Calcio Italia – Inter a metà dopo il teso derby contro il Milan

ROMA, Italia – L’Inter ha conquistato il Milan (2-1) martedì nei quarti di finale di Coppa Italia, al termine di un intenso derby segnato dal teso duello tra Romelu Lukaku e Zlatan Ibrahimovic, quest’ultimo espulso nel secondo tempo.

Dopo il primo gol del Milan firmato “Ibra” al primo colpo (31esimo), “Big Rom” ha risposto per l’Inter nella ripresa dal dischetto (71esimo) mentre i rossoneri si sono ridotti a dieci.

Ed è stato Christian Eriksen, quello che non faceva più parte dei piani di Antonio Conte, a scendere dalla panchina a segnare il gol delle qualificazioni (90 + 7 °) durante un lunghissimo recupero dopo l’infortunio dell’arbitro principale.

Il duello dei pesi massimi tra Lukaku e Ibrahimovic resterà il simbolo di questo derby milanese. Partita calda in campo come già prima del calcio d’inizio davanti a San Siro dove si erano radunati più di mille tifosi dell’Inter, secondo i media italiani.

Un gol a testa ma soprattutto un’immagine a simboleggiare la tensione serale tra queste due squadre testa a testa al vertice del campionato: questo faccia a faccia, davanti a davanti, proprio alla fine del primo tempo tra il belga e lo svedese , che ha fatto guadagnare a tutti un cartellino giallo. Insulti che continueranno dopo il fischio dell’arbitro sulla strada per gli spogliatoi.

Raramente abbiamo visto il nazionale belga così arrabbiato, a quanto pare dopo le parole dello svedese, due giocatori che hanno giocato insieme al Manchester United per una stagione (2017-2018).

Il belga potrebbe anche essere stato infastidito dallo scenario di una partita. Ha ottenuto la prima grande occasione (24 °), ma ha visto il portiere rumeno Ciprian Tatarusanu, in carica Gianluigi Donnarumma (squalificato), respingere il suo tiro.

READ  "Un vecchio felice con un grande futuro"

Juventus possibile a metà

E pochi minuti dopo, “Ibra” lo segna al primo tiro, un tiro piazzato entrato con l’aiuto del palo (31 °).

Un gol chirurgico che ha permesso ai rossoneri di affrontare il vantaggio dopo un primo tempo serrato.

Ma il giallo ricevuto nel suo alterco con “Big Rom” è costato caro “Ibra”. Di nuovo ammonito nella ripresa per un errore inutile per interrompere un contropiede interno (58 °), lo svedese lascia i rossoneri a dieci.

Tanto più che gli interisti, con Achraf Hakimi entrato in contropiede, erano entrati abbastanza forti in questo secondo tempo, costringendo Tatarusanu a rilasciare alcuni palloni roventi.

In superiorità numerica, l’Inter spinge il Milan in fallo, Rafael Leao subisce un rigore – assegnato su intervento del VAR – dopo un placcaggio mal controllato su Nicolò Barella.

E chi oltre a Romelu Lukaku si fa carico della pena e pareggia nel suo match con “Ibra”, con lui anche l’aiuto di una cifra (71 °).

Il finale intenso del match – anche per l’arbitro infortunato che ha dovuto cedere il passo al quarto arbitro (79 °) – si volterebbe a favore dei nerazzurri. Tatarusanu è stato impeccabile davanti a Lautaro Martinez (89 °) e poi Lukaku (90 °) ma non ha potuto fare nulla sulla deliziosa punizione finale di Eriksen.

Un gol che manda l’Inter in semifinale (in due gare il 3 e 10 febbraio, a differenza dei quarti) contro Juventus o SPAL, unica rappresentativa di Serie B ancora in lizza in Coppa Italia, che si incontrano mercoledì.

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *