Azione nascosta | Neymar aggredito da un ex dipendente

Azione nascosta |  Neymar aggredito da un ex dipendente

(Parigi) – L’ex giocatore del Paris Saint-Germain Neymar è stato aggredito davanti al tribunale del lavoro con l’accusa di “lavoro nascosto” da un’ex collaboratrice domestica che aveva lavorato nella sua casa di Bougival per un anno e mezzo, ha riferito mercoledì l’AFP insieme al suo avvocato. .


secondo pariginoQuesta madre brasiliana, che ha rivelato queste informazioni, chiede al Tribunale del Lavoro un risarcimento di 368mila euro (546mila dollari).

Dal gennaio 2021 all’ottobre 2022, “Neymar ha approfittato dell’instabilità della nostra cliente per imporle condizioni di lavoro inadeguate, in violazione delle norme fondamentali del diritto del lavoro”, hanno scritto i suoi avvocati Caroline Tupi e Vincent Champeter in una dichiarazione inviata all’AFP.

Secondo le stesse fonti, l’assunzione di questo lavoratore senza permesso di soggiorno ea tempo parziale, che avrebbe dovuto essere riclassificato come lavoro a tempo pieno a causa del numero di ore di lavoro, non è stata soggetta ad alcuna approvazione.

Gli avvocati hanno aggiunto: “Ci rammarichiamo che un personaggio del genere possa mostrare tanta disumanità, arrivando addirittura a cacciare di casa la nostra cliente pochi giorni prima della sua nascita prematura, mentre lamentava dolore”.

Secondo Toby e Champitier, Neymar è colpevole di “una chiara violazione delle norme di tutela legale relative alla maternità”. La sua espulsione dopo il parto “l’ha lasciata in uno stato di completa indigenza, a causa in particolare della sua incapacità di dichiararlo alle organizzazioni sociali”, scrivono in una lettera datata giugno e visionata dall’AFP, che proponeva una soluzione amichevole ma rimasta senza risposta.

“Dopo aver deferito la questione al tribunale del lavoro, stiamo ora valutando di dare a questo caso le conseguenze penali che merita”, hanno avvertito nuovamente mercoledì gli avvocati.

READ  L’Italia è spaventata ma sopravvive e la Polonia è condannata a blocchi stradali

Mercoledì sera l’Agence France-Presse non ha risposto all’entourage di Neymar.

You May Also Like

About the Author: Fina Lombardi

"Fanatico della cultura pop. Ninja zombi estremo. Scrittore professionista. Esperto di Internet".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *