Campionato Italiano: l’Inter atomizza il Milan e prende il comando

Calendario | classifica

MILANO, Italia – L’Inter, guidata dall’implacabile duo Romelu Lukaku-Lautaro Martinez (il “LuLa”), ha atomizzato il Milan (3-0) nel derby portando a quattro punti la vetta della Serie A, dove il Napoli, battuto da Atalanta Bergamo (2-4), terreno perso.

Romelu Lukaku, dietro la prima delle due reti di Martinez e poi realizzatore del suo 17esimo gol a prendere il comando della classifica marcatori da solo, vinta da K.-O. il suo duello con Zlatan Ibrahimovic.

Lo svedese è stato il rossonero più pericoloso, ma non è bastato contro un Samir Handanovic eccezionale.

A poche settimane dal loro “scontro”, testa a testa, nei quarti di finale di Coppa Italia, “Ibra” e “Big Rom” si sono evitati accuratamente sul prato.

Con questa quarta vittoria consecutiva in campionato l’Inter, nonostante le incertezze sulla solidità finanziaria e sulle intenzioni del suo proprietario cinese, è in orbita per lo scudetto.

Con un calendario ormai ridotto alle restanti quindici gare di campionato, senza coppe europee o italiane, è la favorita per il titolo, undici anni dopo la sua 18esima e ultima incoronazione nazionale. Anche se Antonio Conte starà attento a non seppellire la Juventus, 5 ° a undici punti e due partite in meno.

Migliaia di fan

Anche Antonio Conte chiama subito a diffidare di … Genoa e Parma, i suoi prossimi due avversari.

“Psicologicamente, temo queste due partite, è qui che dovremo dimostrare di aver superato un traguardo. Queste due partite diranno molto su quello che possiamo fare ”, ha aggiunto l’allenatore.

Il Milan, dopo la sua magnifica prima parte di stagione, subisce la quarta sconfitta nel 2021 – la seconda consecutiva dopo La Spezia (0-2) – al termine di una “settimana difficile”, ha ammesso Stefano Pioli.

READ  Esplosione a Nashville, probabile suicidio - Corriere.it

In questo 228esimo “Derby de la Madonnina” che ha visto diverse migliaia di tifosi davanti a San Siro, l’Inter parte forte. Lukaku ha trafitto il fianco destro e ha trovato la testa di Lautaro Martinez che, entro sei metri, non ha rovinato l’offerta (5 °).

Il Milan, travolto per mezz’ora dalla vivacità di Barella, Hakimi, Brozovic, Perisic o Eriksen, riemerse e pensò addirittura di pareggiare al rientro dagli spogliatoi. Ma Handanovic ha tirato fuori il big game con due teste di Zlatan Ibrahimovic (46 °) poi davanti a Sandro Tonali (48 °).

La fortuna del Milan era passata: Martinez ha raddoppiato la puntata alla conclusione di un contropiede iniziato da Hakimi (57 °) e Lukaku si è incupito per aumentare il punteggio (66 °), sotto lo sguardo impotente di “Ibra”, sostituito a un quarto d’ora dal fine.

Osimhen su una barella

Giornata negativa anche per il Napoli e Gennaro Gattuso, logicamente battuti a Bergamo in un duello tra candidati al campionato top-4 sinonimo di Champions League.

Dopo un primo tempo soporifero, è stata un’altra coppia di attaccanti a far parlare la polvere: i colombiani del “Dea” Duvan Zapata e Luis Muriel (1 gol e 1 assist ciascuno), grandi artefici di un secondo periodo di colpi di scena.

Il Napoli, sembra sia venuto a cercare un punto, ha combattuto bene nonostante i tanti assenti (Mertens, Lozano, Petagna, Manolas …) ma senza avere le armi per resistere a un “Dea” in buona forma alla tre giorni per ospitare il Real Madrid. nell’andata degli ottavi di finale di Champions League.

Ancora brutte notizie per Gattuso, Victor Osimhen, reduce da una lunga assenza, è uscito dal campo in barella proprio alla fine del match dopo una scossa alla testa.

READ  "Una frase emozionante, è la nostra piazza Fontana" - Corriere.it

Gli esami effettuati in ospedale sono stati piuttosto rassicuranti ma il nigeriano ha dovuto pernottare a Bergamo per l’osservazione.

Il Napoli (7 °, 40 pt) si ritrova così in fondo al gruppo che segue Inter e Milan. Uno scheletro guidato dalla Roma (3 °, 44 pt), che in serata ha sprecato due punti, in superiorità numerica, sul campo del Benevento (0-0).

I giallorossi sono un punto davanti ad Atalanta (4 °) e Lazio (5 °) e due davanti a Juve (6 °) che lunedì sera hanno ancora la possibilità di raddoppiare tutto questo bel mondo se vincono sul Crotone, lanterna rossa.

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *