Charlottesville potrebbe finalmente rimuovere le statue dei generali confederati

(Falls Church) La più alta corte della Virginia giovedì ha stabilito che la città di Charlottesville può rimuovere due statue di generali confederati, inclusa la statua di Robert E. Lee che si trovava nel mezzo di un violento raduno della supremazia bianca nel 2017.


Matthew Barakat e Michael Kunzelman
Agenzia di stampa

La Corte Suprema dello stato ha annullato una sentenza del tribunale di circoscrizione a favore di un gruppo di residenti che ha fatto causa per impedire alla città di rimuovere una statua di Lee e un’altra statua vicino al generale Thomas J. Stonewall, Jackson. Il consiglio comunale di Charlottesville ha votato per rimuovere le statue.

Il suprematista bianco e gli organizzatori neonazisti hanno dichiarato al raduno “Uniting the Right” di agosto 2017 a Charlottesville di essersi recati in città per difendere la conservazione di una statua di Lee. Si sono scontrati con i contro-manifestanti prima che un uomo entrasse in mezzo alla folla e uccidesse una donna.

La statua di Jackson fu eretta a Jackson Park nel 1921 e una statua di Lee fu eretta a Lee Park nel 1924. Nel 1918, la città accettò l’offerta di un residente di donare il terreno per le statue.

I funzionari della città hanno accolto con favore la mossa in una dichiarazione giovedì e hanno detto che intendono riqualificare gli spazi del parco in cui si trovano le statue “in un modo che promuove la guarigione e racconta la storia completa di Charlottesville”.

Nicoya Walker, sindaco di Charlottesville, ha ringraziato la comunità per “la loro perseveranza negli ultimi cinque anni”. “Per tutti noi che eravamo dalla parte giusta della storia, ben fatto!”, Ha detto.

READ  L'idea di un'aliquota fiscale minima sulle società a livello globale sta guadagnando terreno

Nella sentenza di giovedì, il giudice della Corte Suprema dello stato Bernard Goodwin ha affermato che le statue sono state erette molto prima che la legge statale del 1997 vietasse ai governi locali di rimuoverle.

Ha scritto che la legge non dovrebbe essere applicata retroattivamente; Coloro che hanno cercato di mantenere le statue in posizione hanno sostenuto che la chiara intenzione del legislatore è di farlo.

Mr. Goodwin ha scritto che la legge del 1997 “non concedeva alla città l’autorità di erigere statue, né ha impedito alla città di disfarsene”.

Braxton Poirier, uno degli avvocati dei residenti che ha intentato la causa, ha detto di non aver ancora letto la decisione e di non poter commentare immediatamente. Anche Frederick W. Payne, un avvocato di Charlottesville che era nella lista dei principali querelanti, ha rifiutato di commentare giovedì.

Richard Schrager, professore di diritto presso l’Università della Virginia specializzato nell’intersezione tra diritto costituzionale e diritto del governo locale, ha detto che si aspetta che la sentenza di giovedì sia l’ultima parola sul caso di lunga data. Perché non vede alcuna base per contestare la legge federale.

Una legge del 1997 che proibiva ai governi locali di rimuovere le statue delle figure confederate nel 2020 è stata abrogata dopo che i democratici hanno preso il controllo dell’Assemblea generale nelle elezioni del 2019. Da allora, i governi locali di tutto lo stato hanno rimosso le statue che esistono da un secolo o più.

La legge del 2020 impone determinati requisiti ai governi locali che cercano di rimuovere la statua, come tenere un’udienza pubblica e mostrare la statua a un museo o un’associazione storica per un possibile trasferimento. Nella sentenza di giovedì, i giudici hanno indicato in una nota a piè di pagina che stavano prendendo la loro decisione sulla base della vecchia legge.

READ  Il figlio di Donald Trump viene interrogato dai procuratori generali

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *