Calcio: e se Ryan Sharqi difendesse i colori dell’Italia?

Calcio: e se Ryan Sharqi difendesse i colori dell’Italia?

Francia, Algeria o… Italia? L’attaccante del Lione Ryan Shirky, a 19 anni, è in perdita. Da alcune settimane sappiamo che l’Algeria, la nazione di sua madre, è in corsa per cercare di impressionare il prodigio di OL.

Secondo La Repubblica, anche l’allenatore dell’Italia Roberto Mancini sarà interessato al profilo dell’OL, che ha segnato 4 gol e fornito 5 assist in 32 presenze in tutte le competizioni in questa stagione.

Questo status è stato reso possibile dal nonno paterno, originario della Puglia nel sud Italia. Del resto suo padre Fabrice è sempre stato soprannominato Fabio proprio in riferimento a queste origini. Quest’ultimo ha giocato da dilettante all’FC Vaulx-en-Velin.

Ad oggi, il Lyonnais ha indossato solo una maglia dei Bleus nelle categorie U16, U19 e U21. Senza alcuna selezione in A, ha quindi la possibilità di scegliere la nazione di cui difenderà i colori su un campo di calcio.

Per l’Italia, campione d’Europa ma saltata l’ultima finale di Coppa del Mondo in Qatar, le grandi manovre hanno cominciato a non conoscere più l’umiliazione di mancare la finale di Coppa del Mondo per la terza volta consecutiva in quattro anni.

Pertanto, la Federazione italiana cerca qualsiasi giocatore di origine italiana, chiamato “Oriondo”, che significa “un immigrato di origine italiana che vive fuori dall’Italia, così come i suoi discendenti”.

Ha già fatto la sua prima esperienza con Mateo Retegui. Il giocatore argentino del Boca Juniors, ceduto in prestito al Tigre, ha giocato la sua prima partita con la maglia azzurra il 23 marzo contro l’Inghilterra. Il 23enne, persona che non parla una parola di italiano ma ha la doppia cittadinanza grazie al nonno di origini transalpine, non ha evitato la sconfitta per la sua squadra ma ha segnato il suo primo gol (1-2). Un esempio che inevitabilmente fa pensare ai dirigenti transalpini ea Roberto Mancini, in particolare.

READ  Qual è l'importanza dello sport nella riduzione del morbo di Parkinson?

A fine marzo, Rayan Chergui ha confermato di non essersi ancora deciso tra Francia e Algeria. Ora l’Italia è invitata alle discussioni.

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *