gli ingorghi nei Paesi Bassi siano inferiori del 30% rispetto al livello del 2019, indicando un aumento del telelavoro. Il 20% degli olandesi non mette più piede in ufficio. Ma questa situazione non è dovuta all’epidemia.

Nel 2019, Paesi Bassi e Finlandia erano già al vertice della piattaforma di telelavoro: il 14% degli olandesi non ha lasciato la propria casa per lavorare, mentre la media europea era del 5%.

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *