A History of French Opera, From the Sun King to the Revolution – Lacombe, Herve-Fayard – Recensione del libro

All’inizio era il Re Sole, un re desideroso di collocare la Francia al centro economico, politico e artistico del mondo. Il nome dell’istituzione da lui fondata con brevetto datato 28 giugno 1669 indica le sue intenzioni: Non “Opera” ma “Royal Academy of Music”. L’arte lirica è nata in Italia attraversando le Alpi ed è diventata più un oggetto di intrattenimento che una quota di assoluta potenza e centralità. Ne è una prova il confronto tra l ‘”autosufficienza culturale” di Parigi e l’ “universalità culturale” di Venezia suggerito da Mario Armellini, musicologo specializzato in opere francesi e italiane del XVII e XVIII secolo: “Da un lato, la proprietà, il privilegio e la concentrazione dell’attività lirica in un luogo Uno, la creatività limitata e la formazione di un repertorio sempre ripetitivo; dall’altra repubblica, concorrenza di teatri, vigorosa attività creativa, fondamento in varie città italiane e in Europa . “

Su questa terra terrificante, per volontà del re, germoglia una forma di teatro cantato chiamato “tragedia in musica” e poi, dal Settecento, “tragedia lirica”. Per distinguerlo dal suo modello italiano? Il tipo che Armid De Lully rappresenta l’archetipo e sta rapidamente acquisendo le proprie caratteristiche. La lingua francese dà al lettore un posto ponderato; La danza diventa un punto fermo dello spettacolo. Dopo la morte di Lully, è stata sviluppata una nuova forma: la mini-opera. L’opera comica della fornicazione è nata in fiera. L’Italia cerca vendetta sullo sfondo delle controversie interne, così che la rivoluzione volta pagina.

È qui che finisce il secondo volume – in ordine di pubblicazione ma in ordine cronologico del primo – da Una storia dell’opera francese, Una trilogia iniziata lo scorso anno da Hervé Lacombe, circondato da un team internazionale di quasi duecento autori – musicologi, storici, filosofi, ecc. Ricco di 250 illustrazioni, il tema non si limita all’unica versione della storia che è stata letta più volte. Il profilo degli autori testimonia la volontà di andare oltre il quadro storico per offrire un’analisi delle opere francesi del XVII e XVIII secolo.e Secoli attraverso le condizioni pratiche della sua esistenza e le sue ramificazioni sociali e culturali.

READ  Pitti Uomo 99: la seconda edizione del progetto Sustainable Green Style

Da Parigi, l’opera si è diffusa nei territori. I teatri inizialmente improvvisati, spesso sui campi da tennis, sono passati di mano all’età di 18 annie Un monumento in pietra Century of Time per stabilirsi definitivamente in un paesaggio urbano. Dal 1750 al 1773, lo storico Max Fox contò l’apertura di 23 edifici permanenti. Tra il 1749 e il 1789, il sociologo Georges Escovier ha elencato 71 soldati attivi in ​​28 città nel sud-est. Queste poche personalità testimoniano il turbinio di un genere letterario che “alimenta i nervi nella società francese”, la sua letteratura e le sue arti, la cui influenza supera rapidamente i nostri limiti. Hervé Lacombe afferma che nella sua giovinezza Beethoven compose variazioni sull’argomento Riccardo Cuor di Leone Di Grétry.

Nessuno è dimenticato in questo meraviglioso panorama, nemmeno le donne che furono oggetto di un capitolo a parte, prima dell’epilogo, di cento pagine, trattate, sempre sotto forma di articoli. Alcuni incroci inesplorati. In particolare l’antagonismo tra il concetto di barocco e il classicismo. Si può immaginare la rabbia di Rousseau all’idea che gli fosse caro Padrona cameriera, PerOpera comica Questo ha scatenato la lite di Buffon, oggi si qualifica come barocco allo stesso modo della musica di Rameau! “Marion LaVogue ride.

Le etichette non contano. Plaudo al movimento “Barocco”, che ha permesso di suscitare interesse per un’intera sezione del nostro repertorio. “Conoscere, comprendere e apprezzare queste opere richiede la riscoperta della loro forma vocale e sorprendente. Ha senso, tuttavia, ricollegarsi a un’intera epoca e cultura lirica”, aggiunge Hervé Lacombe per giustificare il suo monumentale incarico. Attendiamo con impazienza il terzo pilastro (la cui data di pubblicazione non è stata ancora annunciata): Dalla bella età al mondo globalizzato.

READ  Dramma scioccante in Italia dove il motociclista Jason Dubascoyer, 19 anni, viene ucciso sul ring

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *